La lezione fatta agli studenti sbagliati: una risposta a Piero Bevilacqua

E’ vero che la distrazione di tanta parte della politica verso i temi della scuola è stata dannosa, ma altrettanto dannosa è la distrazione di chi della politica dovrebbe parlare dopo essersi adeguatamente informato.
e-scuola

[vc_row][vc_column][vc_column_text]E’ vero che la distra­zio­ne di tan­ta par­te del­la poli­ti­ca ver­so i temi del­la scuo­la è sta­ta dan­no­sa, ma altret­tan­to dan­no­sa è la distra­zio­ne di chi del­la poli­ti­ca dovreb­be par­la­re dopo esser­si ade­gua­ta­men­te informato.

Anche Pie­ro Bevi­lac­qua e i redat­to­ri de Il Mani­fe­sto sono for­se un po’ distrat­ti, quan­do lamen­ta­no che la sini­stra non pre­sen­ta “indi­ca­zio­ni pro­gram­ma­ti­che lim­pi­de e net­te” sul­la scuo­la. Se capi­tas­se loro di vol­ge­re lo sguar­do ver­so le pro­po­ste di Libe­ri e Ugua­li, avreb­be­ro di che ricredersi. 

Non solo il pri­mo pun­to del pro­gram­ma elet­to­ra­le è rela­ti­vo a istru­zio­ne e ricer­ca e pren­de una posi­zio­ne chia­ra e net­ta con­tro la 107 — vi si leg­ge infat­ti, fin dal­le pri­me righe: «Dob­bia­mo can­cel­la­re la logi­ca del­la cosid­det­ta “Buo­na scuo­la”» — ma c’è un buon nume­ro di can­di­da­ti e can­di­da­te che, come me, stan­no impo­stan­do la cam­pa­gna elet­to­ra­le pre­va­len­te­men­te su que­sto tema.

Sto incon­tran­do in que­ste set­ti­ma­ne cen­ti­na­ia di per­so­ne a cui pre­sen­to sen­za mez­zi ter­mi­ni la nostra volon­tà di can­cel­la­re la 107 e, con que­sta, anche tut­te le pseu­do­ri­for­me che l’hanno pre­ce­du­ta, e nel­la cui scia per­fet­ta­men­te si inse­ri­sce, ad ope­ra di Morat­ti e Gel­mi­ni.

Noi sia­mo infat­ti con­vin­ti che si deb­ba libe­ra­re il cam­po da que­sti pro­gres­si­vi ten­ta­ti­vi di disar­ti­co­la­re la scuo­la, di ren­der­la subal­ter­na a una logi­ca impren­di­to­ria­le, inse­ren­do­vi a for­za mostri come l’alter­nan­za scuo­la-lavo­ro, e ridar­le il fon­da­men­ta­le ruo­lo che le spet­ta di luo­go di for­ma­zio­ne intel­let­tua­le, cul­tu­ra­le e civi­le del­le gio­va­ni generazioni. 

Sia­mo tal­men­te avver­si alla 107 che ai nostri incon­tri di cam­pa­gna elet­to­ra­le ospi­tia­mo anche il comi­ta­to che sta rac­co­glien­do fir­me per la leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re “Per la scuo­la del­la Costi­tu­zio­ne”, pur di age­vo­la­re ogni per­cor­so che inter­rom­pa quel­la deriva.

Spe­ro che le mie paro­le non resti­no ina­scol­ta­te, per­ché vedo che Pie­ro Bevi­lac­qua, nel suo arti­co­lo ne “il Mani­fe­sto”, usa un meto­do peri­co­lo­sa­men­te simi­le a quel­lo del MIUR: costrui­sce un’imma­gi­ne lon­ta­na dal vero di Libe­ri e Ugua­li, così come fa il MIUR con gli inse­gnan­ti, per poi cri­ti­car­ne le sup­po­ste lacune. 

Da col­ma­re con cosa? Il MIUR ci ha affib­bia­to l’alternanza scuo­la lavo­ro. Cos’altro dovrem­mo dire affin­ché la nostra voce sia udi­ta anche da Bevi­lac­qua? Nasce il sospet­to che solo il ritor­no alla scuo­la gen­ti­lia­na lo soddisferebbe.

Eula­lia Grillo

Can­di­da­ta di Libe­ri e Ugua­li nel col­le­gio uni­no­mi­na­le del Sena­to di Fer­ra­ra, Imo­la, San Gio­van­ni in Per­si­ce­to[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.