Una storia italiana

casson faldoni All’im­boc­co del­lo stra­do­ne dove ini­zia vera­men­te l’a­bi­ta­to di Mar­ghe­ra, per chi arri­va dal­la stra­da Romea, può capi­ta­re ‑vol­gen­do lo sguar­do sul­la destra, pri­ma di un pic­co­lo san­tua­rio- di imbat­ter­si in una scrit­ta ormai in via di sbia­di­men­to, minac­cia­ta dal tem­po e dal­le tag dei wri­ter. Reci­ta “158 inno­cen­ti ammaz­za­ti due vol­te”, e si rife­ri­sce agli ope­rai del Petrol­chi­mi­co scom­par­si a segui­to di tumo­ri con­trat­ti nel luo­go di lavo­ro, sen­za che una sen­ten­za abbia accer­ta­to la respon­sa­bi­li­tà dei ver­ti­ci del­l’a­zien­da. Cor­re­va l’i­ni­zio del nuo­vo seco­lo, e il pub­bli­co mini­ste­ro che istruì la cau­sa si chia­ma­va Feli­ce Cas­son. Pochi anni dopo, nel 2005, al magi­stra­to i Demo­cra­ti­ci di Sini­stra chie­se­ro la dispo­ni­bi­li­tà a dismet­te­re la toga e a diven­ta­re can­di­da­to sin­da­co a Vene­zia, sostan­zial­men­te un feu­do pro­gres­si­sta sin dal­la pri­ma ele­zio­ne diret­ta. Un ruo­lo di gran­de respon­sa­bi­li­tà e altret­tan­to appa­ga­men­to, deci­de­re i desti­ni di una del­le cit­tà più bel­le del mon­do, con visio­ne lun­ga sul futu­ro: Cas­son gode­va del con­sen­so pub­bli­co, del­l’ap­prez­za­men­to tra i cit­ta­di­ni di lagu­na e ter­ra­fer­ma per la schie­na drit­ta dimo­stra­ta al lavo­ro. Insom­ma era sta­to indi­vi­dua­to come la per­so­na giu­sta per con­ti­nua­re e miglio­ra­re l’at­ti­vi­tà del­l’am­mi­ni­stra­zio­ne Costa, attra­ver­so un cam­bio del­la guar­dia nel­l’al­lean­za di centrosinistra.

casson pm Ma la Mar­ghe­ri­ta loca­le, che espri­me­va il pri­mo cit­ta­di­no da oltre die­ci anni, non vole­va sen­ti­re ragio­ni. Ten­tò pri­ma di avan­za­re l’av­vo­ca­to mestri­no Ales­sio Via­nel­lo, e poi ‑spin­ta da una serie di con­si­de­ra­zio­ni nega­ti­ve riguar­do Cas­son- in extre­mis can­di­dò il doge Mas­si­mo Cac­cia­ri, uno che in cen­tro sto­ri­co era ritrat­to per­si­no negli sten­cil sui muri. Fran­ce­sco Rutel­li, allo­ra mas­si­mo espo­nen­te del­la for­za poli­ti­ca, ebbe modo di dire che l’ex pm era «irri­ce­vi­bi­le», e così il bar­bu­to filo­so­fo deci­se che fos­se il momen­to di «sal­va­re l’o­no­re» dei peta­li bian­chi. Subi­to que­sta deci­sio­ne pro­vo­cò scon­quas­si nel­l’U­li­vo, che sta­va appre­stan­do­si a diven­ta­re L’U­nio­ne e a cer­ca­re con Roma­no Pro­di di ripor­tar­si al gover­no del Pae­se: non solo que­stio­ni poli­ti­ci­sti­che, o un affla­to uni­ta­rio (Cas­son è “divi­si­vo”, come Pro­di, si sareb­be det­to oggi), indus­se­ro buo­na par­te dei DS loca­li a stor­ce­re il naso davan­ti alla deci­sio­ne fede­ra­le, e per moti­vi tut­ti poli­ti­ci. L’op­por­tu­ni­tà che un ex magi­stra­to debut­tas­se in poli­ti­ca con tan­to cla­mo­re, si dis­se, ma soprat­tut­to le sue riso­lu­zio­ni in tema di ambien­te e indu­stria: se da un lato con­qui­sta­va il con­sen­so di urba­ni­sti come Edoar­do Sal­za­no, dal­l’al­tro la bat­ta­glia del Petrol­kil­ler met­te­va in guar­dia il sin­da­ca­to e l’a­la del par­ti­to sto­ri­ca­men­te lega­to ad esso, timo­ro­si di un’e­sca­la­tion eco­lo­gi­sta che por­tas­se a met­te­re in salu­te il ter­ri­to­rio di Mar­ghe­ra e din­tor­ni, con paven­ta­te rica­du­te sul­l’oc­cu­pa­zio­ne. Più o meno i temi all’or­di­ne del gior­no oggi, per Ilva, Piom­bi­no e mil­le altre real­tà dove per anni i pro­gres­si­sti poco si era­no cura­ti degli effet­ti paral­le­li, del­le ester­na­li­tà negative.

