Questione maschile: cosa può fare la politica dopo il 25 novembre

card questione maschile Il dop­pio taglio del­le ricor­ren­ze met­te a valo­re posi­ti­vo che per ven­ti­quat­tro ore si par­li solo del­l’ar­go­men­to del gior­no, con un’en­fa­si che sareb­be meglio tene­re costan­te per tut­to l’an­no, e scon­ta il fat­to che appun­to, pas­sa­ta la “gior­na­ta inter­na­zio­na­le di”, l’in­for­ma­zio­ne spe­ci­fi­ca tor­na ad esse­re corol­la­rio di casi di cro­na­ca, maga­ri ogni tan­to l’an­nun­cio di misu­re di leg­ge più o meno esau­rien­ti ed effi­ca­ci, qua­si mai un inter­ven­to atto a modi­fi­ca­re il bro­do cul­tu­ra­le in cui deter­mi­na­ti feno­me­ni si mani­fe­sta­no. E’ il caso del­la vio­len­za con­tro le don­ne, che pro­prio oggi vede la mobi­li­ta­zio­ne glo­ba­le, e che risul­ta esse­re la par­te più sca­bro­sa di un’in­te­ra que­stio­ne: Giu­sep­pe Civa­ti ‑nel docu­men­to con­gres­sua­le che ne lan­cia la can­di­da­tu­ra a segre­ta­rio del PD- la defi­ni­sce “maschi­le”, seguen­do il cam­bio di pro­spet­ti­va che vie­ne dagli Sta­ti Uni­ti di Jack­son Katz, dal momen­to che vie­ne spo­sta­ta sul pia­no dei cro­mo­so­mi XY la leva deci­sio­na­le, men­ta­le, ope­ra­ti­va che ora come dimez­za le oppor­tu­ni­tà del­la popo­la­zio­ne, impe­den­do spes­so allo sguar­do fem­mi­ni­le di pren­de­re par­te alla for­ma­zio­ne del­le deci­sio­ni pub­bli­che, di tro­var­si agli api­ci del­le pro­fes­sio­ni, di deter­mi­na­re appie­no il pro­prio ruo­lo nel­la socie­tà. Un retag­gio anti­co anche a Occi­den­te, e rin­fo­co­la­to nei decen­ni del­lo svi­lup­po da una destra antro­po­lo­gi­ca, pri­ma anco­ra che poli­ti­ca, che in Ita­lia ha cono­sciu­to gli abis­si machi­sti di Ber­lu­sco­ni (già rimos­so l’e­pi­so­dio del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le con la gio­va­ne dipen­den­te di un’im­pre­sa vene­ta) ma che non vede immu­ne nep­pu­re la sini­stra da com­por­ta­men­ti e omis­sio­ni che sareb­be sta­to meglio non pra­ti­ca­re o avallare.

zapatos-rojos Oggi 25 novem­bre c’è la spe­ran­za che mol­ti maschi pren­da­no coscien­za di non dete­ne­re il fuo­co, e fan­no ben spe­ra­re le ade­sio­ni a cam­pa­gne come Noi­No (qui l’in­ter­vi­sta a Gian­nan­drea Bul­tri­ni, uno dei pro­mo­to­ri), lan­cia­te nel­l’al­tra metà del cie­lo. Ma se come twit­ta Dil­ma Rous­seff, la pre­si­den­ta del Bra­si­le, “la vio­len­za con­tro le don­ne reca ver­go­gna a una socie­tà che è anco­ra ses­si­sta e pie­na di pre­con­cet­ti”, sta anche al legi­sla­to­re dare rispo­ste late­ra­li alla cam­pa­gna cul­tu­ra­le da imba­sti­re: in Ita­lia ad esem­pio la nuo­va leg­ge che san­zio­na diver­sa­men­te il fem­mi­ni­ci­dio è sta­ta ogget­to di cri­ti­che costrut­ti­ve, men­tre è chia­ro che il tema non pos­sa esse­re affron­ta­to solo con prov­ve­di­men­ti secu­ri­ta­ri di ordi­ne pub­bli­co, pur neces­sa­ri qua­li la tera­pia pre­ven­ti­va del­lo stal­ker di gene­re. Il PD che ver­rà deve aiu­ta­re i cen­tri e le asso­cia­zio­ni anti­vio­len­za, atti­ve da decen­ni, desti­nan­do risor­se ade­gua­te, sen­si­bi­liz­zan­do le gio­va­ni gene­ra­zio­ni attra­ver­so la scuo­la e l’u­ni­ver­si­tà, modi­fi­can­do la nar­ra­zio­ne dei libri di testo che spes­so sono sta­ti con­ce­pi­ti fuo­ri da que­sto tem­po, e che sono deci­si­vi a livel­lo ele­men­ta­re nel­la for­ma­zio­ne del­la per­so­na­li­tà e del­le rela­zio­ni socia­li. Scri­ve oggi Ales­san­dro Gilio­li: “Non solo il rac­con­to del semi­no e del­l’o­vet­to, ma la ses­sua­li­tà inse­gna­ta nel­le scuo­le del­l’ob­bli­go in tut­te le sue com­po­nen­ti psi­co­lo­gi­che, alla base del rispet­to per se stes­si e per gli altri, per tut­ti gli orien­ta­men­ti. Oggi a scuo­la tut­to que­sto non c’è, è tut­to lascia­to ‑come sem­pre- alle fami­glie, e al divi­de cul­tu­ra­le che ne consegue”.

