Guida una città aperta e comunitaria: Paola Natalicchio

27-cartolina-civoti-natalicchio-vert Davan­ti ai sin­da­ci vir­tua­li di Four­squa­re, l’av­ven­tu­ra civi­ca e rea­lis­si­ma di Pao­la Nata­lic­chio è nata da un appel­lo gira­to su Face­book. Nel­la cor­sa appa­ren­te­men­te scri­te­ria­ta del­la gior­na­li­sta che è tor­na­ta nel­la sua Mol­fet­ta per rac­co­glie­re l’ap­pel­lo a diven­ta­re sin­da­co (diven­tan­do­lo), ci pia­ce leg­ge­re in con­tro­lu­ce quel­la di Giu­sep­pe Civa­ti alla segre­te­ria nazio­na­le del PD. E non solo per­ché pro­prio nei gior­ni scor­si l’am­mi­ni­stra­tri­ce puglie­se ha mani­fe­sta­to il pro­prio soste­gno al can­di­da­to, quan­to per alcu­ni rife­ri­men­ti anche les­si­ca­li che acco­mu­na­no i due: «Tut­ti al pae­se ci guar­da­va­no come ragaz­zi e ani­me bel­le», dice Nata­lic­chio al tele­fo­no, appe­na rien­tra­ta dal­la Capi­ta­le dove ha vis­su­to quin­di­ci anni per lavo­ro. «Sia­mo arri­va­ti al secon­do tur­no del­le comu­na­li per il rot­to del­la cuf­fia, gra­zie anche alle liste civi­che e al voto disgiun­to. Duran­te i gior­ni del bal­lot­tag­gio ci sia­mo spe­ri­co­la­ti più di pri­ma, accet­tan­do un dia­lo­go con Rifon­da­zio­ne Comu­ni­sta e non con l’U­DC, dove ci vole­va­no man­da­re tut­ti: e abbia­mo vin­to con tre­mi­la voti di scar­so, seguen­do uno sche­ma che l’op­po­sto del­le lar­ghe inte­se, men­tre a Roma impaz­za­va il son­no­len­to gover­no “del­la respon­sa­bi­li­tà”, che cer­ca di con­vin­cer­ci che sia­mo tut­ti ugua­li, che non ci sia­no dif­fe­ren­ze tra destra e sini­stra. Ce l’ab­bia­mo fat­ta con­tro ogni pro­no­sti­co alfa­nu­me­ri­co e pro­ba­bil­men­te con­tro la razio­na­li­tà, ma abbia­mo ripor­ta­to una comu­ni­tà al gover­no del­la cit­tà, io ne sono solo por­ta­vo­ce».