casson cacciari Le pri­me defe­zio­ni ven­ne­ro da quel­la che pur­trop­po usia­mo chia­ma­re “sini­stra che odia la sini­stra”, con l’an­nun­cio del voto disgiun­to: DS per i con­si­glie­ri, Cac­cia­ri come sin­da­co. A chi da sem­pre è abi­tua­to a trat­ta­re anche con gli inte­res­si meno difen­di­bi­li, Cas­son non pia­ce­va per­ché era intran­si­gen­te, per­ché ave­va una paro­la sola per ogni situa­zio­ne, dice­va sì/sì e no/no, non fos­se un par­lar bibli­co. Al can­di­da­to veni­va fat­to pesa­re anche il soste­gno, quel­lo sì a for­ma di zavor­ra, del sin­da­co uscen­te Pao­lo Costa, uno che non è mai dav­ve­ro entra­to nel cuo­re dei vene­zia­ni: ma cio­no­no­stan­te ‑soste­nu­to da un arco di for­ze del­la sini­stra, esclu­sa la Mar­ghe­ri­ta iden­ti­ta­ria- Cas­son fu capa­ce di pas­sa­re in van­tag­gio al pri­mo tur­no col 37.7% dei con­sen­si. Alle sue spal­le, e quin­di in bal­lot­tag­gio, non un espo­nen­te del­la destra cit­ta­di­na, fran­tu­ma­ta in alme­no tre rivo­li, ma pro­prio l’i­co­na Cac­cia­ri, capa­ce col suo solo peso (23%) di tra­sci­na­re la Mar­ghe­ri­ta e l’U­deur ‑te la ricor­di, l’U­deur?- a un risul­ta­to sto­ri­co. Per quin­di­ci gior­ni la lagu­na avreb­be vis­su­to del­lo scon­tro fra due impo­sta­zio­ni diver­se del­l’es­se­re di sini­stra in cit­tà e nel Pae­se, una comu­ni­ta­ria e una cari­sma­ti­ca (dice nien­te, oggi?), una lega­li­ta­ria e una poli­ti­cis­si­ma, una esor­dien­te e una da sem­pre pre­sen­te dove le cose contano.

Sfiducia-Alfano-Felice-Casson La cam­pa­gna fu sen­za esclu­sio­ne di col­pi, spes­so dege­ne­ran­do in col­pi bas­si fra­tri­ci­di tra le rispet­ti­ve con­sti­tuen­cy, con toni qua­si da guer­ra civi­le, se non san­ta: men­tre i DS si dila­nia­va­no, fino ad arri­va­re ai pro­bi­vi­ri, Cac­cia­ri con­qui­sta­va il con­sen­so di elet­ti ed elet­to­ri di Allean­za Nazio­na­le, Lega e For­za Ita­lia, con la pro­mes­sa di chiu­de­re i cen­tri socia­li (il vero pro­ble­ma del­la cit­tà, evi­den­te­men­te…) e di sal­va­re lo sta­tus quo dal­la “minac­cia” di un giu­di­ce impic­cio­ne. Car­lo Gio­va­nar­di anno­ve­ra­va se stes­so e il vec­chio pro­fes­so­re (cosa vai cer­can­do, in quel por­to­ne) dal­la stes­sa, par­te, quel­la dei mode­ra­ti; Rena­to Bru­net­ta imma­gi­na­va Vene­zia come labo­ra­to­rio poli­ti­co; Gian­ni Ale­man­no invi­ta­va ad appog­gia­re l’al­fie­re di una sini­stra non ideo­lo­gi­ca. Aiu­to più o meno espli­ci­to del­le destre alla can­di­da­tu­ra che tut­to rap­pre­sen­ta­va meno la sini­stra per­ce­pi­ta, que­st’ul­ti­ma che si spac­ca e subi­sce la lusin­ga: carat­te­ri che si ritro­va­no spes­so, nel­la vicen­da poli­ti­ca di que­sti anni, fino ai 101. Va a fini­re che Cac­cia­ri vin­ce per mil­le voti, mez­zo pun­to per­cen­tua­le, la Mar­ghe­ri­ta por­ta in con­si­glio comu­na­le una ple­to­ra di con­si­glie­ri elet­ti con pochis­si­me pre­fe­ren­ze, la coa­li­zio­ne si ricom­po­ne su altre basi ege­mo­ni­che, a Cas­son vie­ne offer­ta la can­di­da­tu­ra al Par­la­men­to nel 2006. Ah, per la cro­na­ca: dei due cen­tri socia­li nel ter­ri­to­rio comu­na­le, quel­lo di ter­ra­fer­ma è anco­ra vivo e vege­to, quel­lo di lagu­na ha solo smes­so di far musi­ca per un po’. Dove­va­no esse­re il pro­ble­ma, formalmente.

