Il naufragio dei diritti umani, il respingimento della civiltà e un approdo possibile

La vicenda della nave italiana Asso 28 che ha soccorso (giustamente) 108 migranti nel Mediterraneo, in acque internazionali rientranti nella zona SAR (ricerca e soccorso in mare) libica, ma li ha riportati (ingiustamente) in Libia, da dove erano fuggiti rappresenta, ad oggi, il punto più profondo di rottura di quella tradizione di rispetto dei diritti umani che nasce da così lontano e rischia di morire così vicino, storicamente e geograficamente, a noi.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Nau­si­caa, figlia del re dei Fea­ci, acco­glie il nau­fra­go Ulis­se e così si rivol­ge alle sue ancel­le, impau­ri­te dal­la vista del­lo stra­nie­ro appro­da­to sul­la spiaggia:

Ma que­sti è un mise­ro nau­fra­go, che c’è capi­ta­to, e dob­bia­mo curar­ce­ne: ven­gon tut­ti da Zeus gli ospi­ti e i pove­ri; e un dono, anche pic­co­lo, è caro.

Alla base del­la cul­tu­ra dei dirit­ti uma­ni c’è la civil­tà gre­ca, con i suoi miti e i suoi rac­con­ti, fil­tra­ti dai filo­so­fi e poi dai pen­sa­to­ri cri­stia­ni, tran­si­ta­ti nel pen­sie­ro filo­so­fi­co e poli­ti­co e infi­ne rac­col­ti nel­le Costi­tu­zio­ni del­la nostra vec­chia e stan­ca (ma ama­tis­si­ma) Euro­pa, un tem­po ter­ra d’a­si­lo e nel­le Con­ven­zio­ni internazionali.

La vicen­da del­la nave ita­lia­na Asso 28 che ha soc­cor­so (giu­sta­men­te) 108 migran­ti nel Medi­ter­ra­neo, in acque inter­na­zio­na­li rien­tran­ti nel­la zona SAR (ricer­ca e soc­cor­so in mare) libi­ca, ma li ha ripor­ta­ti (ingiu­sta­men­te) in Libia, da dove era­no fug­gi­ti rap­pre­sen­ta, ad oggi, il pun­to più pro­fon­do di rot­tu­ra di quel­la tra­di­zio­ne di rispet­to dei dirit­ti uma­ni che nasce da così lon­ta­no e rischia di mori­re così vici­no, sto­ri­ca­men­te e geo­gra­fi­ca­men­te, a noi.

Tec­ni­ca­men­te si trat­ta di un respin­gi­men­to col­let­ti­vo, vie­ta­to dal­la Con­ven­zio­ne di Gine­vra sul­la Pro­te­zio­ne dei Rifu­gia­ti e dal quar­to pro­to­col­lo aggiun­ti­vo del­la CEDU: due muri por­tan­ti del dirit­to umanitario.

Chie­dia­mo che la magi­stra­tu­ra apra un’in­da­gi­ne per chia­ri­re le respon­sa­bi­li­tà di chi ha auto­riz­za­to e deci­so di non con­dur­re, come reso obbli­ga­to­rio dal­la Con­ven­zio­ne di Ambur­go, i nau­fra­ghi nel por­to sicu­ro più vici­no ma in Libia, luo­go di tor­tu­ra, schia­vi­tù, traf­fi­co di esse­ri uma­ni, pae­se tut­to­ra in guer­ra e pri­vo di un’au­to­ri­tà sta­tua­le sta­bi­le e rico­no­sciu­ta, che non ha mai rati­fi­ca­to la Con­ven­zio­ne di Gine­vra e che quin­di non può esse­re con­si­de­ra­ta un appro­do sicu­ro per chi fug­ge da guer­re, per­se­cu­zio­ni, miseria.

Chie­dia­mo anche che il Par­la­men­to deli­be­ri l’i­sti­tu­zio­ne di una com­mis­sio­ne d’in­chie­sta sul­le vio­la­zio­ni del dirit­to inter­na­zio­na­le umanitario.

Pro­po­nia­mo a tut­ti i sog­get­ti, le ong, le for­ze socia­li e poli­ti­che, le asso­cia­zio­ni, i movi­men­ti impe­gna­ti nel­la tute­la dei dirit­ti uma­ni di dare vita ad un coor­di­na­men­to nazio­na­le con fun­zio­ni di stu­dio, rac­col­ta dati, denun­cia, con­tro­in­for­ma­zio­ne, mobi­li­ta­zio­ne permanente.

È tem­po di uni­re le for­ze e le intel­li­gen­ze che non inten­do­no resta­re indifferenti.

Noi, come sem­pre, ci sia­mo.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.