#iostoconsimonluca, per il diritto allo studio

Può un dirigente scolastico abusare del suo potere a tal punto? E cosa accadrà adesso, nei vari Gruppi di Lavoro, ora che c'è stata la riforma del PEI e questo potere di decidere chi come dove e per quanto tempo e ore gli alunni disabili hanno diritto al sostegno è consegnato quasi interamente nelle mani dell’azienda-scuola e dei suoi superdirigenti?

di Marian­na Monterosso

Ne avre­te sen­ti­to par­la­re anche voi di Simon­lu­ca, il bam­bi­no auti­sti­co gra­ve a cui è sta­to nega­to il tera­pi­sta in classe.

Nega­to da chi? Dal­la diri­gen­te del­la scuola.

E per­ché mai, vi chie­de­re­te e me lo sono chie­sto anche io più vol­te, un diri­gen­te nega il dirit­to sacro­san­to allo stu­dio e all’in­clu­sio­ne ad un bam­bi­no disa­bi­le? A que­sta doman­da, pur­trop­po, non c’è anco­ra una rispo­sta, e se pro­va­te a cer­car­la, ora che la vicen­da si è risol­ta per­ché la sua mam­ma ha smos­so la stam­pa, gli avvo­ca­ti, la TV, dopo mesi di tota­le indif­fe­ren­za alle richie­ste, cer­ti­fi­ca­ti, pec, mail, tele­fo­na­te, ebbe­ne se pro­va­te a cer­car­la ades­so, quel­la rispo­sta, tra le pagi­ne web, pen­se­re­te di sta­re sba­glian­do sito, o arti­co­lo di gior­na­le, o di aver capi­to male la sto­ria dal­l’i­ni­zio. Oggi la mam­ma di Simon­lu­ca rischia una denun­cia al Garan­te dell’Infanzia (Garan­te che, in Cala­bria, dove si svol­ge la vicen­da, quest’anno non è anco­ra sta­to nomi­na­to!) da par­te del­la stes­sa diri­gen­te!, per non aver tute­la­to il suo bam­bi­no e aver “leso l’immagine di un mino­re” e leso l’im­ma­gi­ne del­la “sua” scuo­la, pro­te­stan­do in pub­bli­ca piaz­za, mani­fe­stan­do con stri­scio­ni recan­ti la foto del pic­co­lo, e cer­can­do visi­bi­li­tà sui social.

Ora, non vi rac­con­te­rò l’in­te­ra sto­ria, quel­la la potre­te anco­ra leg­ge­re da qual­che par­te, fino a quan­do cadrà nel­l’o­blio tota­le come le miglia­ia di sto­rie di geni­to­ri dispe­ra­ti che urla­no i dirit­ti dei pro­pri figli alle isti­tu­zio­ni, alla gen­te “che con­ta”, ma vi pon­go io una doman­da, mol­to seria, sul­l’auto­no­mia del­la scuo­la: quan­to pote­re ha un diri­gen­te sco­la­sti­co per per­met­ter­si di cal­pe­sta­re il dirit­to allo stu­dio e sbat­ter­se­ne, scu­sa­te il fran­ce­si­smo, di tut­te le leg­gi sull’inclusione?

La pri­ma moti­va­zio­ne di rifiu­to che è sta­ta data alla madre, è arri­va­ta dopo 60 gior­ni dal­la pri­ma pec di richie­sta, (capi­te bene, 60 gior­ni… ah già, ma un diri­gen­te nel­la sua azien­da c’ha pro­prio tan­to da fare), ed è sta­ta tra­smes­sa più o meno con que­sto tono: “sarà per l’an­no pros­si­mo, ormai man­ca­no due mesi alla chiu­su­ra del­la scuo­la”, sot­to­te­sto: che noia ‘sti geni­to­ri di disa­bi­li, sem­pre a far richie­ste assur­de, ora non c’ho voglia di car­te, arran­gia­ti tu e il tuo bam­bi­no. Non sto a dir­vi l’i­ter buro­cra­ti­co (lun­ghis­si­mo e dolo­ro­sis­si­mo) di un geni­to­re con un figlio disa­bi­le solo per arri­var­ci, alla dia­gno­si di auti­smo, che è una con­di­zio­ne che ha diver­se decli­na­zio­ni di gra­vi­tà, e mol­to spes­so le varie figu­re del­le NPI non han­no le giu­ste com­pe­ten­ze per emet­te­re tali dia­gno­si, (per dir­la in bre­ve non tut­ti gli auti­sti­ci sono come Rain man, ma que­sto è un altro discor­so), ma lascia­re un bam­bi­no auti­sti­co gra­ve, non ver­ba­le, sen­za l’a­iu­to del suo spe­cia­li­sta, che fa da media­to­re tra l’insegnante di soste­gno e quel­lo di clas­se, signi­fi­ca met­te­re quel bam­bi­no nel­la con­di­zio­ne idea­le per sta­re male, ave­re cri­si, ren­der­gli invi­vi­bi­le la scuo­la, che dovreb­be esse­re un posto in cui si sen­te pro­tet­to, al sicu­ro, non minacciato.

Può un diri­gen­te sco­la­sti­co abu­sa­re del suo pote­re a tal pun­to? E cosa acca­drà ades­so, nei vari Grup­pi di Lavo­ro, ora che c’è sta­ta la rifor­ma del PEI e que­sto pote­re di deci­de­re chi come dove e per quan­to tem­po e ore gli alun­ni disa­bi­li han­no dirit­to al soste­gno è con­se­gna­to qua­si inte­ra­men­te nel­le mani dell’azienda-scuola e dei suoi superdirigenti?

Sì, c’è pro­prio neces­si­tà, biso­gno URGENTE di un Docu­men­to sul­la Scuo­la che ci tute­li dav­ve­ro, a noi geni­to­ri, inse­gnan­ti e stu­den­ti. Io sto con Pos­si­bi­le per­ché è l’u­ni­co movi­men­to poli­ti­co che in Ita­lia, a que­ste cose, ci pen­sa. Io sto con Pos­si­bi­le per­ché è l’u­ni­co movi­men­to poli­ti­co che in Ita­lia, que­ste cose, le fa. Spe­ro che il Garan­te dell’Infanzia cala­bre­se, chiun­que esso sia, com­pren­da bene che l’u­ni­co modo che ave­va que­sta madre di tute­la­re dav­ve­ro i dirit­ti del figlio, era quel­lo di gri­da­re e denun­cia­re con corag­gio l’accaduto. #iosto­con­si­mon­lu­ca  

PALOMBELLA ROSSA

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.