Mette il digitale al servizio di libertà ed eguaglianza: Juan Carlos De Martin

26-cartolina-civoti-demartin-vertInter­net può esse­re un otti­mo stru­men­to per rea­liz­za­re un sogno anti­co, ovve­ro, una demo­cra­zia for­te, sostan­zia­le, par­te­ci­pa­ta, deli­be­ra­ti­va, con­ti­nua. Una demo­cra­zia che, pur man­te­nen­do un soli­do impian­to rap­pre­sen­ta­ti­vo, si avval­ga del con­tri­bu­to diret­to di cit­ta­di­ni che non sono più i con­ta­di­ni e ope­rai spes­so anal­fa­be­ti del seco­lo XIX, ma cit­ta­di­ni istrui­ti, por­ta­to­ri di com­pe­ten­ze che potreb­be­ro con­tri­bui­re in manie­ra impor­tan­te al bene comu­ne.” Per Juan Car­los De Mar­tin (tori­ne­se nato in Argen­ti­na e vis­su­to anche negli Sta­ti Uni­ti), pro­fes­so­re al Poli­tec­ni­co di Tori­no che dal 2012 tie­ne un cor­so deno­mi­na­to “Rivo­lu­zio­ne Digi­ta­le”, la que­stio­ne del pro­gres­so lega­to alla que­stio­ne del digi­ta­le è fon­da­men­ta­le per dise­gna­re la map­pa del­l’I­ta­lia che ver­rà: “Per far ciò, tut­ta­via, biso­gna supe­ra­re le for­ti resi­sten­ze di chi, nei par­ti­ti e fuo­ri, tro­va che lo sta­tus quo sia per­fet­ta­men­te in linea coi pro­pri inte­res­si. Pri­ma anco­ra che una que­stio­ne tec­no­lo­gi­ca, quin­di, la que­stio­ne è poli­ti­ca: si trat­ta, infat­ti, di ridi­se­gna­re la map­pa del pote­re, dan­do­ne di più agli iscrit­ti, ai sim­pa­tiz­zan­ti e ai sem­pli­ci cit­ta­di­ni e meno agli insi­ders. Que­sta è la sfi­da da affron­ta­re con intel­li­gen­za e fidu­cia nei cit­ta­di­ni, que­sto l’u­ni­co vero anti­do­to a un futu­ro che, sen­za una deci­sa svol­ta demo­cra­ti­ca, vedo insi­dia­to, da una par­te, da pul­sio­ni neo-auto­ri­ta­ri­ta­rie (qua­si cer­ta­men­te ple­bi­sci­ta­rie) e, dal­l’al­tra, da movi­men­ti più o meno dema­go­gi­ci e irrazionali.”

Un pro­ble­ma poli­ti­co, quin­di. Ma c’è anche un’al­tra que­stio­ne, ed è il tema del­la con­ser­va­zio­ne, e del­l’u­ti­liz­zo dei ter­mi­ni solo per­ché sono di moda sen­za che ci sia un vero e pro­prio pro­get­to per met­ter­si in cam­mi­no ver­so un vero e pro­prio futu­ro digi­ta­le. Anche per­ché rischia­mo di accu­mu­la­re, anche in que­sto caso, un ritar­do impor­tan­te. “A que­sto pun­to, dopo mol­te spe­ran­ze delu­se, temo che ci voglia­no per­so­ne nuo­ve, per­so­ne a cui il digi­ta­le non vada ogni vol­ta spie­ga­to da zero. Pur­trop­po, infat­ti, la clas­se diri­gen­te attua­le ha in media una cono­scen­za estre­ma­men­te super­fi­cia­le del­le que­stio­ni. Il tema è di moda, per cui se ne par­la anche mol­to, ma non per vero inte­res­se o per vera com­pren­sio­ne. Non sor­pren­de, quin­di, che alla fine il risul­ta­to com­ples­si­vo a livel­lo deci­sio­na­le sia delu­den­te. Ciò è gra­ve non solo per noi che ci occu­pia­mo di digi­ta­le – è gra­ve per l’I­ta­lia! Per­ché non c’è dub­bio che il seco­lo XXI sarà il seco­lo del digi­ta­le, così come il XIX è sta­to quel­lo del vapo­re e del­la fer­ro­via, e il XX quel­lo del­l’e­let­tri­ci­tà e del­l’au­to­mo­bi­le. L’I­ta­lia, già mol­to indie­tro, rischia di per­de­re ulte­rio­re ter­re­no. Per evi­ta­re tale rischio dob­bia­mo pia­ni­fi­ca­re ed ese­gui­re una rimon­ta che l’I­ta­lia, se ade­gua­ta­men­te mobi­li­ta­ta, è per­fet­ta­men­te in gra­do di fare.”

