Mobility manager nella scuola? No al greenwashing sulla pelle di studenti e insegnanti

Ma perché la scuola deve supplire alle mancanze della politica? Il trasporto pubblico e la mobilità non sono forse competenza degli enti locali? La verità è che si tratta dell'ennesimo tentativo di greenwashing.

Men­tre nei ter­ri­to­ri si com­bat­te con le caren­ze dei mez­zi pub­bli­ci, mes­si in cri­si dai dop­pi tur­ni alle scuo­le supe­rio­ri e dal­le capien­ze limi­ta­te cau­sa pan­de­mia, qual­cu­no ha deci­so che sia la scuo­la a dover rea­liz­za­re la “tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca” (fino­ra, più che altro, una retro­mar­cia). E non da un pun­to di vista edu­ca­ti­vo, come già si fa, ma nel­la pra­ti­ca: un docen­te sarà mobi­li­ty mana­ger e dovrà sostan­zial­men­te orga­niz­za­re il tra­git­to casa-scuo­la degli stu­den­ti affin­ché esso sia sostenibile.

Se c’è una cosa che la scuo­la inse­gna a ogni alun­no è che non si può mai improv­vi­sa­re: si deve esse­re pre­pa­ra­ti pri­ma di cimen­tar­si in qual­sia­si attività.

Ebbe­ne, ora si chie­de ai docen­ti di improv­vi­sar­si mobi­li­ty mana­ger, quin­di di sot­trar­re tem­po ed ener­gie allo stu­dio, alla cor­re­zio­ne dei com­pi­ti, alla per­so­na­liz­za­zio­ne del­la didat­ti­ca per fare gra­tui­ta­men­te un altro mestie­re per il qua­le non han­no alcu­na for­ma­zio­ne. Ciò, non dimen­ti­chia­mo­lo, in ter­ri­to­ri in cui spes­so i mez­zi pub­bli­ci sono ine­si­sten­ti e gli enti loca­li latitanti.

Ma per­ché la scuo­la deve sup­pli­re alle man­can­ze del­la poli­ti­ca? Il tra­spor­to pub­bli­co e la mobi­li­tà non sono for­se com­pe­ten­za degli enti loca­li? Che toc­chi a loro occuparsene.

La veri­tà è che si trat­ta del­l’en­ne­si­mo ten­ta­ti­vo di gree­n­wa­shing: si fin­ge di fare qual­co­sa nel­la dire­zio­ne del­la mobi­li­tà soste­ni­bi­le e lo si fa fare gra­tis e sen­za alcu­na ridu­zio­ne di ora­rio ai docen­ti — uno per scuo­la — che se ne dovreb­be­ro occu­pa­re. Gli inse­gnan­ti sem­bra­no la cate­go­ria pro­fes­sio­na­le a cui si può chie­de­re di lavo­ra­re di più sen­za alcun rien­tro eco­no­mi­co, data l’elasticità men­ta­le e un sen­so del dove­re che li por­ta a sot­trar­si alle richie­ste mol­to raramente.

La que­stio­ne non è pura­men­te vena­le: rico­no­sce­re un paga­men­to, anche mini­mo, e la spe­ci­fi­ci­tà del­la pro­pria for­ma­zio­ne (per cui si ha la pro­fes­sio­na­li­tà per svol­ge­re una man­sio­ne spe­ci­fi­ca e non un’al­tra) signi­fi­ca rico­no­sce­re digni­tà al lavoratore.

La rispo­sta, lo chie­dia­mo alle orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li, può esse­re solo quel­la di rispe­di­re la richie­sta al mit­ten­te. Non sia­mo jol­ly a cui si può chie­de­re di fare tut­to, non sia­mo tut­to­lo­gi: abbia­mo le nostre spe­cia­liz­za­zio­ni e la nostra professionalità.

Rida­te­ci il tem­po del­lo stu­dio e del­l’in­se­gna­men­to, rida­te­ci la digni­tà del­la nostra pro­fes­sio­ne e smet­te­te di far­ci fare i “pera­cot­ta­ri”, costrin­gen­do­ci a improv­vi­sar­ci, anco­ra, in un lavo­ro che non è il nostro: ne va del­la qua­li­tà del­l’i­stru­zio­ne dei vostri figli.

San­dra Pen­ge e Rosal­ba Bonacchi

Comi­ta­to Scuo­la Possibile

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.