Schermata 2013-11-28 alle 19.49.10 Quel­la del­le “ani­me bel­le” è un’ac­cu­sa che spes­so è vola­ta nei con­fron­ti di Civa­ti, i mesi scor­si, dai palaz­zi roma­ni: «Ho rac­col­to la sua chia­ma­ta all’a­de­sio­ne, rivol­ta a chi sta fuo­ri dal PD come me, sul­la soglia. Non vi entro anco­ra, fin­ché il par­ti­to non dimo­stre­rà di aver scel­to la pro­pria stra­da, in una dire­zio­ne che va ver­so sini­stra e non ver­so le lar­ghe inte­se: ser­ve il dia­lo­go con SEL (a cui sono vici­na), coi movi­men­ti, i grup­pi del volon­ta­ria­to, la cit­ta­di­nan­za atti­va sui ter­ri­to­ri, che sono reti di quo­ti­dia­ne rivo­lu­zio­ni. Come sin­da­co di ses­san­ta­mi­la abi­tan­ti non pos­so esse­re indif­fe­ren­te rispet­to a chi sarà segre­ta­rio del pri­mo par­ti­to del Pae­se: non è solo una que­stio­ne del PD, ma di tut­ti quel­li che han­no a cuo­re le sor­ti del cen­tro­si­ni­stra ita­lia­na, che va tira­to ver­so una par­te e non ver­so l’al­tra, e già ci si stan­no scor­ti­can­do le mani. Le pri­ma­rie del 2012 sono sta­te deva­stan­ti, han­no sfian­ca­to la pla­tea e ci han­no por­ta­to spom­pa­ti all’ap­pun­ta­men­to elet­to­ra­le, sen­za capi­re più nien­te del rap­por­to con i ter­ri­to­ri e le cit­tà: dev’es­se­re sem­pre acce­so il fuo­co del­la par­te­ci­pa­zio­ne, non è un ade­si­vo o spil­let­ta, è una cosa più seria, men­tre quel­le pri­ma­rie furo­no gin­na­sti­ca. Le attua­li, inve­ce, sono il pun­to da cui deve ripar­ti­re il cen­tro­si­ni­stra: per que­sto accol­go l’in­vi­to di Pip­po. Mol­ti mi dico­no “sei entra­ta nel PD”, ma man­ten­go mia indi­pen­den­za da esso, con sere­ni­tà e sen­za ave­re i pie­di in due staf­fe: non l’ho vota­to alle ulti­me ele­zio­ni, ho scel­to un altro par­ti­to di sini­stra. Io vor­rei un par­ti­to, ma non ce l’ho anco­ra: in Ren­zi vedo un lea­de­ri­smo stril­la­to e cari­sma­ti­co, non sono con­vin­ta dal suo sguar­do, che non va ver­so sini­stra né ver­so la socie­tà civi­le. Pip­po inve­ce ha un dia­lo­go quo­ti­dia­no con SEL e coi movi­men­ti, di vec­chis­si­ma data, e sta gio­can­do una par­ti­ta che guar­da al medio-lun­go ter­mi­ne: abbia­mo biso­gno di que­sto».

folla_di_sinistra_03 Nel­l’in­con­tro pub­bli­co a Mol­fet­ta, Pao­la Nata­lic­chio ha det­to a Civa­ti: «Qui abbia­mo sco­per­to il corag­gio di schie­rar­ci, un pez­zo di que­sta cit­tà è con Pip­po fino in fon­do, le lar­ghe inte­se nei ter­ri­to­ri ci stan­no spom­pan­do ma Mol­fet­ta sta cam­bian­do». In qua­le sen­so, que­sto cam­bia­men­to, nei pri­mi mesi di giun­ta? «Abbia­mo scom­mes­so su un nuo­vo model­lo di mobi­li­tà, la ZTL libe­ra due piaz­ze (Duo­mo e Muni­ci­pio) dal­le auto­mo­bi­li, come nel resto del­la Puglia ven­do­lia­na. Lo abbia­mo fat­to già ad ago­sto, con mol­ta radi­ca­li­tà». Par­la al plu­ra­le, Pao­la: «Abbia­mo inau­gu­ra­to una diver­sa pia­ni­fi­ca­zio­ne urba­na, inve­sten­do nel­le com­pe­ten­ze del­l’uf­fi­cio tec­ni­co comu­na­le per uno svi­lup­po ordi­na­to e soste­ni­bi­le: voglia­mo capo­vol­ge­re l’i­dea di cit­tà che die­ci anni di destra bece­ra e vol­ga­re ave­va impo­sto, fat­ta di svi­lup­po urba­ni­sti­co disor­di­na­to e di idee farao­ni­che per gran­di ope­re, le magni­fi­che sor­ti e pro­gres­si­ve che cal­pe­sta­va­no ogni rego­la. L’e­re­di­tà di Azzol­li­ni (già sena­to­re di For­za Ita­lia, ora col Nuo­vo Cen­tro­de­stra di Alfa­no, ndr) è mol­to pesan­te: pri­ma il seque­stro del depu­ra­to­re, poi quel­lo arci­no­to del por­to, costrui­to in modo truf­fal­di­no». Spie­ga Nata­lic­chio: «Il depu­ra­to­re sca­ri­ca­va in mare, mi sono auto­de­nun­cia­ta a Legam­bien­te per aver tro­va­to que­sta situa­zio­ne. C’è volu­ta una manu­ten­zio­ne straor­di­na­ria per met­ter­lo appo­sto, dan­do il via a una gestio­ne vir­tuo­sa e non impat­tan­te del­le ope­re pub­bli­che». Ma Mol­fet­ta sta diven­tan­do anche la cit­tà del­l’inter­cul­tu­ra: «Duran­te la festa patro­na­le ‑con­ti­nua il sin­da­co- abbia­mo accol­to in un ostel­lo per tre gior­ni i migran­ti accor­si a ven­de­re la loro mer­ce. Abbia­mo anche fat­to doman­da per ave­re un cen­tro di acco­glien­za per i rifu­gia­ti e i richie­den­ti asi­lo, apren­do­ci al mon­do».

