«La nostra lotta è mondiale»: un messaggio dal Brasile agli Stati generali delle donne di Possibile

Abbiamo ancora la speranza di vincere l’odio e il fascismo domani. In ogni modo, siamo pronte a resistere e a lottare contro un governo rivolto a una minoranza privilegiata e contrario alla libertà di espressione e al diritto alla diversità.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ho sapu­to degli “Sta­ti Gene­ra­li dele Don­ne di Pos­si­bi­le”, che si sono svol­ti negli scor­si gior­ni a Bolo­gna, e vor­rei uni­re la for­za del­le don­ne bra­si­lia­ne alla for­za del­le don­ne ita­lia­ne e di tut­to il mon­do.

Noi, in Bra­si­le, abbia­mo attra­ver­sa­to una cam­pa­gna poli­ti­ca mol­to dif­fi­ci­le, con­tro il can­di­da­to di estre­ma destra, Jair Bol­so­na­ro, che rap­pre­sen­ta il fasci­smo e un pos­si­bi­le ritor­no alla dit­ta­tu­ra mili­ta­re. Tra tan­ti discor­si omo­fo­bi e raz­zi­sti, ha dichia­ra­to che le don­ne dovreb­be­ro ave­re uno sti­pen­dio mino­re di quel­lo degli uomi­ni per­ché riman­go­no incin­te e, dopo una discus­sio­ne, ha det­to pub­bli­ca­men­te ad una  depu­ta­ta che non meri­ta­va nean­che di esse­re stu­pra­ta.

Tan­tis­si­mi bra­si­lia­ni lo vedo­no come il sal­va­to­re del­la patria, il can­di­da­to one­sto, che ‘puli­rà’ il Bra­si­le dal­la cor­ru­zio­ne, dei ‘ros­si’,  dal vit­ti­mi­smo del­le don­ne, dagli omos­ses­sua­li, dai neri. Di con­se­guen­za, è sta­ta sca­te­na­ta un’ondata di vio­len­za con­tro per­so­ne di sini­stra, con casi di omi­ci­di, come l’artista Moa do Katen­dê, ucci­so nel­la cit­tà di Sal­va­dor da Bahia da un elet­to­re di Bol­so­na­ro, dopo aver dichia­ra­to di vota­re per la sinistra.

Nono­stan­te l’avvertimento del­la stam­pa Inter­na­zio­na­le, dell’ONU, di arti­sti e intel­le­tua­li bra­si­lia­ni, di depu­ta­ti dell’Unione Euro­pea, di per­so­na­li­tà inter­na­zio­na­li, come Madon­na e Roger Waters, più del 50% degli elet­to­ri bra­si­lia­ni cre­do­no cie­ca­men­te a quel­lo che dice il can­di­da­to di destra, in una cam­pa­gna basa­ta su “fake news”.

Abbia­mo lavo­ra­to sodo per gua­da­gna­re voti per il can­di­da­to di sini­stra, Fer­nan­do Had­dad. Abbia­mo fat­to mani­fe­sta­zio­ni, denun­ce di fake news, sia­mo anda­te nei par­chi e invi­ta­to la gen­te inde­ci­sa a pren­de­re un caf­fè e par­la­re di polí­ti­ca, abbia­mo orga­niz­za­to nuclei di lavo­ri, scrit­to let­te­re aper­te e mani­fe­sti, nono­stan­te le minac­ce gior­na­lie­re e il silen­zio del­la stampa.

Abbia­mo anco­ra la spe­ran­za di vin­ce­re l’odio e il fasci­smo doma­ni. In ogni modo, sia­mo pron­te a resi­ste­re e a lot­ta­re con­tro un gover­no rivol­to a una mino­ran­za pri­vi­le­gia­ta e con­tra­rio alla liber­tà di espres­sio­ne e al dirit­to alla diversità.

La nostra lot­ta è mon­dia­le. Sia­mo con voi!

Thais Boni­ni

Salvador/Bahia/Brasile[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.