Pd, Renzi e Rossi, il dualismo toscano che non c’è

Ma davvero si può pensare che Renzi e Rossi possano rappresentare due idee diverse di partito? Due idee diverse nel partito?

Let­ta l’intervista che Enri­co Ros­si, il gover­na­to­re del­la regio­ne Tosca­na, ha rila­scia­to al blog Lin­kie­sta, dal tito­lo: Ripar­tia­mo da Gram­sci e Ber­lin­guer per costrui­re la sini­stra del futu­ro, da resi­den­te in Tosca­na mi sono imme­dia­ta­men­te doman­da­ta qua­li fos­se­ro i pre­sup­po­sti alla base di un’intenzione del gene­re. Pro­vo allo­ra a riper­cor­re­re alcu­ni pas­sag­gi poli­ti­ci per me fondamentali.

È del mag­gio 2014, solo tre mesi dopo l’arrivo di Ren­zi al gover­no, la deli­be­ra del­la giun­ta regio­na­le che ha dispo­sto la ven­di­ta del­le azio­ni di Sat, la socie­tà aero­por­tua­le che gesti­sce l’aeroporto di Pisa e fino ad allo­ra pub­bli­ca, dete­nu­te dal­la Regio­ne Tosca­na. Con que­sta deci­sio­ne la giun­ta, pre­sie­du­ta da Ros­si, scel­se di ade­ri­re all’Opa, lan­cia­ta dal­la mul­ti­na­zio­na­le argen­ti­na Cor­po­ra­tion Ame­ri­ca, sul­lo sca­lo pisa­no, per­met­ten­do così ad una socie­tà pri­va­ta di acqui­si­re la mag­gio­ran­za azio­na­ria di Sat. Per por­ta­re a com­pi­men­to que­sta ope­ra­zio­ne non vi fu nep­pu­re la con­vo­ca­zio­ne urgen­te del Con­si­glio regionale.

Inu­ti­le dire che fin da subi­to que­sta ope­ra­zio­ne, tut­ta finan­zia­ria, sem­brò esse­re desti­na­ta a favo­ri­re l’aeroporto di Firen­ze, non esat­ta­men­te una cit­tà a caso. Il timo­re, ben pre­sto rive­la­to­si fon­da­to, era che il socio pri­va­to, appog­gia­to fin dall’inizio dell’operazione dal pre­si­den­te dell’Enac Vito Rig­gio, avreb­be spin­to per la costru­zio­ne del­la pista di 2400 metri nell’aeroporto fio­ren­ti­no, nono­stan­te il pare­re con­tra­rio degli uffi­ci tec­ni­ci del­la Regio­ne  – ‘per le note­vo­li e gra­vi cri­ti­ci­tà rispet­to a impat­to socio-sani­ta­rio, gli aspet­ti pro­gram­ma­ti­ci, pro­get­tua­li, ambien­ta­li, ambien­te idri­co, suo­lo e sot­to­suo­lo, vege­ta­zio­ne, cri­ti­ci­tà sul pae­sag­gio e i beni cul­tu­ra­li, sugli agen­ti fisi­ci e sul rumo­re’ —  e l’opposizione di nume­ro­si comi­ta­ti di cit­ta­di­ni resi­den­ti nel­la Piana.

Tant’è. Il 17 giu­gno 2014, per iro­nia del­la sor­te gior­no del patro­no pisa­no, la SAT è uffi­cial­men­te pri­va­tiz­za­ta. E nei gior­ni subi­to suc­ces­si­vi, con un tem­pi­smo assai sospet­to, Mat­teo Ren­zi, in un’intervista a RTV38, ‘inco­ro­nò’ Enri­co Ros­si can­di­da­to alla pre­si­den­za del­la Regio­ne Toscana..

Nel feb­bra­io 2015 vi fu l’ultimo atto di tut­ta l’operazione, ossia la fusio­ne tra gli aero­por­ti di Pisa (Sat) e Firen­ze (Adf), sosti­tui­te da un’unica socie­tà, Tosca­na Aero­por­ti, alla cui pre­si­den­za ven­ne nomi­na­to Mar­co Car­rai, già pre­si­den­te di Adf, non­ché l’amico di sem­pre di Mat­teo Renzi.

Nel frat­tem­po, il decre­to Sbloc­ca-Ita­lia, appro­va­to in via defi­ni­ti­va nel novem­bre 2014, ave­va stan­zia­to 50 milio­ni di euro a favo­re del­lo sca­lo fio­ren­ti­no e altri 100 era­no sta­ti pro­mes­si dall’allora mini­stro Lupi, attra­ver­so prov­ve­di­men­ti ad hoc. Insom­ma, sol­di pub­bli­ci desti­na­ti a garan­ti­re pro­fit­ti privati.