Pro­ble­ma tec­no­lo­gi­co, pro­ble­ma poli­ti­co, ma anche pro­ble­ma cul­tu­ra­le. Tra fat­to­ri indi­ca­ti da De Mar­tin come fon­da­men­ta­li per comin­cia­re a riflet­te­re sul­la que­stio­ne. “Il diva­rio digi­ta­le ita­lia­no ha tre radi­ci prin­ci­pa­li: infra­strut­tu­ra­le, eco­no­mi­ca e cul­tu­ra­le. L’in­fra­strut­tu­ra digi­ta­le ita­lia­na è, per mol­ti aspet­ti, una del­le ulti­me in Euro­pa; la lar­ga ban­da non arri­va in mol­te par­ti del pae­se e, dove arri­va, è in media len­ta. Il diva­rio ha poi anche una radi­ce eco­no­mi­ca per­ché mol­ti ita­lia­ni, nel mez­zo del­la più gra­ve cri­si eco­no­mi­ca dagli anni degli ulti­mi set­tan­t’an­ni, sem­pli­ce­men­te non ce la fan­no a com­pra­re com­pu­ter o smart­pho­ne e rela­ti­va con­nes­sio­ne dati a ban­da lar­ga. E infi­ne il diva­rio è cul­tu­ra­le, inte­so sia come gra­vi caren­ze digi­ta­li del­l’i­ta­lia­no medio (inclu­si i più gio­va­ni: smet­tia­mo di con­fon­de­re il saper usa­re un po’ il tablet con l’a­ve­re una cul­tu­ra digi­ta­le), sia inte­so come defi­cit cul­tu­ra­le di fon­do degli ita­lia­ni rispet­to alla media dei pae­si OCSE. Ecco per­ché spes­so dico che la cosa miglio­re che potrem­mo fare per il digi­ta­le sareb­be inve­sti­re mol­to di più in istru­zio­ne a tut­ti i livel­li, dai bam­bi­ni agli adul­ti. Ci vor­reb­be, insom­ma, un vero e pro­prio Pia­no Mar­shall per l’i­stru­zio­ne degli ita­lia­ni.

26-cartolina-civoti-demartinQue­ste nuo­ve sfi­de han­no biso­gno di una pro­po­sta poli­ti­ca. E Juan Car­los De Mar­tin si tro­va così in linea con le posi­zio­ni e le bat­ta­glie di Giu­sep­pe Civa­ti da esser­si iscrit­to al Par­ti­to Demo­cra­ti­co (“cosa ci fate voi lì fuo­ri?”). “Pur appas­sio­na­to da sem­pre alla poli­ti­ca – ovve­ro, ai pro­ble­mi del vive­re insie­me – fino a pochi mesi fa non ave­vo mai pre­so seria­men­te in con­si­de­ra­zio­ne l’i­dea di iscri­ver­mi a un par­ti­to. Par­lan­do del­le isti­tu­zio­ni e non del­le sin­go­le per­so­ne, infat­ti, i par­ti­ti poli­ti­ci mi appa­ri­va­no per­lo­più opa­chi, auto­re­fe­ren­zia­li, pri­vi di visio­ne, per nul­la inclu­si­vi, in sostan­za mol­to più inte­res­sa­ti alla loro auto-per­pe­tua­zio­ne che al bene del pae­se. Eppu­re ero con­vin­to che una demo­cra­zia sana aves­se biso­gno di par­ti­ti; man­ca­va però un’of­fer­ta ade­gua­ta. Poi mi sono imbat­tu­to nel blog di Giu­sep­pe Civa­ti e ho ini­zia­to a seguir­lo. La pri­ma cosa che ha col­pi­to la mia ani­ma illu­mi­ni­sta è che Civa­ti faces­se un uso pub­bli­co del­la ragio­ne, met­ten­do nero su bian­co le pro­prie rifles­sio­ni e i pro­pri impe­gni. In secon­do luo­go mi ha col­pi­to la sua coe­ren­za, par­ti­co­lar­men­te apprez­za­bi­le visto che mol­ti poli­ti­ci fan­no fati­ca a resta­re coe­ren­ti per più di due mesi (a vol­te due gior­ni) di fila. Infi­ne ho apprez­za­to che Civa­ti, set­ti­ma­na dopo set­ti­ma­na, mese dopo mese, pren­des­se mol­to spes­so posi­zio­ni poli­ti­che vici­ne alle mie. Con le pri­ma­rie ho deci­so, come cit­ta­di­no inte­res­sa­to alla cosa pub­bli­ca, di voler fare qual­co­sa di tan­gi­bi­le per aiu­ta­re Civa­ti, pen­san­do natu­ral­men­te alla cate­na Civa­ti → PD → Ita­lia. Tan­to più che nel frat­tem­po si era­no avvi­ci­na­ti a Civa­ti non solo alcu­ni ami­ci, ma anche alcu­ne del­le per­so­ne del Par­ti­to Demo­cra­ti­co che più sti­ma­vo, come, tra gli altri, Wal­ter Toc­ci e Fabri­zio Bar­ca. Ora il mio impe­gno – nel limi­te del­le mie capa­ci­tà e nel rispet­to del mio ruo­lo di per­so­na che cre­de nel­l’u­so pub­bli­co del­la ragio­ne – è sia quel­lo di soste­ne­re le idee di cui Civa­ti si fa pro­mo­to­re e por­ta­vo­ce, sia quel­lo di aiu­tar­lo a rea­liz­za­re un nuo­vo model­lo di par­ti­to. Nel meto­do, un par­ti­to che sia più tra­spa­ren­te, più inclu­si­vo, più in gra­do di dia­lo­ga­re con la socie­tà. Nel­la sostan­za, un par­ti­to che sia capa­ce di arti­co­la­re una visio­ne del futu­ro ambi­zio­sa e coin­vol­gen­te. Una visio­ne radi­ca­ta soprat­tut­to in quel­l’ar­ti­co­lo 3 del­la Costi­tu­zio­ne che, a distan­za di qua­si 65 anni, è sem­pre di straor­di­na­ria attualità.”

#Civo­ti 26: Juan Car­los De Martin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?