Il viaggio dalle Marche ai campi profughi di Salonicco con un carico di aiuti

Aspetterò domani per dare un volto, un suono, un odore, un colore ai racconti che ho ascoltato prima di arrivare. Spero, ma non ci credo fino in fondo, che la realtà sia meno terribile delle parole. Lo saprò domani.

Il viag­gio è lun­ghis­si­mo. Esco di casa alle 12.30, arri­ve­rò nel­la casa che mi ospi­te­rà per i pros­si­mi gior­ni solo 31 ore dopo. In tra­ghet­to ci affan­nia­mo a cer­ca­re  la miglio­re siste­ma­zio­ne pos­si­bi­le per la not­te, tra i diva­net­ti pre­si d’as­sal­to da orde di ragaz­zi diret­ti in Gre­cia per la più clas­si­ca vacan­za di ferragosto.

Con me ci sono sono Vit­to­rio, refe­ren­te di gran­dis­si­ma espe­rien­za di Hope For Chil­dren ONLUS, Vale­ria e Cosi­mo. Doma­ni arri­ve­rà Valen­ti­na, altra refe­ren­te di Hope, in que­sti gior­ni impe­gna­ta con i pro­fu­ghi bloc­ca­ti al con­fi­ne con l’Ungheria.

Martina MollyIn tra­ghet­to incon­tria­mo Mar­ti­na e Mol­ly, han­no 23 anni, arri­va­no da Pado­va. Mar­ti­na abbrac­cia Vit­to­rio, che ha cono­sciu­to a Lesbo par­te­ci­pan­do alle fasi di pri­mis­si­ma acco­glien­za dei pro­fu­ghi, che in paro­le pove­re vuol dire tra­sci­na­re fisi­ca­men­te quei cor­pi sfi­ni­ti fuo­ri dal­l’ac­qua, coprir­li con una coper­ta ter­mi­na e offrir­gli un mini­mo risto­ro, a par­ti­re da un sor­ri­so di ben­ve­nu­to. Mar­ti­na mi rac­con­ta che appe­na met­te insie­me 100 euro pren­de il tra­ghet­to e va a dare una mano in Gre­cia. Mol­ly, affa­sci­na­ta dal­l’im­pe­gno del­l’a­mi­ca, ha ini­zia­to a seguirla.

Sono diret­te al cam­po di Cher­so, dove noi non andre­mo, per­ché, mi spie­ga Vit­to­rio, di volon­ta­ri per ora ne han­no a suf­fi­cien­za. Mar­ti­na nei pochi gior­ni che potrà rima­ne­re vor­reb­be cer­ca­re di spo­sta­re alcu­ne fami­glie che ha cono­sciu­to nel pre­ce­den­te viag­gio, in un cam­po dove i bam­bi­ni pos­sa­no sta­re meglio, dove “ci sia l’om­bra”, per­ché anche l’om­bra in alcu­ne par­ti del­la nostra occi­den­ta­lis­si­ma Euro­pa, è un lus­so.

Arri­va­ti a Ikou­me­ni­tza stra­vol­ti dal­la not­te in bian­co tra 600 ragaz­zi urlan­ti, pren­dia­mo, non sen­za fati­ca, una mac­chi­na a nolo. Ikou­me­ni­tza è spet­tra­le, sia per la gior­na­ta festi­va e deser­ta, sia per­ché pie­na di edi­fi­ci come car­cas­se: le inse­gne dei nego­zi sono anco­ra lì, come le tar­ghe degli uffi­ci, ma tut­to all’in­ter­no è svuo­ta­to, cir­con­da­to da can­tie­ri di palaz­zi rima­sti a metà.

SaloniccoNoleg­gio la mac­chi­na, men­tre Vit­to­rio gui­da il fur­go­ne pie­no degli aiu­ti che abbia­mo rac­col­to con i comi­ta­ti di Pos­si­bi­le nel­le Mar­che. Il viag­gio ver­so Salo­nic­co è lun­go, più di 380 km su un’au­to­stra­da qua­si deser­ta, tra gli alti­pia­ni brul­li. Mar­ti­na e Mol­ly appro­fit­ta­no di un pas­sag­gio, anche loro sono diret­te a Salo­nic­co dove incon­tre­ran­no degli ami­ci che arri­va­no in aereo dal­la Spa­gna, che come loro tra­scor­re­ran­no le ferie nei campi.

Arri­va­ti a Salo­nic­co ci siste­mia­mo nel­la casa che ci ospi­te­rà per i pros­si­mi gior­ni e a cena Vit­to­rio ci illu­stra cosa fare­mo nei pros­si­mi gior­ni ci spie­ga la situa­zio­ne nei cam­pi. Il rac­con­to mi scon­vol­ge, aspet­te­rò doma­ni per dare un vol­to, un suo­no, un odo­re, un colo­re a tut­te le paro­le che ho ascol­ta­to, spe­ran­do, ma non cre­den­do fino in fon­do che la real­tà sia meno ter­ri­bi­le. Lo saprò domani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.