I diritti, via maestra alla pacificazione sociale

5151292È di insi­cu­rez­za e pau­ra che si nutre il pae­se anche quan­do par­la di amo­re omo­ses­sua­le. Una pau­ra che rivol­ge con­tro sé stes­so, che scam­bia un sen­ti­men­to in pato­lo­gia e la real­tà fat­tua­le per una ano­ma­lia da estir­pa­re. Per mol­to tem­po il Par­ti­to Demo­cra­ti­co ha bal­bet­ta­to in ter­mi­ni di dirit­ti LGTB e, dinan­zi alla defor­ma­zio­ne del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca, ha scel­to di alli­near­si ad essa, ha abban­do­na­to la pro­pen­sio­ne pro­gres­si­sta e si è nasco­sto die­tro for­mu­le bizan­ti­ne spes­so sot­to la for­ma di sigle e acro­ni­mi crip­ti­ci. Anche una scel­ta les­si­ca­le può esse­re indi­ca­to­re del­la rea­le inten­zio­ne del legi­sla­to­re. E se si pro­met­to­no i Pacs o i Civil Part­ner­ship quan­do il mon­do discu­te del matri­mo­nio gay e del­le ado­zio­ni per le cop­pie e per i sin­gle, il diva­rio rispet­to al pro­prio tem­po appa­re improv­vi­sa­men­te pro­fon­dis­si­mo.

Il pae­se sepa­ra­to non può esi­bi­re il dolo­re né la feli­ci­tà. Non esi­bi­rà il lut­to, non strin­ge­rà mani, non bace­rà nes­su­no. Scri­ve Ton­del­li (Came­re Sepa­ra­te, 1989) che quin­di nasce­rà qual­cu­no per cui la memo­ria di un amo­re omo­ses­sua­le “ver­rà accet­ta­ta e custo­di­ta come un valo­re da cui trar­re vita e spe­ran­za”. Voglio pen­sa­re che quel qual­cu­no sia­mo Noi.

L’intol­le­ran­za ver­so l’omosessualità è tra­sce­sa in vio­len­za repres­si­va con­tro chi si dichia­ra fuo­ri dal­la clan­de­sti­ni­tà ses­sua­le. Il Par­ti­to Demo­cra­ti­co per lun­ghi anni non è nem­me­no riu­sci­to a far appro­va­re una leg­ge con­tro l’omo­fo­bia e, quan­do ci è riu­sci­to, lo ha fat­to scen­den­do a com­pro­mes­si incom­pren­si­bi­li. Intro­dur­re il Matri­mo­nio egua­li­ta­rio signi­fi­ca sce­glie­re la stra­da del­la paci­fi­ca­zio­ne con­tro quel­la del­la vio­len­za: signi­fi­ca la ricon­ci­lia­zio­ne fra di noi, fra geni­to­ri e figli, fra fra­tel­li e sorel­le. Signi­fi­ca ammet­te­re la pos­si­bi­li­tà di un Amo­re Civi­le non­ché l’idea che il matri­mo­nio non sia più l’acquisizione di una madre (màter e munus, il ‘com­pi­to del­la madre’) ma il rico­no­sci­men­to pub­bli­co di una volon­tà pri­va­ta di con­di­vi­sio­ne di vita e desti­ni. Sen­za anda­re lon­ta­no, tor­nan­do alla lim­pi­dez­za del det­ta­to costi­tu­zio­na­le, a quel­le for­ma­zio­ni socia­li cita­te nell’articolo 2, in cui le fami­glie LGTB han­no pie­na digni­tà di esser com­pre­se, di esse­re rico­no­sciu­te e garantite.

famiglie-gayE non pare nem­me­no irrea­li­sti­co par­la­re di una fami­glia, non più solo allar­ga­ta, ma plu­ra­le. Non è l’o­mo­ses­sua­li­tà a ren­de­re il geni­to­re ini­do­neo come edu­ca­to­re, ben­sì la qua­li­tà del­la vita che esso è in gra­do di garan­ti­re al mino­re, il cui sen­so non è misu­ra­bi­le in ter­mi­ni mera­men­te eco­no­mi­ci ma da valu­ta­re a par­ti­re dal rap­por­to di affet­to che si è sta­bi­li­to fra geni­to­ri e figli.

È il costo del­l’in­tol­le­ran­za  ver­so l’o­mo­ses­sua­li­tà che crea disa­gio nel mino­re. Nel­la mozio­ne di Giu­sep­pe Civa­ti si chie­de l’e­sten­sio­ne al part­ner o al geni­to­re non bio­lo­gi­co del­la co-respon­sa­bi­li­tà sul mino­re e l’estensione del­la pos­si­bi­li­tà di ado­zio­ne a per­so­ne sin­go­le o alle cop­pie for­ma­te da per­so­ne del­lo stes­so ses­so. Chia­man­do le cose con il pro­prio nome, abban­do­nan­do l’i­po­cri­sia di for­mu­le ina­de­gua­te, sce­glien­do una posi­zio­ne all’a­van­guar­dia, che, quan­do è spie­ga­ta e moti­va­ta come volon­tà di paci­fi­ca­zio­ne, diven­ta imme­dia­ta­men­te condivisibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.