Il governo Renzi e i voucher

Coloro che hanno definitivamente smantellato l'occasionalità del ricorso ai voucher e che nulla hanno fatto di fronte all'esplosione del loro uso (e abuso), coloro che hanno sempre difeso i voucher, ora negano qualsiasi responsabilità.

«Per­ché in fon­do, dicia­mo­ci la veri­tà, i vou­cher non sono sta­ti una mia inven­zio­ne, non c’en­tra­no nien­te col Jobs Act» dice Mat­teo Ren­zi. «Sono sta­ti un’in­ven­zio­ne dei pre­ce­den­ti gover­ni di cen­tro­si­ni­stra soste­nu­ti da quel­li che ora vor­reb­be­ro can­cel­la­re i buoni».

Que­sto è il man­tra che si sen­te ripe­te­re sem­pre più spes­so, e sem­pre da più voci, le stes­se voci che fino a pochis­si­mo tem­po fa han­no dife­so stre­nua­men­te il lavo­ro paga­to a mez­zo vou­cher.

Oggi, però, i respon­sa­bi­li non sareb­be­ro più loro. «Il gover­no Ren­zi non c’en­tra nul­la con i vou­cher», si dice, e inve­ce non è vero. Lo abbia­mo ripe­tu­to più e più vol­te, rico­struen­do l’in­te­ra sto­ria dei vou­cher, che ci rac­con­ta di un pro­gres­si­vo sman­tel­la­men­to del­le tute­le pre­vi­ste quan­do i vou­cher furo­no “inven­ta­ti”, pen­sa­ti per disci­pli­na­re il lavo­ro «mera­men­te occa­sio­na­le» («far emer­ge­re il nero», direb­be­ro altri), limi­ta­to nel tem­po (30 gior­ni nel­l’ar­co del­l’an­no sola­re) e nel­la dimen­sio­ne eco­no­mi­ca (3000 euro annui), e limi­ta­to a deter­mi­na­te cate­go­rie (le più a rischio di esclu­sio­ne socia­le o ai mar­gi­ni del mer­ca­to del lavo­ro) e a deter­mi­na­ti settori.

Era il 2003 e da quel momen­to in poi abbia­mo assi­sti­to a uno sman­tel­la­men­to pro­gres­si­vo del­la defi­ni­zio­ne dei con­tor­ni del­l’oc­ca­sio­na­li­tà, a ope­ra dei gover­ni Ber­lu­sco­ni, Mon­ti e Let­ta. Il Jobs Act non è inter­ve­nu­to nep­pu­re per ren­se­ri­re ele­men­ti di «mera occa­sio­na­li­tà» del lavo­ro retri­bui­to tra­mi­te vou­cher, lascian­do la defi­ni­zio­ne per­ciò sola­men­te in rela­zio­ne al limi­te eco­no­mi­co di 7000 euro all’an­no, innal­za­to dal­lo stes­so prov­ve­di­men­to rispet­to ai 5000 euro pre­ce­den­ti. Allo stes­so tem­po, la can­cel­la­zio­ne dei Co.co.pro. ha cau­sa­to il “down­gra­ding” di par­te di que­sti lavo­ra­to­ri. Ecco per­ché non è un caso l’e­splo­sio­ne dei vou­cher in con­co­mi­tan­za col gover­no Renzi.

Il gover­no Ren­zi, per­ciò, c’en­tra ecco­me: dal 22 feb­bra­io 2014 al 7 dicem­bre 2016 (il quar­to gover­no più dura­tu­ro del­la sto­ria Repub­bli­ca­na) c’e­ra tut­to il tem­po neces­sa­rio per rein­tro­dur­re garan­zie e ricon­dur­re i vou­cher entro i limi­ti del­l’oc­ca­sio­na­li­tà, men­tre ci si è limi­ta­ti a tar­di­ve e limi­ta­tis­si­me misu­re cor­ret­ti­ve di ben poco conto.

Basta­va ci fos­se la volon­tà poli­ti­ca di fare le cose bene e inve­ce si è scel­to — men­tre la ven­di­ta dei tic­ket aumen­ta­va in manie­ra espo­nen­zia­le — di difen­de­re i vou­cher nono­stan­te fos­se­ro stru­men­to di sfrut­ta­men­to e di magni­fi­ca­re i risul­ta­ti in ter­mi­ni occu­pa­zio­na­li dovu­ti alle glo­rio­se rifor­me del lavo­ro tar­ga­te Mat­teo Renzi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.