Felice Casson Inve­ce i guai sul cam­po era­no ‑e sono a tut­t’og­gi- la pro­gres­si­va cemen­ti­fi­ca­zio­ne del­l’­hin­ter­land, le solu­zio­ni pastic­cia­te alla cri­si di Por­to Mar­ghe­ra, i pro­get­ti farao­ni­ci come il Mose e il “Qua­dran­te” di Tes­sè­ra: non si pote­va eleg­ge­re una toga, dice­va­no i detrat­to­ri, per­ché «cono­sce i segre­ti di tut­ti». Que­gli stes­si segre­ti che stan­no venen­do a gal­la, con inda­gi­ni a ruo­ta, e che ancor oggi vedo­no l’a­rea ai mar­gi­ni del­la lagu­na nè boni­fi­ca­ta nè in ripre­sa occu­pa­zio­na­le. E sen­za anco­ra giu­sti­zia per i mor­ti di fab­bri­ca. Sono temi che dovreb­be­ro divi­de­re, sì, ma la sini­stra dal­la destra: la pri­ma si deve fon­da­re su valo­ri non nego­zia­bi­li, decli­na­ti in iden­ti­tà plu­ra­le ma soli­da e sta­bi­le, e in una linea di gover­no con­tin­gen­te nel bre­ve e medio ter­mi­ne. A que­sto dove­va ser­vi­re il PD, nato solo due anni dopo i fat­ti sopra nar­ra­ti: con l’av­ven­to del nuo­vo par­ti­to (for­se non anco­ra un “par­ti­to nuo­vo”), Mas­si­mo Cac­cia­ri se ne è dal can­to suo pro­gres­si­va­men­te allon­ta­na­to, dan­do vita a for­ma­zio­ni paral­le­le di stam­po nor­di­sta e tra­sver­sa­le, fino a uno stra­pun­ti­no fis­so in col­le­ga­men­to con le reti tele­vi­si­ve, da dove pon­ti­fi­ca qua­si ogni gior­no con­tro la sini­stra e il cen­tro­si­ni­stra. Feli­ce Cas­son, inve­ce, in Par­la­men­to mili­ta fin dal­l’i­ni­zio tra le file demo­cra­ti­che, ovve­ro del­l’u­nio­ne di quel­le sto­rie che anche nel suo nome si era­no divi­se: Open­Po­lis dice che il sena­to­re è uno dei più assi­dui per pre­sen­ze e atti­vi­tà, le cro­na­che lo con­fer­ma­no impe­gna­to nel­le que­stio­ni cal­de, dagli F35 alla deca­den­za di Ber­lu­sco­ni, con posi­zio­ni che sem­pre più sono quel­le sen­ti­te dal­la base elet­to­ra­le cui fa chie­sto il con­sen­so. Valu­ti il let­to­re, anche quel­lo non ter­ri­to­rial­men­te coin­vol­to ‑poi­ché l’e­ti­ca è que­stio­ne nazio­na­le- qua­le tra i due poli­ti­ci abbia reso un buon ser­vi­zio al comu­ne atti­vi­smo, alle idee, all’idem sen­ti­re di un vasto stra­to del­la popo­la­zio­ne ita­lia­na, com­por­tan­do­si con coe­ren­za e sen­za mai dare nem­me­no l’im­pres­sio­ne di pre­fe­ri­re la sta­si di una pol­tro­na alle bat­ta­glie a viso aperto.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.