Igiene democratica e cura delle istituzioni

Camera-italiana-150Per­ché le nazio­ni fal­li­sco­no” è un recen­te libro di Dron Ace­mo­glu e James Robin­son, rispet­ti­va­men­te eco­no­mi­sta e poli­to­lo­go, che han­no pas­sa­to alcu­ni anni a stu­dia­re deci­ne di pae­si in tut­to il mon­do facen­do un’interessante sco­per­ta: è la soli­di­tà del­le isti­tu­zio­ni poli­ti­che ed eco­no­mi­che libe­ra­li a deter­mi­na­re il suc­ces­so di un paese.
I due smon­ta­no l’idea che sia impor­tan­te il fat­to­re geo­gra­fi­co per cui più si scen­de a sud più cala la pro­dut­ti­vi­tà (nel nostro emi­sfe­ro) e ridi­men­sio­na­no il ruo­lo del­la cul­tu­ra e del­la reli­gio­ne nel­lo svi­lup­po del capi­ta­li­smo: entram­bi assun­ti mol­to radi­ca­ti. Quel­lo che con­ta inve­ce è la “gover­nan­ce”: un pae­se si man­tie­ne pro­spe­ro fin­ché l’attività di gover­no, ovve­ro quel­la di espri­me­re poli­ti­che, pren­de­re deci­sio­ni, assu­me­re respon­sa­bi­li­tà all’interno di pro­ces­si demo­cra­ti­ci, funziona.

Ace­mo­glu e Robin­son distin­guo­no poi tra isti­tu­zio­ni “estrat­ti­ve” e “inclu­si­ve”: le pri­me ser­vo­no a ristret­te éli­tes per acca­par­rar­si il red­di­to e le ric­chez­ze pro­dot­te nel Pae­se, al con­tra­rio le secon­de con­sen­to­no ad ampie fasce di popo­la­zio­ne di acce­de­re alla ric­chez­za o al pote­re. Que­ste ulti­me fun­zio­na­no solo se sono sor­ret­te da una soli­da “poliar­chia”, ovve­ro da una plu­ra­li­tà di pote­ri dif­fu­si nel­la socie­tà: que­sto ci sug­ge­ri­sce che uno dei segre­ti del­lo svi­lup­po eco­no­mi­co si nascon­da in un effet­ti­vo plu­ra­li­smo sociale.

Per far ciò il siste­ma com­ples­so for­ma­to dal­le isti­tu­zio­ni di un pae­se deve esse­re coe­ren­te e gover­na­bi­le, in modo da pote­re espri­me­re il mas­si­mo dell’inclusività. Il model­lo è quel­lo dell’equi­li­brio dei pote­ri, det­to anche dei pesi e con­trap­pe­si che dovreb­be esse­re appli­ca­to sia in sen­so ver­ti­ca­le che in sen­so oriz­zon­ta­le. Ese­cu­ti­vo, legi­sla­ti­vo e giu­di­zia­rio devo­no esse­re sepa­ra­ti per­ché in que­sto modo si evi­ta la con­cen­tra­zio­ne di pote­re nel­le mani di uno e si garan­ti­sce un siste­ma di con­trol­lo reci­pro­co tra le diver­se isti­tu­zio­ni ma lo stes­so sche­ma vale anche per le auto­no­mie loca­li: fun­zio­na un siste­ma fat­to da isti­tu­zio­ni for­ti che agi­sca­no in con­tra­sto di inte­res­si tra di loro per evi­ta­re che una pren­da il soprav­ven­to sull’altra.

Nel caso ita­lia­no que­sto signi­fi­ca che non è una buo­na idea azzar­dar­si ad affa­stel­la­re rifor­me isti­tu­zio­na­li in tem­pi di emer­gen­za: la strut­tu­ra del pae­se va modi­fi­ca­ta con cau­te­la, con cal­ma e gran­de atten­zio­ne (potrem­mo chia­mar­la piat­ta­for­ma Oni­da-Zagre­bel­sky). Se risul­ta con­di­vi­si­bi­le la tra­sfor­ma­zio­ne del Sena­to in Came­ra del­le auto­no­mie che pos­sa fun­zio­na­re da pun­to di rac­cor­do e di com­pen­sa­zio­ne tra isti­tu­zio­ni nazio­na­li e regio­na­li, ha poco sen­so inve­ce pri­var­si dell’istituzione del Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca di garan­zia come deli­nea­to dal­la Costi­tu­zio­ne per anda­re ver­so un (semi-)presidenzialismo. Oggi il Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca ha una fun­zio­ne di rie­qui­li­brio pre­zio­sa: aumen­ta o dimi­nui­sce la pro­pria influen­za sul siste­ma a secon­da del­lo sta­to di salu­te del­le altre isti­tu­zio­ni. In caso di ele­zio­ne diret­ta inve­ce emer­ge­reb­be un pote­re pre­pon­de­ran­te rispet­to agli altri con rischi per la tenu­ta del siste­ma e per­de­reb­be di signi­fi­ca­to il ruo­lo del Pre­si­den­te del Con­si­glio che diver­reb­be sostan­zial­men­te un fantoccio.

