Imola: la nostra proposta per cambiare la città

Per i cittadini imolesi, Imola ha tutto, eppure negli ultimi anni le politiche attuate (o la loro assenza) hanno intaccato anche questa isola felice: l’ASL ha subito i peggiori danni, con personale ridotto, servizi limitati, ritardi inimmaginabili e spostamenti verso le ASL Bolognesi.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Per il mon­do, per anni Imo­la è sta­ta la cit­ta dell’autodromo, fin­ché c’era la For­mu­la 1. Quel­la di Dino Fer­ra­ri, di Vil­le­neu­ve, di Senna.

Ma Imo­la è mol­te altre cose: è cul­tu­ra, è una ASL auto­no­ma che i cit­ta­di­ni vor­reb­be­ro restas­se tale e venis­se raf­for­za­ta, è par­chi, è la Roc­ca, è il suo cir­con­da­rio di altre cit­ta­di­ne con un patri­mo­nio arti­sti­co e cul­tu­ra­le indi­scu­ti­bi­le, è un polo indu­stria­le e agri­co­lo di eccel­len­ze che da lavo­ro ad un’area ben più ampia del suo stes­so territorio.

Per i cit­ta­di­ni imo­le­si, Imo­la ha tut­to, eppu­re negli ulti­mi anni le poli­ti­che attua­te (o la loro assen­za) han­no intac­ca­to anche que­sta iso­la feli­ce: l’ASL ha subi­to i peg­gio­ri dan­ni, con per­so­na­le ridot­to, ser­vi­zi limi­ta­ti, ritar­di inim­ma­gi­na­bi­li e spo­sta­men­ti ver­so le ASL Bolognesi.

La disca­ri­ca è ormai un pro­ble­ma anno­so e rico­no­sciu­to, che le ammi­ni­stra­zio­ni comu­na­li han­no volu­ta­men­te igno­ra­to fino ad ora per lucra­re sull’aumento del mon­te rifiu­ti che inces­san­te­men­te con­ti­nua ad esser­vi tra­spor­ta­to anche da altre regio­ni. Eppu­re, stu­di e appro­fon­di­men­ti han­no dimo­stra­to la sua ina­de­gua­tez­za, l’obsolescenza e i rischi per la salu­te dei cit­ta­di­ni e per l’ambiente.

La cri­si ha col­pi­to anche Imo­la, dove non solo fab­bri­che o indu­strie di medie e pic­co­le dimen­sio­ni, ma per­si­no coo­pe­ra­ti­ve sto­ri­che ed appa­ren­te­men­te inos­si­da­bi­li sono fal­li­te o han­no ridot­to dra­sti­ca­men­te il per­so­na­le, men­tre si con­ti­nua­va a rac­con­ta­re la favo­la del “sia­mo un’isola feli­ce. Qui da noi va tut­to bene”.

Il cen­tro sto­ri­co vede ser­ran­de abbas­sa­te e car­tel­li alle vetri­ne con la scrit­ta “affit­ta­si” e “ven­de­si”, men­tre si amplia il par­co super ed iper­mer­ca­ti di ogni genere.

In que­sto, le respon­sa­bi­li­tà del PD e degli allea­ti in cari­ca all’amministrazione del­la cit­tà non sono tra­scu­ra­bi­li e si inse­ri­sco­no nel con­te­sto di pes­si­me rifor­me e leg­gi ema­na­te a livel­lo nazio­na­le che da sem­pre con­te­stia­mo aspramente.

Anche per que­ste ragio­ni, da oltre un anno abbia­mo avvia­to un pro­get­to di uni­tà a sini­stra che por­ti avan­ti un’idea di ammi­ni­stra­zio­ne del­la cit­tà coe­ren­te con i nostri valo­ri e atten­ta ai biso­gni e alla vita dei cittadini.

Ci abbia­mo lavo­ra­to con serie­tà ed impe­gno, ini­zial­men­te noi di Pos­si­bi­le, Sini­stra Ita­lia­na, PCI, d’accordo sull’avere pari digni­tà, con rispet­to l’uno degli altri, man­te­nen­do aper­te le pos­si­bi­li­tà di comu­ni­ca­zio­ne con tut­te le altre real­tà del­la sini­stra loca­le e con asso­cia­zio­ni pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio. Diver­sa­men­te dal­la loro base, i diri­gen­ti di MDP non han­no ade­ri­to a que­sto pro­get­to ed han­no scel­to di allear­si col PD, men­tre PRC ha recen­te­men­te deci­so di entra­re a fare par­te di que­sta avven­tu­ra.

Così, ora a Imo­la, stia­mo cor­ren­do con un can­di­da­to sin­da­co 30 enne e una lista gio­va­ne, con il 44% di pre­sen­ze fem­mi­ni­li, una lista che abbia­mo com­po­sto sen­za Cen­cel­li e sen­za nep­pu­re una mini­ma discus­sio­ne, nes­su­na obie­zio­ne, nes­sun pro­ble­ma, in un solo pome­rig­gio e in estre­ma serenità.

Abbia­mo un pro­gram­ma che abbia­mo scrit­to assie­me, divi­den­do­ce­lo per temi in base alle com­pe­ten­ze di chi ha gene­ro­sa­men­te accet­ta­to di dare un con­tri­bu­to e che è sta­to gui­da­to da un solo fil rou­ge: che fos­se di sini­stra, che fos­se per tut­ti, che pen­sas­se alla gen­te, ai biso­gni degli imo­le­si, non alle pol­tro­ne vacan­ti per i can­di­da­ti.

Del nostro comi­ta­to, i can­di­da­ti in lista sono tre: Pier­pao­lo Di Can­to, Gior­gio Mer­li­ni ed io. Il con­tri­bu­to e l’impegno che come Pos­si­bi­le abbia­mo mes­so in que­sto pro­get­to sono sta­ti e sono dav­ve­ro note­vo­li. Il rap­por­to di col­la­bo­ra­zio­ne e rispet­to instau­ra­to con le altre for­ze è un eccel­len­te risul­ta­to ed un buon auspi­cio per il futuro.

A pre­scin­de­re da quel­lo che sarà il risul­ta­to nel­le urne, quel che noi auspi­chia­mo è che que­sto meto­do ven­ga mutua­to anche a livel­lo regio­na­le, nazio­na­le, ovun­que: se si smet­te di pre­oc­cu­par­si del­le pol­tro­ne e del pote­re, se si supe­ra la logi­ca del­le spar­ti­zio­ni e si rico­min­cia a pre­oc­cu­par­si del­le per­so­ne, dei loro pro­ble­mi, dei loro biso­gni e dei loro dirit­ti, l’unità a sini­stra e, quin­di, la pos­si­bi­li­tà di por­tar­ne le istan­ze nel­le ammi­ni­stra­zio­ni è Pos­si­bi­le.

Ste­fa­nia Pernisa

Por­ta­vo­ce del Comi­ta­to Neville
di Castel San Pie­tro e Imo­la (BO)[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?