Schermata 2013-11-28 alle 21.37.09 Segni di cosa vuol dire coi fat­ti, esse­re dif­fe­ren­ti: ma com’è nato il per­cor­so alla sin­da­ca­tu­ra? «Nei quin­di­ci anni a Roma sono sem­pre sta­ta vici­na alla poli­ti­ca del­la sini­stra e alla cit­ta­di­nan­za atti­va, anche se non ero né sono tes­se­ra­ta a par­ti­ti. Un grup­po di gio­va­ni mol­fet­te­si ha lan­cia­to ‑pri­ma su Face­book, poi con una rac­col­ta di fir­me- l’i­dea di una mia can­di­da­tu­ra, che non solo diven­ne pre­sto con­ta­gio­sa, ma fu accol­ta da PD e SEL, i qua­li mi invi­ta­ro­no a scen­de­re per par­lar­ne assie­me. Mi han­no “tira­to per la giac­ca” e sono tor­na­ta a Mol­fet­ta, dopo che l’a­ve­vo lascia­ta a diciot­t’an­ni». La cam­pa­gna vede­va il cen­tro­si­ni­stra lar­ga­men­te sfa­vo­ri­to: «Ave­re le mani libe­re ci ha avvan­tag­gia­to. Ho chie­sto ai due par­ti­ti di fare qual­co­sa di sini­stra, costrui­re uno sche­ma chia­ro e net­to, ovve­ro una coa­li­zio­ne sen­za l’U­DC e che non rin­cor­res­se il cen­tro, scom­met­ten­do sul­le liste civi­che e i movi­men­ti, da Emer­gen­cy alle asso­cia­zio­ni di dife­sa dei dirit­ti dei lavo­ra­to­ri, all’Azio­ne Cat­to­li­ca». L’e­spe­ri­men­to di un comi­ta­to-labo­ra­to­rio in un perio­do duran­te il qua­le mon­ta­va l’an­ti­po­li­ti­ca: «Vole­va­mo tene­re assie­me in modo con­vin­to la poli­ti­ca atti­va e il con­tra­sto all’an­ti­po­li­ti­ca sul suo stes­so ter­re­no. E’ una paro­la stu­pi­da, pre­fe­ri­sco par­la­re di una doman­da di poli­ti­ca al di fuo­ri dei par­ti­ti, spes­so rea­zio­na­ri con chiu­su­ra e intro­ver­sio­ne, una buro­cra­tiz­za­zio­ne che rischia anco­ra di tra­vol­ger­li. La mia cam­pa­gna elet­to­ra­le si ripro­po­ne­va di met­te­re fine alla demen­zia­le con­te­sa tra poli­ti­ca e anti­po­li­ti­ca: l’on­da è cre­sciu­ta, dan­do un nome alle cose, con­ver­ten­do il model­lo di cit­tà. Abbia­mo fat­to inna­mo­ra­re e appas­sio­na­re i mol­fet­te­si del­la loro cit­tà, al di là del sin­go­lo prov­ve­di­men­to ordi­na­rio: ad esem­pio attra­ver­so le bat­ta­glie ambien­ta­li­ste, e quel­le con­tro il voto di scam­bio, che è sta­ta mol­to effi­ca­ce e soste­nu­ta assie­me all’A­zio­ne Cat­to­li­ca, nono­stan­te io sia agno­sti­ca e lai­ca».