Parlamento-europeo-strasburgoLe per­so­ne van­no e ven­go­no ma le isti­tu­zio­ni riman­go­no”: è una fra­se che Altie­ro Spi­nel­li pro­nun­cia­va soven­te men­tre cer­ca­va di far isti­tu­zio­na­liz­za­re alcu­ne sue idee nel “Pro­get­to di trat­ta­to che isti­tui­sce l’Unione euro­pea” del 1984. Ora che l’architettura isti­tu­zio­na­le imma­gi­na­ta da Spi­nel­li è real­tà gra­zie al Trat­ta­to di Lisbo­na è neces­sa­rio lavo­ra­re sul­la natu­ra e sul livel­lo di demo­cra­zia del­le isti­tu­zio­ni euro­pee. Occor­re raf­for­za­re le isti­tu­zio­ni fede­ra­li, ovve­ro il Par­la­men­to elet­to a suf­fra­gio uni­ver­sa­le e la Com­mis­sio­ne che deve sem­pre più fun­zio­na­re come gover­no dell’Unione con un bilan­cio signi­fi­ca­ti­vo e pos­si­bi­li­tà di emet­te­re debi­to (Euro­Bond), men­tre è neces­sa­rio ridi­men­sio­na­re il Con­si­glio dell’UE ovve­ro il pote­re inter­go­ver­na­ti­vo ora domi­nan­te come “Came­ra degli sta­ti” che pos­sa inter­ve­ni­re cioè esclu­si­va­men­te nel­la fase legi­sla­ti­va, sen­za dirit­to di veto come oggi. Si trat­ta quin­di di defi­ni­re l’unione poli­ti­ca, affer­man­do il prin­ci­pio di rap­pre­sen­tan­za all’interno del­le isti­tu­zio­ni: se il voto espri­me una mag­gio­ran­za (di cen­tro­si­ni­stra o di cen­tro­de­stra) le isti­tu­zio­ni la devo­no ripro­dur­re con mag­gio­ran­ze di gover­no. A que­sto pro­po­si­to un pas­so avan­ti sarà fat­to nel­le pros­si­me ele­zio­ni euro­pee per le qua­li i due mag­gio­ri par­ti­ti con­ti­nen­ta­li (PSE e PPE) han­no deci­so di desi­gna­re un pro­prio rap­pre­sen­tan­te per la gui­da del­la Com­mis­sio­ne in caso di vit­to­ria: in que­sto modo si apri­rà final­men­te uno spa­zio poli­ti­co europeo.

World Leaders Attend 66th United Nations General AssemblyA livel­lo mon­dia­le è neces­sa­rio “demo­cra­tiz­za­re le glo­ba­liz­za­zio­ne” e allo­ra risul­ta impor­tan­te la rifor­ma del dell’ONU, in cor­so ora­mai da parec­chi anni ma che sem­bra non arri­va­re mai a com­pi­men­to per veti incro­cia­ti dei mem­bri. Per pri­ma cosa biso­gne­reb­be rifor­ma­re il Con­si­glio di Sicu­rez­za Onu dan­do rap­pre­sen­tan­za pari­ta­ria a tut­ti i con­ti­nen­ti, (supe­ran­do la logi­ca del­lo “sta­tus quo” deri­va­to dal post-Secon­da Guer­ra mon­dia­le, eli­mi­nan­do il pote­re di veto dei mem­bri per­ma­nen­ti) e amplian­do i pote­ri di con­trol­lo del­l’As­sem­blea gene­ra­le. Infi­ne, la cosa for­se più impor­tan­te: è neces­sa­rio dare voce poli­ti­ca all’o­pi­nio­ne pub­bli­ca glo­ba­le. Man­ca anco­ra un luo­go dove pos­sa eser­ci­tar­si il con­trol­lo popo­la­re del­la poli­ti­ca inter­na­zio­na­le: un Par­la­men­to mon­dia­le, sim­bo­lo e stru­men­to isti­tu­zio­na­le di dia­lo­go e deci­sio­ne di un’u­ma­ni­tà che si fa comu­ni­tà cosmo­po­li­ta. L’em­brio­ne di quel­lo che al momen­to appa­re un “pro­get­to uto­pi­co” potreb­be esse­re più rea­li­sti­ca­men­te un’As­sem­blea par­la­men­ta­re che inte­gri (per poi pro­gres­si­va­men­te sosti­tui­re) l’As­sem­blea Gene­ra­le del­l’O­nu. Non più gli amba­scia­to­ri e i dele­ga­ti dei gover­ni, come avvie­ne inve­ce per l’As­sem­blea gene­ra­le, ma rap­pre­sen­tan­ti dei cit­ta­di­ni, dun­que del­le mino­ran­ze e non solo del­le mag­gio­ran­ze, per­ché emer­ga­no pro­ble­mi, esi­gen­ze e riven­di­ca­zio­ni, oltre ad ine­di­te mag­gio­ran­ze sino­ra silen­ti nel­le isti­tu­zio­ni internazionali.

In defi­ni­ti­va si trat­ta di una que­stio­ne di igie­ne demo­cra­ti­ca e cura del­le isti­tu­zio­ni: se nel dopo­guer­ra si era por­ta­ti a dire che la demo­cra­zia fos­se una con­se­guen­za del­lo svi­lup­po eco­no­mi­co ora sap­pia­mo che occor­re pren­der­si cura del­le isti­tu­zio­ni che sono la garan­zia del­la pro­spe­ri­tà del pae­se (o del con­ti­nen­te, del glo­bo) ed occor­re far­lo nel sol­co del­la demo­cra­zia per­ché se le respon­sa­bi­li­tà sono con­di­vi­se il siste­ma com­ples­si­vo diven­ta più soli­do e fun­zio­na meglio.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.