La questione climatica è una questione di disuguaglianza – #GreenSchool

Quando a Chennai, India, è finita l'acqua potabile, i ricchi hanno comunque avuto la possibilità e i mezzi per accedere in modo esclusivo ad un bene che dovrebbe essere universale.
#

Con questo post cominciamo una breve rassegna delle lezioni tenute durante la #GreenSchool di Possibile, che ha avuto luogo durante l’edizione 2019 del Politicamp. Per aderire e dare forza al nostro progetto, partecipa anche tu, scopri il progetto «FIRMAMENTO».

Quando a Chennai, India, è finita l’acqua potabile, i ricchi hanno comunque avuto la possibilità e i mezzi per accedere in modo esclusivo ad un bene che dovrebbe essere universale. Il grande sconvolgimento è insieme climatico, economico, sociale e politico. Tutto si tiene. La questione climatica è una questione di disuguaglianza. Sarà la maggiore pressione dell’opinione pubblica sul tema del cambiamento climatico a rovesciare l’equilibrio di potere fossile e ad avviare la transizione oppure la transizione avverrà solo quando saranno modificati gli assetti della finanza globale?

Davide Serafin cerca di rispondere a questo dilemma. Il suo intervento al Politicamp di Possibile.

ASCOLTA LE LEZIONI DELLA GREEN SCHOOL

VAI SU ILFIRMAMENTO.COM​

SCOPRI I SETTE PUNTI STRATEGICI E METTICI LA FIRMA

Guarda i video del panel conclusivo del Politicamp:

Beatrice Brignone – Resistenti

Giuseppe Civati – Il passaggio della borraccia

Paolo Cosseddu – Firmamento

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati