La Commissione vara un’economia di guerra

di Ales­san­dro Tin­ti, Euro­pa Possibile

Il 9 mag­gio il Par­la­men­to Euro­peo riu­ni­to in ses­sio­ne ple­na­ria ha appro­va­to a lar­ga mag­gio­ran­za la pro­ce­du­ra d’ur­gen­za pro­po­sta dal­la Com­mis­sio­ne Euro­pea per incre­men­ta­re la pro­du­zio­ne di muni­zio­ni pesan­ti e acce­le­rar­ne l’invio in Ucrai­na. Il pia­no, noto come Act in Sup­port of Ammu­ni­tion Pro­duc­tion (ASAP), pre­ve­de lo stan­zia­men­to di un miliar­do di euro a bene­fi­cio del­le azien­de pro­dut­tri­ci di arma­men­ti per avvia­re nuo­ve linee di pro­du­zio­ne e garan­ti­re l’approvvigionamento di muni­zio­ni. Nel minor tem­po pos­si­bi­le, come sug­ge­ri­sce l’acronimo, tan­to che la Com­mis­sio­ne Euro­pea ha invo­ca­to la pro­ce­du­ra d’urgenza per accor­cia­re i tem­pi del­la discus­sio­ne par­la­men­ta­re. Inve­ce, il Par­la­men­to avreb­be avu­to biso­gno di tem­po per com­pren­de­re la por­ta­ta di un prov­ve­di­men­to che tra­sci­na l’Unione Euro­pea den­tro “un’economia di guer­ra”, come espres­sa­men­te riba­di­to dal Com­mis­sa­rio euro­peo per il mer­ca­to inter­no Thier­ry Breton. 

Fare pre­sto per fare male. Secon­do i dati del SIPRI, l’istituto di ricer­ca inter­na­zio­na­le sul­la pace di Stoc­col­ma, nell’ultimo anno si è regi­stra­to il più for­te aumen­to del­la spe­sa mili­ta­re in Euro­pa dal­la Guer­ra Fred­da. La cor­sa agli arma­men­ti è però ini­zia­ta ben pri­ma del­lo scop­pio del­la guer­ra in Ucrai­na: già nell’aprile 2021 il Par­la­men­to ave­va appro­va­to un Fon­do Euro­peo per la Dife­sa (EDF) da 7.9 miliar­di di euro con l’obiettivo di forag­gia­re la ricer­ca e lo svi­lup­po di armi e tec­no­lo­gie mili­ta­ri — e con buo­na pace dell’articolo 41, com­ma 2, del TUE che proi­bi­sce espli­ci­ta­men­te il finan­zia­men­to di ope­ra­zio­ni che han­no impli­ca­zio­ni nel set­to­re mili­ta­re o del­la dife­sa con il bilan­cio dell’Unione. Per aggi­ra­re l’ostacolo, con l’EDF pri­ma e l’ASAP ora, si è pen­sa­to di dare una fac­cia­ta di legit­ti­mi­tà attra­ver­so l’art. 173 del TFUE che defi­ni­sce le com­pe­ten­ze dell’Unione nell’ambito del­le poli­ti­che indu­stria­li. Si trat­ta di una for­za­tu­ra giu­ri­di­ca, ma che se non altro illu­mi­na i rea­li bene­fi­cia­ri di que­sto enor­me efflu­vio di dena­ro pub­bli­co: le impre­se del com­par­to bel­li­co, che han­no sus­sur­ra­to al Com­mis­sa­rio Bre­ton il nuo­vo pac­chet­to di misu­re per rilan­cia­re il settore. 

Men­tre l’Unione Euro­pea fati­ca a rita­gliar­si un ruo­lo per la solu­zio­ne nego­zia­le del con­flit­to in Ucrai­na e ha per­so per stra­da la sua mis­sio­ne di poten­za civi­le, la Com­mis­sio­ne ha intan­to stac­ca­to un asse­gno in bian­co a favo­re dei gran­di pro­dut­to­ri euro­pei di arma­men­ti. Uno degli aspet­ti più allar­man­ti del pia­no è che le azien­de del set­to­re potran­no attin­ge­re ai fon­di strut­tu­ra­li del bilan­cio euro­peo, così come a quel­li stan­zia­ti per il PNRR. Come ha spie­ga­to Fran­ce­sco Vignar­ca, coor­di­na­to­re del­le cam­pa­gne di Rete Ita­lia­na Pace e Disar­mo, la con­se­guen­za è che per pre­mia­re gli indu­stria­li del­le armi si dovran­no taglia­re risor­se ai fon­di di svi­lup­po regio­na­le, socia­le e di coe­sio­ne, ossia a quel­le risor­se vol­te a ridur­re le dispa­ri­tà eco­no­mi­che e ter­ri­to­ria­li, a miglio­ra­re l’occupazione e le oppor­tu­ni­tà di lavo­ro, a con­tra­sta­re pover­tà ed esclu­sio­ne socia­le, a garan­ti­re pos­si­bi­li­tà di for­ma­zio­ne e istru­zio­ne, a raf­for­za­re l’uguaglianza di gene­re e il benes­se­re del­le per­so­ne. Come se non bastas­se, il pia­no con­sen­ti­rà alle azien­de di dero­ga­re alle nor­ma­ti­ve comu­ni­ta­rie in tema di ora­rio di lavo­ro, auto­riz­za­zio­ni ambien­ta­li e con­trat­ti pubblici. 

È l’economia di guer­ra, che dal­la guer­ra gene­ra pro­fit­ti. È il vuo­to del­la poli­ti­ca, asser­vi­ta ad inte­res­si di par­te. Ben­ché l’i­ter acce­le­ra­to pre­lu­da ad un voto favo­re­vo­le nel­la pros­si­ma ple­na­ria, chie­dia­mo ai grup­pi par­la­men­ta­ri un atto di lun­gi­mi­ran­za e respon­sa­bi­li­tà: bloc­ca­re il pia­no di sov­ven­zio­ni all’in­du­stria bel­li­ca e rimet­te­re al cen­tro del­l’a­zio­ne euro­pea la costru­zio­ne di un per­cor­so di pace per la ces­sa­zio­ne del con­flit­to in Ucraina.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.