La Gran Bretagna dice “End Tampon Tax”, mentre in Italia ride solo Fazio

L’Unione Europea e il governo britannico hanno raggiunto un accordo per azzerare la tassa del 5% imposta sugli assorbenti, mentre in Italia l'Iva è al 22% e la battaglia di Possibile per ridurla fa ridere solo Che Tempo che Fa.

In Gran Bre­ta­gna le mestrua­zio­ni non saran­no più un lus­so. La bat­ta­glia di Lau­ra Croy­don e altre tan­tis­si­me don­ne bri­tan­ni­che che ave­va­no lan­cia­to una peti­zio­ne per abo­li­re le tas­se sugli assor­ben­ti, con­si­de­ra­ti beni non essen­zia­li, è a una svol­ta: l’Unione Euro­pea e il gover­no bri­tan­ni­co han­no infat­ti rag­giun­to un accor­do gra­zie al qua­le il Regno Uni­to potrà final­men­te azze­ra­re la tas­sa del 5% impo­sta fino­ra sui pro­dot­ti sanitari.

Come in Fran­cia, anche in Gran Bre­ta­gna la tam­pon tax ha pro­vo­ca­to la mobi­li­ta­zio­ne di schie­ra­men­ti di don­ne, sce­se in piaz­za con­tro quel­la che vie­ne con­si­de­ra­ta un’im­po­sta ini­qua e ses­si­sta. Gra­zie alla con­ces­sio­ne Ue, d’o­ra in poi i tam­pax ingle­si saran­no esentasse.

E men­tre a New York gli assor­ben­ti ven­go­no distri­bui­ti nel­le scuo­le, rega­la­ti alle stu­den­tes­se pro­ve­nien­ti da fami­glie indi­gen­ti, in Ita­lia non si va oltre la reto­ri­ca del benal­tri­smo con il prez­zo degli assor­ben­ti che viag­gia con il 22% del­l’I­va (mol­to più del 5% del­la Gran Bre­ta­gna).

Pos­si­bi­le con Bea­tri­ce Bri­gno­ne e Pip­po Civa­ti nei mesi scor­si ha pre­sen­ta­to un pro­get­to di leg­ge, per far rien­tra­re assor­ben­ti, cop­pet­te e tam­po­ni vagi­na­li tra i beni di pri­ma neces­si­tà (depo­si­tan­do nel­la stes­sa data anche ana­lo­ga pro­po­sta per­ché la stes­sa ali­quo­ta — per beni di pri­ma neces­si­tà — sia appli­ca­ta anche ai pro­dot­ti igie­ni­ci, ali­men­ta­ri e altri acces­so­ri per l’infanzia). Se con­si­de­ria­mo, infat­ti, che l’essere don­na impli­ca ave­re, nell’arco del­la pro­pria vita, le mestrua­zio­ni una vol­ta al mese, per cir­ca qua­ran­ta anni, è neces­sa­rio riflet­te­re anche su quan­to inci­de eco­no­mi­ca­men­te l’acquisto e l’uso di assor­ben­ti e tam­po­ni. Tut­ta­via, il pro­ble­ma non deve esse­re valu­ta­to sem­pli­ce­men­te da un pun­to di vista eco­no­mi­co-finan­zia­rio, ma anche sot­to un pro­fi­lo socia­le.

La pro­po­sta di Pos­si­bi­le fa par­te del pro­get­to com­ples­si­vo #Pari­Spe­sa  che vuo­le equi­pa­ra­re il costo dei pro­dot­ti desti­na­ti alle don­ne rispet­to a quel­li desti­na­ti agli uomi­ni. “Sem­bra un’assurdità (e lo è) ma gli stes­si pro­dot­ti se desti­na­ti alle don­ne costa­no più di quan­to non costi­no agli uomi­ni. In Uk si par­la del 37% in più”, come ha scrit­to Civa­ti, il qua­le ha chie­sto a Lucia­na Lit­tiz­zet­to di diven­ta­re testi­mo­nial di que­sta cam­pa­gna, “sen­za sim­bo­li, se non quel­lo sem­pli­ce e imme­dia­to dell’uguaglianza”. La stes­sa Lit­tiz­zet­to ave­va infat­ti iro­niz­za­to sul­la cam­pa­gna “Stop Tam­pon Tax” duran­te la tra­smis­sio­ne Che Tem­po Che Fa con­dot­ta da Fabio Fazio, in un ecces­so di benaltrismo.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.