Malala Yousufzai Ma spes­so sono pro­prio gli spi­ra­gli del­la nor­ma­ti­va esi­sten­te a lasciar incu­nea­re effet­ti per­ver­si, ai qua­li si pre­sta poca atten­zio­ne e ancor meno rime­dio. Sono sot­to gli occhi di tut­ti l’of­fen­si­va cle­ri­ca­le e l’esca­la­tion degli obiet­to­ri di coscien­za all’ap­pli­ca­zio­ne del­la leg­ge 194 del 1978 riguar­do le inter­ru­zio­ni volon­ta­rie di gra­vi­dan­za nel­le strut­tu­re ospe­da­lie­re pub­bli­che: un even­to che negli ulti­mi tem­pi ha sostan­zial­men­te impe­di­to l’ap­pli­ca­zio­ne del­la leg­ge, e quin­di la pos­si­bi­li­tà che essa garan­ti­sce alla don­na rima­sta incin­ta con­tro la sua volon­tà di abor­ti­re entro i pri­mi novan­ta gior­ni di gesta­zio­ne (tra il quar­to e il quin­to mese solo per esi­gen­ze tera­peu­ti­che). Sen­za con­ta­re i casi in cui que­sti medi­ci pra­ti­ca­no in pri­va­to gli inter­ven­ti che nega­no in pub­bli­co. Per­ciò rico­strui­re una rete di con­sul­to­ri, dif­fon­de­re in manie­ra capil­la­re la comu­ni­ca­zio­ne riguar­do le misu­re con­trac­cet­ti­ve, ren­de­re cor­re­spon­sa­bi­li gli uomi­ni del­la pro­crea­zio­ne, e soprat­tut­to sta­bi­li­re una per­cen­tua­le di per­so­na­le non obiet­to­re nei repar­ti di gine­co­lo­gia e oste­tri­cia degli ospe­da­li pub­bli­ci, s’im­pon­go­no come scel­te indi­la­zio­na­bi­li per un par­ti­to di sini­stra che voglia gover­na­re il Pae­se. Anche un’al­tra discus­sa rego­la­men­ta­zio­ne, quel­la n.40 del 2004 in tema di fecon­da­zio­ne assi­sti­ta, non può andar bene così com’è ora, nel­la par­te in cui non con­sen­te l’inda­gi­ne pre-impian­to sugli embrio­ni del­le cop­pie por­ta­tri­ci di malat­tie gene­ti­che, in con­for­mi­tà a quan­to san­ci­to dal­la Car­ta Euro­pea dei dirit­ti del­l’uo­mo; l’in­te­ro set­to­re deve vede­re espres­so e affer­ma­to il favor per la deci­sio­ne libe­ra del­la cop­pia e del­la don­na geni­tri­ce, nel­la pie­na con­sa­pe­vo­lez­za di poter eser­ci­ta­re un dirit­to anche all’at­to pratico.

donne_lavoro Il gran­de irri­sol­to resta comun­que il rap­por­to tra le don­ne e il lavo­ro, anche con risvol­ti sul­la mater­ni­tà: la ricer­ca tar­di­va dei figli si ricon­du­ce a un’or­ga­niz­za­zio­ne del lavo­ro che anco­ra puni­sce le aspi­ran­ti madri con dimis­sio­ni in bian­co, licen­zia­men­ti, inter­ru­zio­ni di car­rie­ra. Que­sto sia nel lavo­ro dipen­den­te, spes­so poco qua­li­fi­ca­to, sia addi­rit­tu­ra nel­l’am­mi­ni­stra­zio­ne del­la cosa pub­bli­ca (è il caso di Mira, dove un’as­ses­so­ra del MoVi­men­to 5 Stel­le è sta­ta sol­le­va­ta dal­l’in­ca­ri­co per­ché incin­ta). Non è solo un rifles­so dal man­ca­to per­fe­zio­na­men­to legi­sla­ti­vo del­la teo­ria dei tem­pi fles­si­bi­li di vita e di lavo­ro, in auge negli anni Novan­ta negli Sta­ti più avan­za­ti d’Eu­ro­pa, e quin­di di una nuo­va voga per gli asi­li nido, desti­na­ti sem­pre più ad acco­glie­re i figli dei migran­ti: la cri­si ha inghiot­ti­to mol­ti dirit­ti che veni­va­no dati per acqui­si­ti ‑per­ché mai con­ti­nua­men­te riaf­fer­ma­ti nel frat­tem­po- e le pri­me a paga­re la situa­zio­ne sono pro­prio le lavo­ra­tri­ci, costret­te a ruo­lo di assi­sten­za per tam­po­na­re l’as­sen­za del­l’en­te pub­bli­co dal­le pre­sta­zio­ni socia­li. Una rispo­sta di sini­stra al pro­ble­ma, oltre al for­ni­re ulte­rio­ri ser­vi­zi per l’in­fan­zia, sta nel rive­de­re la tas­sa­zio­ne di modo che favo­ri­sca il ricor­so al lavo­ro fem­mi­ni­le, e nel­l’in­tro­dur­re for­me con­trat­tua­li rispet­to­se di que­sta dif­fe­ren­za: nel rap­por­to annua­le Istat, emer­ge come il disli­vel­lo sala­ria­le abbia esi­ti signi­fi­ca­ti­vi, con una media dell’11.5% in meno per le don­ne aven­ti un con­trat­to a tem­po inde­ter­mi­na­to e a pari­tà di altre con­di­zio­ni, e del 10.5% per i con­trat­ti a ter­mi­ne. Il tut­to men­tre la SPD tede­sca, nel­le trat­ta­ti­ve ver­so la Gros­se Koa­li­tion con la CDU del­la Mer­kel, ha mes­so tra le prio­ri­tà del­l’i­po­te­ti­co gover­no il rie­qui­li­brio sala­ria­le tra i due ses­si: evi­den­te­men­te ci sono lar­ghe inte­se, e inte­se in sof­fe­ren­za. Que­ste ulti­me le stia­mo pagan­do tut­ti, e le don­ne di più.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.