Ius Soli, Civati-Maestri: Di Maio sbaglia, cittadinanza è diritto non premio

#

“Siamo molto contenti che sia data la cittadinanza a Rami, il bimbo che nei giorni scorsi ha salvato i suoi amici dalla possibile strage a San Donato Milanse. Ma il vicepresidente del Consiglio Di Maio, tanto per cambiare, sbaglia: lo Ius Soli deve essere una priorità per un Paese civile. Per noi è in cima all’agenda. Ci sono centinaia di migliaia di persone che sono italiane nei fatti: lavorano e versano i contributi in Italia, i loro figli vanno a scuola e si sentono italiani. E basta. Il caso di Rami rischia perciò di fornire una versione fuorviante: lascia intendere che la cittadinanza sia un premio ai meritevoli di particolari azioni e non un diritto da concedere a chi vive in un Paese da comune cittadino”. Lo dichiarano Giuseppe Civati, fondatore di Possibile, e Andrea Maestri della segreteria nazionale di Possibile.

“Peraltro – aggiungono Civati e Maestri – nella scorsa legislatura è stato proprio il Movimento 5 Stelle a fare tattica sullo Ius Soli, già peraltro molto soft, affossando definitivamente la riforma. Ecco Di Maio sul tema non è propriamente il miglior modello da seguire”.

  • 151
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati