La priorità ambientale

Vener­dì 15 mar­zo è in pro­gram­ma lo scio­pe­ro mon­dia­le per il cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, che nasce dall’iniziativa soli­ta­ria di una quin­di­cen­ne di Stoc­col­ma, Gre­ta Thun­berg, che dal 20 di ago­sto del­lo scor­so anno ha ini­zia­to a non anda­re a scuo­la il vener­dì, mani­fe­stan­do inve­ce davan­ti al Par­la­men­to svedese.

Per­ché devo anda­re a scuo­la se quel­lo che mi inse­gna­no poi non vie­ne mes­so in pra­ti­ca?” ci dice Greta.

Sul­le que­stio­ni mon­dia­li che ci pone que­sto tema, que­stio­ni enor­mi, dal­lo scio­gli­men­to dei ghiac­ci pola­ri all’innalzamento del livel­lo del mare, dai muta­men­ti cli­ma­ti­ci e alle con­se­guen­ti migra­zio­ni, e tan­to altro, sia­mo più o meno tut­ti d’accordo, alme­no appa­ren­te­men­te.

Diven­ta inve­ce mol­to più dif­fi­ci­le affron­ta­re que­stio­ni par­ti­co­la­ri, cioè come decli­na­re que­sto impe­gno ambien­ta­li­sta con le altre varia­bi­li, in situa­zio­ni cir­co­scrit­te.

Acca­de infat­ti, ad esem­pio, che nel riden­te appen­ni­no par­men­se, e più pre­ci­sa­men­te a Bor­go Val di Taro, ven­ga ria­per­ta una fab­bri­ca che pro­du­ce ceramica.

L’apertura por­ta posti di lavo­ro, l’amministrazione loca­le quin­di la sostie­ne e ne fa un caval­lo di bat­ta­glia elet­to­ra­le e tut­ti sono contenti.

Ma quan­do ini­zia la pro­du­zio­ne vera e pro­pria, ini­zia­no anche i pro­ble­mi, sia di carat­te­re olfat­ti­vo, per­ché dal­la fab­bri­ca (che uti­liz­za mac­chi­na­ri moder­ni e com­ple­ta­men­te diver­si da quel­li pre­e­si­sten­ti) pro­ma­na un odo­re sgra­de­vo­lis­si­mo, e anche di carat­te­re sani­ta­rio, per­ché gli abi­tan­ti, soprat­tut­to i bam­bi­ni del­la vici­na scuo­la, ini­zia­no ad ave­re irri­ta­zio­ni cuta­nee e pro­ble­mi respi­ra­to­ri, in con­co­mi­tan­za con la pro­du­zio­ne di emis­sio­ni.

La pro­te­sta sale, e intan­to le case ven­go­no deprez­za­te per­ché anche solo con l’odore nes­su­no com­pra e chi se ne vuo­le anda­re non rie­sce a ven­de­re, il turi­smo cala, le pic­co­le impre­se vici­ne si spo­sta­no per­ché i lavo­ra­to­ri (gli altri) non voglio­no più lavo­ra­re vici­no alla fab­bri­ca in questione.

I cit­ta­di­ni si orga­niz­za­no in un comi­ta­to, L’Aria del Bor­go, e comin­cia­no a stu­dia­re la situa­zio­ne, sia dal pun­to di vista scien­ti­fi­co (qua­li sostan­ze ven­go­no emes­se, in qua­li quan­ti­tà) che meteo­ro­lo­gi­co (per­ché rista­gna­no sul pae­se) che ammi­ni­stra­ti­vo (se cioè le auto­riz­za­zio­ni e l’iter buro­cra­ti­co sono regolari).

Al momen­to, con un’indagine del­la pro­cu­ra in cor­so, si è in atte­sa di sape­re esat­ta­men­te se vi sia­no e qua­li sia­no le sostan­ze dan­no­se, e se, nel caso, pos­sa esse­re rag­giun­ta pro­va scien­ti­fi­ca del nes­so di cau­sa­li­tà con i malesseri.

È cer­to che il pro­ble­ma nasca dal­la con­for­ma­zio­ne del luo­go, non adat­to per­ché non con­sen­te la disper­sio­ne del­le emis­sio­ni che inve­ce rica­do­no a ter­ra, e che l’iter buro­cra­ti­co non sia sta­to del tut­to rego­la­re, tan­to che con l’intervento del­la Regio­ne lo stes­so vie­ne pra­ti­ca­men­te rifatto.

Ne nasce un con­ten­zio­so mol­to dif­fi­ci­le, con la politica(che è quel­la che gover­na l’Emilia Roma­gna, per inten­der­ci) ma soprat­tut­to, ahi­mè, con il sin­da­ca­to, che addi­rit­tu­ra sosten­go­no un ulte­rio­re aumen­to del­la pro­du­zio­ne, con la pro­mes­sa di ulte­rio­ri posti di lavoro.

Un con­ten­zio­so che, va det­to, solo il (buon) sen­so civi­co dei rap­pre­sen­tan­ti del comi­ta­to impe­di­sce vada oltre la con­trap­po­si­zio­ne di idee.

Per­ché, pur­trop­po, per una par­te mol­to ampia anche del­la sini­stra, o sedi­cen­te tale, il lavo­ro vie­ne sem­pre e comun­que pri­ma di tut­to, in que­sto caso pri­ma del­la salu­te, e le obie­zio­ni ven­go­no auto­ma­ti­ca­men­te cata­lo­ga­te come inven­ta­te e strumentali.

Un lavo­ro che, spes­so e volen­tie­ri, è anco­ra­to a vec­chie filie­re indu­stria­li, a un model­lo di svi­lup­po che vede nel­l’am­bien­te una risor­sa da depre­da­re, inve­ce di sfrut­tar­ne le poten­zia­li­tà con pro­get­ti eco­so­ste­ni­bi­li che pos­so­no dare anco­ra più sboc­chi occupazionali.

Sta­re­mo a vede­re gli esi­ti del­le peri­zie e del­le inchie­ste, non­ché del­le pro­ce­du­re e del­le ana­li­si, spe­ran­do che tut­to si risol­va per il meglio, che si fac­cia chia­rez­za e che si tro­vi una solu­zio­ne che con­tem­pe­ri l’esigenza occu­pa­zio­na­le con il sacro­san­to dirit­to alla salu­te, che anche dal pun­to di vista costi­tu­zio­na­le dovreb­be pre­va­le­re sempre.

Però a mio som­mes­so pare­re una sini­stra dav­ve­ro ambien­ta­li­sta si pre­oc­cu­pa pri­ma dell’ambiente e del­la salu­te e poi anche del lavo­ro, per­ché sen­za ambien­te vivi­bi­le non ci pos­so­no esse­re né salu­te né lavo­ro.

Ricor­dia­mo­ce­lo vener­dì quan­do mani­fe­ste­re­mo in tut­to il mondo.

Ricor­dia­mo­ci che l’impegno ambien­ta­li­sta va decli­na­to dal Polo Nord fino a Bor­go Val di Taro, pro­vin­cia di Par­ma, altri­men­ti non si è cre­di­bi­li, lavo­ran­do sem­pre per la solu­zio­ne miglio­re e pri­vi­le­gian­do sem­pre la tute­la del­la salute.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.