È del­lo stes­so mese l’uscita del pro­gram­ma Pd a soste­gno del­la can­di­da­tu­ra di Enri­co Ros­si alla pre­si­den­za del­la Regio­ne, nel qua­le in modo del tut­to espli­ci­to si par­la del­la Tosca­na qua­le ‘labo­ra­to­rio’ del­le poli­ti­che del gover­no Ren­zi, a par­ti­re dal Jobs Act. Un testo for­te­men­te «ren­zia­no» per un pre­si­den­te «ber­lin­gue­ria­no», tito­la­va Il Cor­rie­re, segno che lo sto­ri­co lea­der del Pci aleg­gia­va già nel­lo sto­ry­tel­ling del gover­na­to­re toscano.

Ma tor­nia­mo un atti­mo indie­tro. L’11 set­tem­bre 2014 fu appro­va­ta la nuo­va leg­ge elet­to­ra­le tosca­na, det­ta ‘Tosca­nel­lum’, nata sostan­zial­men­te da un accor­do tra Pd e Fi, tan­to che ci fu chi ne vide una sor­ta di Pat­to del Naza­re­no in ver­sio­ne locale.

La pre­sen­za di un listi­no bloc­ca­to, la pre­vi­sio­ne del bal­lot­tag­gio con meno del 40% dei voti al pri­mo tur­no, l’elevato pre­mio di mag­gio­ran­za ricor­da­no mol­to da vici­no la futu­ra leg­ge elet­to­ra­le nazio­na­le. Tant’è che il sena­to­re luc­che­se Andrea Mar­cuc­ci, ren­zia­no doc, dichia­rò: “Come avven­ne nel 2005, ci augu­ria­mo che il siste­ma elet­to­ra­le tosca­no ser­va ad una rapi­da appro­va­zio­ne all’I­ta­li­cum”. Già per­ché già nove anni pri­ma un accor­do mol­to con­te­sta­to tra tal Denis Ver­di­ni, allo­ra con­si­glie­re regio­na­le, e i Ds por­tò al varo del­la leg­ge elet­to­ra­le che abo­li­va le pre­fe­ren­ze e che fu con­si­de­ra­ta da mol­ti l’apripista del Por­cel­lum, di cal­de­ro­lia­na memo­ria. Insom­ma, la Tosca­na qua­le labo­ra­to­rio anche di pes­si­me leg­gi elettorali.

Esat­ta­men­te set­te mesi dopo, ossia l’11 mar­zo 2016, il Con­si­glio regio­na­le del­la Tosca­na ha vara­to la rifor­ma del­la sani­tà regio­na­le. Una rifor­ma appro­va­ta in fret­ta e furia poco più di due mesi pri­ma dal­lo svol­ger­si del­le ele­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve regio­na­li e solo tre set­ti­ma­ne pri­ma del­lo scio­gli­men­to del con­si­glio regio­na­le. I tem­pi stret­tis­si­mi, tenu­to con­to che la pro­po­sta di rifor­ma arri­vò in con­si­glio solo a metà gen­na­io, han­no impe­di­to ogni tipo di par­te­ci­pa­zio­ne e discus­sio­ne pub­bli­ca, ma si direb­be anche a livel­lo di con­si­glio regio­na­le. La let­tu­ra che di que­sta ‘velo­ce’ rifor­ma  fu data da mol­ti fu di una sor­ta di arma di distra­zio­ne di mas­sa, dopo i ripe­tu­ti tagli al fon­do sani­ta­rio nazio­na­le (quel­lo subi­to pre­ce­den­te alla leg­ge fu di oltre 2,3 miliar­di di euro), e le con­se­guen­ti cre­scen­ti dif­fi­col­tà dei cit­ta­di­ni tosca­ni di frui­re dei ser­vi­zi sani­ta­ri pub­bli­ci per liste di atte­sa sem­pre più lun­ghe e tic­ket sem­pre più eso­si (che favo­ri­sco­no evi­den­te­men­te la con­ve­nien­za dei ser­vi­zi pri­va­ti). Tagli sem­pre sot­ta­ciu­ti da Rossi.

Inol­tre, la macro-fusio­ne del­le Asl, pas­sa­te da 12 a 3, col con­se­guen­te accor­pa­men­to del­le strut­tu­re e accen­tra­men­to dei cen­tri ammi­ni­stra­ti­vi e deci­sio­na­li, è in tota­le sin­to­nia col gene­ra­le dise­gno ren­zia­no di con­cen­tra­men­to di pote­ri sem­pre in meno mani, di cui la rifor­ma costi­tu­zio­na­le, su cui i cit­ta­di­ni ita­lia­ni andran­no a deci­de­re nel pros­si­mo autun­no, è la chio­sa fina­le. Sia­mo dun­que di fron­te ad un altro laboratorio?

Nume­ro­se sono sta­te da subi­to le pro­te­ste da par­te dei sin­da­ca­ti del­le cate­go­rie, per lo più taciu­te dal­la stam­pa, a tal pun­to che i sin­da­ca­ti medi­ci dovet­te­ro acqui­sta­re una pagi­na dei prin­ci­pa­li quo­ti­dia­ni per ren­de­re pub­bli­che le loro cri­ti­che alla leg­ge. Tali pro­te­ste, insie­me a quel­le di nume­ro­si cit­ta­di­ni, tut­ta­via, sono riu­sci­te a con­vo­gliar­si in un movi­men­to che ha rac­col­to 55000 fir­me per l’indizione di un refe­ren­dum regio­na­le, che chie­de­va l’abrogazione del­la rifor­ma sani­ta­ria toscana.

Ecco allo­ra che a dicem­bre del­lo scor­so anno, dopo soli nove mesi dall’approvazione del­la pri­ma rifor­ma sani­ta­ria, vi è una nuo­va appro­va­zio­ne fret­to­lo­sa di una rifor­ma sani­ta­ria, o meglio, lo stral­cio di quel­la esi­sten­te, il che fa sal­ta­re lo svol­gi­men­to del refe­ren­dum. Ovvia­men­te l’impianto nor­ma­ti­vo gene­ra­le con­te­sta­to rima­ne inalterato.

I comi­ta­ti refe­ren­da­ri tut­ta­via non inten­do­no arren­der­si e han­no già chie­sto un nuo­vo refe­ren­dum, que­sta vol­ta per abro­ga­re un arti­co­lo solo ma fon­da­men­ta­le nel­la sostan­za e per quan­to sot­tin­ten­de. Si trat­ta dell’articolo 34 bis che pre­ve­de per le Asl la pos­si­bi­li­tà di asse­gna­re ser­vi­zi sani­ta­ri sen­za un con­cor­so pub­bli­co, ma solo con una sem­pli­ce con­ven­zio­ne. Per il legi­sla­to­re si trat­ta di una spe­ri­men­ta­zio­ne (l’ennesimo labo­ra­to­rio?), ma è evi­den­te che non vi si può non intra­ve­de­re il ten­ta­ti­vo di inse­ri­re ele­men­ti pri­va­ti­sti­ci all’interno del siste­ma sani­ta­rio pub­bli­co regionale.

E si tor­na alla vicen­da aero­por­to. È dei gior­ni scor­si la sen­ten­za del Tar di Firen­ze, che dà ragio­ne ai comi­ta­ti cit­ta­di­ni del­la Pia­na che vi si era­no appel­la­ti, annul­lan­do la varian­te regio­na­le al Pit che pre­ve­de­va l’allungamento del­la pista del­lo sca­lo fio­ren­ti­no. Le moti­va­zio­ni dell’annullamento addot­te dal Tar sono tut­te rivol­te a sot­to­li­nea­re l’impatto su siste­ma idrau­li­co, aree pro­tet­te, pae­sag­gio e inqui­na­men­to del­la nuo­va pista, così come da anni van­no dicen­do le comu­ni­tà locali.

Nel dichia­ra­re la sua fer­ma inten­zio­ne di ricor­re­re al Con­si­glio di Sta­to con­tro la deci­sio­ne del Tar, Enri­co Ros­si aggiun­ge: È nor­ma­le che in deci­sio­ni così impor­tan­ti, in que­sto pae­se pos­sa­no veri­fi­car­si inci­den­ti ammi­ni­stra­ti­vi, ma que­sti non pos­so­no né rimet­te­re in discus­sio­ne, né ral­len­ta­re deci­sio­ni poli­ti­che che sono sta­te assun­te con atten­ta pon­de­ra­zio­ne di tut­ti gli aspet­ti. Noi andia­mo avan­ti per la rea­liz­za­zio­ne dell’aeroporto, aumen­tan­do la nostra atten­zio­ne”. Ogni com­men­to è superfluo.

Dul­cis in fun­do, vi è il Sì, espres­sa­men­te dichia­ra­to da Enri­co Ros­si, al refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le del pros­si­mo autun­no. Ma, a que­sto pun­to, non mi pare nep­pu­re ci sia più da stupirsi.

Ecco, pren­den­do a pre­sti­to quel­la che per me è la più bel­la defi­ni­zio­ne di sini­stra che ho let­to, La sini­stra è sem­pre e sol­tan­to la for­za che lot­ta con­tro le tre gran­di dise­gua­glian­ze: di pote­re, di sape­re, di red­di­to, di Mas­si­mo L. Sal­va­do­ri, mi doman­do: ma dav­ve­ro si può pen­sa­re che Ren­zi e Ros­si pos­sa­no rap­pre­sen­ta­re due idee diver­se di par­ti­to? Due idee diver­se nel par­ti­to? E se allo­ra, come con tut­ta evi­den­za sem­bra, i due pro­fi­li poli­ti­ci sono in per­fet­ta sin­to­nia, non sarà che a Ren­zi si stia, oppor­tu­ni­sti­ca­men­te, attri­buen­do trop­pe respon­sa­bi­li­tà riguar­do quel­lo che è (non diven­ta­to), nei suoi valo­ri fon­dan­ti, il Par­ti­to Democratico?

Ema­nue­la Amendola
Por­ta­vo­ce Comi­ta­to Gli Spet­ti­na­ti di Pisa

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.