La democrazia nei Comuni: la proposta di Possibile

“Nel nostro Paese i comuni eseguono effettivamente una funzione importantissima nell’organizzazione della vita politica. Sono le cellule germinali dello Stato. È nel comune che i cittadini e lo Stato si incontrano nel modo più diretto e più intenso. È qui che prende forma la relazione tra il singolo cittadino e la comunità.” (dal discorso tenuto a Guarda, Svizzera Cantone Grigioni, dal Consigliere Federale Schneider-Ammann, il primo agosto 2013 in occasione della festa nazionale)

Il senso dell’importanza di una democrazia larga sta tutto in questa frase: i Comuni sono la cellula germinale della politica ed è perciò dai Comuni che Possibile intende partire per costruire quella cultura di partecipazione che è sinonimo di co-decisione, corresponsabilità, consapevolezza, sussidiarietà.

L’appuntamento del prossimo 5 giugno è una splendida opportunità per dare spazio, e soprattutto corpo, al nostro modo di intendere la politica e la partecipazione e fare qualcosa di concreto per rendere più democratica e partecipata la vita politica delle Comunità.

Con la collaborazione di Più Democrazia in Trentino abbiamo messo a punto un progetto finalizzato a promuovere l’adozione di strumenti di democrazia diretta e deliberativa nei Comuni. Un progetto che prevede interventi concreti e mirati sugli Statuti dei Comuni – e sui regolamenti che ne derivano. Abbiamo costruito una proposta per mettere a disposizione strumenti che diano ai cittadini facoltà di esercitare la sovranità loro attribuita dalla Costituzione. Per farlo è necessario partire proprio dallo Statuto comunale, che è una “piccola Costituzione”, è la Carta fondativa della Comunità, è il Documento in cui sono fissati principi e valori della convivenza.

Iniziamo allora questo cammino lanciando un appello a tutte le candidate e candidati alle amministrative del prossimo 5 giugno. Tutti vuol dire proprio tutti. Non importa a quale Partito, Movimento, Coalizione o Lista civica appartengano. La democrazia è di tutti e creare migliori strumenti per esercitarla è fondamentale.

Chiediamo ai candidati di sottoscrivere il “patto di cittadinanza” e di impegnarsi formalmente, se avranno la sorte di essere eletti, per far sì che il Comune adotti gli strumenti di partecipazione proposti dal patto. È un impegno personale che ciascuno onorerà a seconda del ruolo e delle forze di cui disporrà.

Questo appello è un primo tassello di un progetto più ampio, che guarda a una nuova democrazia, possibile e necessaria. Non si tratta di sostituire la democrazia rappresentativa, bensì di rinforzarla e vivificarla – e legittimarla soprattutto. È una proposta concreta, è un progetto dallo sguardo lungo che spazia sino all’Europa, è un cammino lento e paziente. Possibile continuerà a lavorare a questo Progetto, coinvolgendo i proprio iscritti e chiunque desideri contribuire.

La partecipazione si fa, dirla non basta. E la si fa insieme, seriamente e rigorosamente.

Abbiamo un gran lavoro da fare.

L’utopia è possibile, dipende da noi.

SCARICA IL PATTO DI CITTADINANZA

Per ulteriori informazioni e per sottoscrivere il patto, [email protected]

  • 2
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait