Jobs Act / Clamorose balle, disse il presidente

Se sono 'clamorose balle' i commenti dei giornalisti circa i numeri delle attivazioni contrattuali di questo trimestre, lo erano anche quelle dello scorso anno. Questo in sintesi il commento che verrebbe da scrivere in merito alle dichiarazioni di Matteo Renzi pronunciate nell'ormai trito e ritrito #matteorisponde.

Se sono ‘cla­mo­ro­se bal­le’ i com­men­ti dei gior­na­li­sti cir­ca i nume­ri del­le atti­va­zio­ni con­trat­tua­li di que­sto tri­me­stre, lo era­no anche quel­le del­lo scor­so anno. Que­sto in sin­te­si il com­men­to che ver­reb­be da scri­ve­re in meri­to alle dichia­ra­zio­ni di Mat­teo Ren­zi pro­nun­cia­te nel­l’or­mai tri­to e ritri­to #mat­teo­ri­spon­de.

Dice Ren­zi:

Oggi nei dati tri­me­stra­li le assun­zio­ni in più, ovve­ro il sal­do posi­ti­vo, è meno gran­de del­lo scor­so anno. Non è che sta dimi­nuen­do l’oc­cu­pa­zio­ne: la cre­sci­ta pro­se­gue ma sic­co­me gli incen­ti­vi sono sta­ti ridot­ti con­ti­nua a un rit­mo meno for­te. Diran­no che ral­len­ta l’oc­cu­pa­zio­ne, ma la cre­sci­ta con­ti­nua, anche se con incen­ti­vi più bas­si va meno veloce.

Visto che la real­tà fat­tua­le dei nume­ri vie­ne costan­te­men­te ribal­ta­ta, dimen­ti­ca­ta, svi­li­ta, pro­via­mo con i disegni.

image

Que­sto gra­fi­co è mol­to bana­le e pen­sia­mo che pos­sa esse­re così spie­ga­to: il pri­mo tri­me­stre 2016 vede con­trar­si i con­trat­ti a tem­po inde­ter­mi­na­to di 53mila uni­tà: la varia­zio­ne nel tri­me­stre è nega­ti­va. O per meglio dire: il sal­do è nega­ti­vo. Oppu­re, anco­ra: il rit­mo non è meno for­te, è nega­ti­vo. Occor­re ripe­ter­lo? Ha capi­to, pre­si­den­te? Col­pi­sce il fat­to che il risul­ta­to sia addi­rit­tu­ra peg­gio­re di quan­to regi­stra­to nel mede­si­mo perio­do del 2014 (annus hor­ri­bi­lis per il lavo­ro), ove il gover­no non sta­va spen­den­do qual­che miliar­do di euro in sgra­vi contributivi.

Nel frat­tem­po, le atti­va­zio­ni net­te di con­trat­ti a ter­mi­ne sono cre­sciu­te sino a 272mila uni­tà, più del 2014 e del 2015. Ciò signi­fi­ca che i rap­por­ti di lavo­ro a ter­mi­ne tor­na­no ad esse­re mag­gior­men­te pre­va­len­ti nel­la distri­bu­zio­ne del­le tipo­lo­gie contrattuali.

Infi­ne le tra­sfor­ma­zio­ni, su cui tan­to si è spe­cu­la­to lo scor­so anno: rispet­to al 2015, sono sce­se del 23% men­tre riman­go­no sta­bi­li fra Feb­bra­io e Mar­zo (Feb. ’16: 24432; Mar. ’16: 24432), intor­no ai livel­li pre-incentivi.

La mora­le del­la favo­la del Jobs Act dovreb­be esse­re: fini­to il bonus, i pro­ble­mi del mer­ca­to del lavo­ro resta­no. Tut­to si risol­ve in una bol­la di sapo­ne, che con­tie­ne giu­sto qual­che miliar­do di euro.

A pro­po­si­to, Padoan sostie­ne che il tri­me­stre è un perio­do trop­po bre­ve per poter trar­re del­le con­clu­sio­ni: ne sia­mo feli­ci, poi­ché dice­va­mo la mede­si­ma cosa mesi or sono, nel pie­no del­la sbor­nia da festeg­gia­men­to Jobs Act. Non sem­bra ci abbia­no ascol­ta­ti. Peg­gio per noi.

Sapre­te per cer­to, inve­ce, del boom dei vou­cher. Curio­sa­men­te — ma nean­che tan­to — gli incre­men­ti mag­gio­ri del­l’ac­ces­so a que­sta for­ma di paga­men­to del lavo­ro avven­go­no al Sud e Iso­le (+52% / +55%, 1° trim. 2015 vs. 1° trim. 2016) e soprat­tut­to al Nord-Ove­st (+48%): que­sta ten­den­za avrà qual­co­sa a che fare con il feno­me­no del capo­ra­la­to, del lavo­ro edi­le irre­go­la­re, del­l’im­pie­go del­le badanti?

Il mon­te retri­bu­ti­vo net­to ero­ga­to tra­mi­te i vou­cher è pas­sa­to dai 92 milio­ni di euro del pri­mo tri­me­stre 2014, ai 236 milio­ni di euro del cor­ri­spet­ti­vo perio­do del 2016 (+155%). Un feno­me­no che non può non esse­re ogget­to di inda­gi­ne appro­fon­di­ta da par­te del­l’INPS e del Mini­ste­ro del Lavoro.

Quan­do avre­mo il det­ta­glio del­le tipo­lo­gie di impie­go che rica­do­no sot­to que­sta fat­ti­spe­cie? Capi­re il feno­me­no è fat­to­re impre­scin­di­bi­le per poi poter inter­ve­ni­re dal pun­to di vista legi­sla­ti­vo. E’ una volon­tà poli­ti­ca, che per ora latita.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.