Civati show: «Sono in pieno “recuperlo”. E il mio amico Decaro è un po’ trimone»

BARI — Tra tut­ti i can­di­da­ti segre­ta­ri del Pd, Pip­po Civa­ti, che ieri ha chiu­so la sua due gior­ni puglie­se , sem­bra il più coin­vol­to dal­le vicen­de di que­sta regio­ne. Meri­to dell’«amico Anto­nio Deca­ro, al qua­le voglio bene e che con­ti­nuo a voler vede­re sin­da­co di Bari, nono­stan­te sia un tri­mo­ne che vota per Ren­zi», for­se. Nel giro «elet­to­ra­le» toc­ca anche Taran­to, ed è l’unico dei tre candidati.

«NON HO PAULRA DI PARLARE DELL’ILVA» — «Sono sta­to a par­la­re di Ilva, di lavo­ro, sen­za teme­re le con­te­sta­zio­ni. Anna Finoc­chia­ro, elet­ta sena­tri­ce pro­prio a Taran­to, non si è mai fat­ta vede­re. Cre­do la poli­ti­ca abbia mol­te respon­sa­bi­li­tà sull’Ilva». Il duel­lo (pro­ba­bil­men­te scon­giu­ra­to) tra D’Alema e Emi­lia­no gli fa pen­sa­re a Guer­re stel­la­ri o a «sfi­de un po’ machi­ste che non han­no nien­te a che fare con noi che a Bari schie­re­re­mo una per­so­na­li­tà sbalorditiva».

«LATORRE, MAZZARANO E IROTTAMATORI» — A chi pro­pa­gan­da la rot­ta­ma­zio­ne «ma poi rac­co­glie auto d’epoca, come Nico­la Lator­re e Miche­le Maz­za­ra­no», pro­vo­ca­to­ria­men­te indi­riz­za una doman­da e un avver­ti­men­to: «La pat­tu­glia di Ren­zi in Puglia è for­te, ma vor­rei doman­da­re a Miche­le Emi­lia­no, dopo il voto chi è che deci­de­rà». Quin­di l’avvertimento: «Sono in pie­no “recu­per­lo” e l’8 dicem­bre fini­rà con me che supe­ro Ren­zi di 100 voti». Se sul pal­co con Civa­ti ci sono Patri­zia Cale­fa­to, Ele­na Gen­ti­le e in rap­pre­sen­tan­za dei Gio­va­ni demo­cra­ti­ci un’emozionatissima Valen­ti­na Tafu­ni, la pla­tea è pie­na di gio­va­ni, ana­gra­fi­ca­men­te o per anzia­ni­tà di par­te­ci­pa­zio­ne. Mol­to nuo­vo Pd, che Civa­ti si augu­ra di far emer­ge­re per­ché «per evi­ta­re che Gril­lo vada al 51 per cen­to, occor­re con­fron­tar­si sul­le idee, con­dur­re bat­ta­glie di sen­so. Basta con que­sto Pd che spo­sta sopram­mo­bi­li: toglie l’Imu per sei mesi e aumen­ta le tas­se sul­la benzina».

«VOGLIO UN MATRIMONIO CON SEL» — Civa­ti non teme di dichia­rar­si — «Io sono di sini­stra, mi dispia­ce per gli altri, e pen­so che lo sia il Pae­se che vuo­le più ugua­glian­za, più rispet­to del­la leg­ge» — e annun­cia di vole­re più che un’alleanza con Sel, un «matri­mo­nio per­ché è inu­ti­le che esi­sta­no due sini­stre di gover­no». Nel­la sua dis­ser­ta­zio­ne, sem­pre viva­ce, non rispar­mia gli avver­sa­ri ester­ni al par­ti­to. «Fit­to è sca­te­na­to, dice che mani­fe­ste­rà da solo con­tro la deca­den­za di Ber­lu­sco­ni. Mi sa che resta in piaz­za fino a Nata­le». E riguar­do alla nuo­va for­ma­zio­ne nata sot­to la gui­da di Angio­li­no Alfa­no, garan­ti­sce: «Se fac­cia­mo un par­ti­to da Bari, quel­li che sia­mo que­sta sera, pren­dia­mo più voti di Alfa­no. Pren­dia­mo il 3 per cen­to. Ah, natu­ral­men­te recu­pe­ria­mo Deca­ro. Dicia­mo allo­ra che arri­via­mo al 4 per cento».

Fon­te: Cor­rie­re del Mez­zo­gior­no.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.