Il centro di detenzione del vicino è sempre più verde

La politica europea sull’immigrazione è un costante tentativo di sdoganare la responsabilità dellə  migrantə, rifugiatə e richiedenti asilo ai paesi di transito.

Meno di mezz’ora.

Que­sto è sta­to il tem­po che il Con­si­glio ha rite­nu­to suf­fi­cien­te per discu­te­re di immi­gra­zio­ne nel­le due gior­na­te del ver­ti­ce euro­peo del 24 e 25 giu­gno.   Meno di mezz’ora per discu­te­re di tut­te le rot­te migra­to­rie con la soli­ta stre­ma­ta reto­ri­ca di sicu­rez­za e flus­si irre­go­la­ri. “Gli svi­lup­pi su alcu­ne rot­te desta­no pre­oc­cu­pa­zio­ne e richie­do­no una vigi­lan­za costan­te e azio­ni urgen­ti” affer­ma il con­si­glio. Pec­ca­to che la pre­oc­cu­pa­zio­ne sia lega­ta agli arri­vi degli irre­go­la­ri e pec­ca­to che gli irre­go­la­ri sia­no tali a cau­sa dell’implementazione di poli­ti­che secu­ri­ta­rie ai con­fi­ni e dell’impossibilità di otte­ne­re mez­zi d’accesso lega­li per entra­re nell’UE. E comun­que, in fin dei con­ti meno di mezz’ora basta per riba­di­re l’ormai costan­te osce­ni­tà dell’esternalizzazione del­le fron­tie­re. Che poi è l’esternalizzazione del­la responsabilità. 

La poli­ti­ca euro­pea sull’immigrazione è un costan­te ten­ta­ti­vo di sdo­ga­na­re la respon­sa­bi­li­tà dellə  migrantə, rifu­giatə e richie­den­ti asi­lo ai pae­si di tran­si­to, pae­si con nes­su­na o pochis­si­me garan­zie sui dirit­ti uma­ni figu­rar­si i dirit­ti dellə rifu­giatə. Per cui non una paro­la sui respin­gi­men­ti ille­ga­li, non una paro­la sul­la vio­la­zio­ne del prin­ci­pio di non-refou­le­ment, non un cen­no ai cen­tri di deten­zio­ne. D’altronde da una comu­ni­tà che ritie­ne gli accor­di con la Tur­chia un esem­pio di best prac­ti­ce non c’era mol­to da aspet­tar­si. E anco­ra una vol­ta, duran­te la con­fe­ren­za stam­pa la pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne euro­pea Ursu­la von der Leyen riba­di­sce l’impegno nel­la coo­pe­ra­zio­ne con la Tur­chia e altri part­ner come la Gior­da­nia e il Liba­no per il trat­te­ni­men­to dei rifu­gia­ti siria­ni e non solo. Infat­ti, saran­no tre miliar­di di euro i fon­di desti­na­ti alla Tur­chia fino al 2024 in sup­por­to al con­trol­lo del­le fron­tie­re, soprat­tut­to quel­la a est. Dice la pre­si­den­te von der Leyen che però que­sto sarà un bud­get con una dimen­sio­ne socioe­co­no­mi­ca. Cosa que­sto voglia dire non ci è dato sape­re. Sap­pia­mo inve­ce qua­li sono le con­di­zio­ni nei cam­pi di deten­zio­ne per uomi­ni, don­ne e bam­bi­ni che non han­no com­mes­so alcun rea­to. I cam­pi di deten­zio­ne sono luo­ghi di mor­te, di sospen­sio­ne del­la leg­ge e di tut­ta una serie di garan­zie e dirit­ti. Dirit­ti e garan­zie che di fat­to l’Europa sta inco­rag­gian­do a vio­la­re. Un’altra que­stio­ne che for­se sareb­be sta­to il caso sol­le­va­re in quel­la mezz’ora è il desti­na­re fon­di ad uno sta­to come la Tur­chia che pro­prio pochi gior­ni fa ha riba­di­to con fer­mez­za la sua inten­zio­ne di riti­rar­si dal­la Con­ven­zio­ne di Istan­bul. Ma per i lea­ders euro­pei non è impor­tan­te discu­te­re del desti­no di tut­te le don­ne migran­ti che si tro­va­no e si tro­ve­ran­no in Tur­chia. La con­ven­zio­ne di Istan­bul è un modo per sfug­gi­re alla vio­len­za per le don­ne migran­ti. Infat­ti, la Con­ven­zio­ne sta­bi­li­sce di con­si­de­ra­re la vio­len­za nel­le pro­ce­du­re per l’ottenimento dell’asilo poli­ti­co e riba­di­sce l’obbligo di non-refou­le­ment del­le don­ne ogget­to di vio­len­za.  Per cui se l’intenzione è quel­la di pre­ser­va­re le vite dellə migrantə, come con­ve­nu­to dal Con­si­glio, con­ti­nua­re a finan­zia­re la Tur­chia e altri pae­si di tran­si­to non è sicu­ra­men­te la solu­zio­ne. Se le poli­ti­che migra­to­rie han­no l’obiettivo dichia­ra­to di aiu­ta­re le per­so­ne più vul­ne­ra­bi­li, sia­mo ben lon­ta­ni dal rag­giun­ge­re sud­det­to obiet­ti­vo. Se inve­ce il fine è quel­lo di sco­rag­gia­re e limi­ta­re lə migrantə, piut­to­sto che soste­nerlə o ade­ri­re alla Con­ven­zio­ne sui rifu­gia­ti allo­ra i risul­ta­ti gene­ral­men­te sod­di­sfa­no gli obiet­ti­vi. E ne è la pro­va il fat­to che nelle con­clu­sio­ni appro­va­te dal Con­si­glio non sia men­zio­na­ta nean­che la rifor­ma del rego­la­men­to di Dubli­no e la que­stio­ne del­la redi­stri­bu­zio­ne də migrantə. Per­ché ora la par­ti­ta si è spo­sta­ta fuo­ri dal­le por­te UE.  

Jes­si Kume

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?