27-cartolina-civoti-natalicchio In que­sti gior­ni si comin­cia con fati­ca a vol­ta­re una pagi­na del­la brut­ta sto­ria ita­lia­na degli ulti­mi ven­t’an­ni, che ha visto la tele­vi­sio­ne diven­ta­re poli­ti­ca, e vice­ver­sa. Fare il gior­na­li­sta in Ita­lia è sem­pre più dif­fi­ci­le, eppu­re mol­ti gio­va­ni sono sem­pre affa­sci­na­ti dal mestie­re: «Ven­go da due espe­rien­ze esal­tan­ti ma bru­cian­ti, all’in­ter­no dei quo­ti­dia­ni del­la sini­stra», rac­con­ta Pao­la. «All’U­ni­tà con Con­ci­ta de Gre­go­rio, che ope­rò una rivo­lu­zio­ne in gra­do di pro­por­re il gior­na­le a un pub­bli­co che non fos­se solo quel­lo del par­ti­to, dif­fu­so e par­te­ci­pe di gran­di cam­pa­gne. Ma in quel perio­do, 2008–2009, fum­mo inve­sti­ti del­la cri­si che è anco­ra in cor­so: i pre­ca­ri furo­no man­da­ti a casa da un edi­to­re di sini­stra come Rena­to Soru, fu scioc­can­te. Assie­me al diret­to­re abbia­mo impa­ra­to come sia dif­fi­ci­le anche a sini­stra riu­sci­re a fare un cer­to tipo d’in­for­ma­zio­ne in modo soste­ni­bi­le sul mer­ca­to e tute­lan­do i lavo­ra­to­ri». Poi ven­ne Pub­bli­co, con Luca Tele­se: «Fu anco­ra più incre­di­bi­le, fon­dam­mo un gior­na­le nuo­vo e ci abbia­mo cre­du­to spo­stan­do­ci da altre reda­zio­ni, abbia­mo lavo­ra­to in modo dav­ve­ro indi­pen­den­te da ogni con­di­zio­na­men­to, ma dopo soli tre mesi le sara­ci­ne­sche furo­no abbas­sa­te». Il futu­ro del­l’in­for­ma­zio­ne: «Ho impa­ra­to che i blog da soli, pur poten­ti e vira­li come quel­lo di Civa­ti ‑l’ho cono­sciu­to così, tenen­do­mi infor­ma­ta del­la sua atti­vi­tà- non basta­no. Ser­vo­no nuo­vi inve­sti­men­ti, anche a sini­stra, per un’in­for­ma­zio­ne libe­ra e non di par­ti­to, che garan­ti­sca anche a chi la fa la liber­tà di vive­re. A Roma costi­tuii il grup­po “Erro­ri di stam­pa”, assie­me ad alcu­ni col­le­ghi arrab­bia­ti, per riaf­fer­ma­re l’ar­ti­co­lo 21 del­la Costi­tu­zio­ne: i lavo­ra­to­ri van­no rispet­ta­ti, non si può esse­re paga­ti 15 euro lor­di al pez­zo, per­ché vuol dire lavo­ra­re peg­gio e dover copri­re anche tre uffi­ci stam­pa per riu­sci­re a paga­re le bol­let­te. Con Bene­det­ta Toba­gi abbia­mo vin­to la bat­ta­glia affin­ché le gior­na­li­ste Rai in gra­vi­dan­za non venis­se­ro man­da­te a casa da un’a­zien­da che spes­so ado­pe­ra le fin­te par­ti­te Iva». Di cosa c’è biso­gno, quin­di? «Di nuo­vi impren­di­to­ri social­men­te respon­sa­bi­li, che scom­met­ta­no in un gior­na­li­smo che con­sen­ta a chi lo fa di pra­ti­car­lo nel­le con­di­zio­ni miglio­ri. E’ un’in­te­ra gene­ra­zio­ne, la nostra. Biso­gna sfon­da­re il main­stream, entra­re in tut­te le case».

#Civo­ti 27: Pao­la Natalicchio

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?