Pubblica amministrazione: (forse) non tutto è perduto

PA1Lo sta­to dovreb­be esse­re al ser­vi­zio dei cit­ta­di­ni e faci­li­ta­re l’in­te­ra­zio­ne tra di loro e con le isti­tu­zio­ni. Pur­trop­po, vuoi per la pes­si­ma repu­ta­zio­ne che la clas­se poli­ti­ca si è gua­da­gna­ta pres­so i cit­ta­di­ni, vuoi per la buro­cra­zia che tan­to ci fa dan­na­re, pochi ormai rie­sco­no vede­re lo sta­to come un’en­ti­tà al loro ser­vi­zio. Impos­si­bi­le scor­po­ra­re infat­ti i luo­ghi comu­ni sul­la Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne dai nostri giu­di­zi, eppu­re anche su que­sto tema Giu­sep­pe Civa­ti nel suo docu­men­to con­gres­sua­le pro­va ad offrir­ci una visio­ne meno super­fi­cia­le, che vada oltre la dife­sa d’uf­fi­cio e la roz­za vena polemica.

Il pro­get­to è ambi­zio­so: “ren­de­re il dipen­den­te pub­bli­co il pro­ta­go­ni­sta di una sto­ria tut­ta da scri­ve­re, che abbia come fina­le una Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne qua­le eccel­len­za di un siste­ma Pae­se in rilan­cio”. Ma non potreb­be esse­re altri­men­ti visto che stia­mo par­lan­do di un’or­ga­niz­za­zio­ne varie­ga­ta e com­pli­ca­ta che occu­pa 3,3 milio­ni di cittadini.
Da dove par­ti­re? Rico­no­scen­do innan­zi­tut­to che all’in­gres­so nel­la Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne il dipen­den­te pub­bli­co non è per nul­la infe­rio­re al dipen­den­te pri­va­to per qua­li­fi­che e moti­va­zio­ni, che però crol­la­no in un perio­do che va dai 2 ai 3 anni deter­mi­nan­do un gros­so spre­co di ener­gie e capi­ta­le uma­no. La sto­ria di Valen­ti­na, che con un dot­to­ra­to in inge­gne­ria lavo­ra per la Regio­ne Lom­bar­dia, è infat­ti mol­to diver­sa da quel­la dei miei com­pa­gni di cor­so alla Lon­don School of Eco­no­mics che sono anda­ti a lavo­ra­re per il gover­no ingle­se, loro, con alti e bas­si, sono anco­ra entu­sia­sti di quel­lo che fan­no, Valen­ti­na mol­to meno purtroppo.
Inol­tre biso­gna ammo­der­na­re i mec­ca­ni­smi di sele­zio­ne evi­tan­do i con­cor­so­ni sul­lo sci­bi­le uma­no pri­vi­le­gian­do inve­ce le mate­rie e le com­pe­ten­ze che effet­ti­va­men­te ser­vi­ran­no nel­la man­sio­ne che si vuo­le riem­pi­re. Sem­bra ovvio, eppu­re non è così. Una con­se­guen­za di que­sto reclu­ta­men­to gene­ri­co è anche una man­can­za di cono­scen­za del­le pro­prie risor­se uma­ne, è neces­sa­ria una map­pa­tu­ra del­le com­pe­ten­ze che per­met­ta di indi­vi­dua­re di vol­ta in vol­ta le figu­re neces­sa­rie che sono già in orga­ni­co. La con­se­guen­za sareb­be una gestio­ne inno­va­ti­va del per­so­na­le, con pas­sag­gi (maga­ri solo tem­po­ra­nei e a pro­get­to) da un’am­mi­ni­stra­zio­ne all’altra.

Negli ulti­mi anni il bloc­co del­le assun­zio­ni, che è sta­to con­si­de­ra­to ine­vi­ta­bi­le per il risa­na­men­to del­le finan­ze pub­bli­che, ha ulte­rior­men­te aggra­va­to le con­di­zio­ni del­la già inef­fi­cien­te mac­chi­na pub­bli­ca che ha visto un invec­chia­men­to del pro­prio per­so­na­le che pone la Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne in posi­zio­ne di ancor mag­gior ina­de­gua­tez­za. Ad esem­pio, nell’università il ricam­bio fino a pochi mesi fa pre­ve­de­va che potes­se entra­re in orga­ni­co un nuo­vo docen­te quan­do cin­que se ne anda­va­no in pen­sio­ne: il risul­ta­to è che nei pros­si­mi anni i nostri stu­den­ti saran­no affi­da­ti a meno per­so­na­le, con meno com­pe­ten­ze e in gra­do di rea­liz­za­re meno innovazione.
È poi inne­ga­bi­le che i gan­gli del­l’e­nor­me mac­chi­na ammi­ni­stra­ti­va del­lo sta­to sia­no la cul­la idea­le per i fami­ge­ra­ti “fan­nul­lo­ni” ma sareb­be inge­ne­ro­so non sot­to­li­nea­re come ci sia chi lavo­ra nono­stan­te penu­ria di stru­men­ti, l’ir­ri­le­van­za degli sti­mo­li pro­fes­sio­na­li, la fati­scen­za del­le sedi, l’inadeguatezza degli sti­pen­di spin­to solo da moti­va­zio­ne intrin­se­ca. Il pro­ble­ma è che l’attuale gestio­ne dell’amministrazione anzi­ché soste­ne­re gli intra­pren­den­ti, favo­ri­sce chi non fa nul­la. Biso­gna quin­di cam­bia­re meto­di di gestio­ne del per­so­na­le , cam­bia­re gli sche­mi orga­niz­za­ti­vi e ave­re il corag­gio di valo­riz­za­re impe­gno e per­for­man­ce sia in ter­mi­ni eco­no­mi­ci che di pro­gres­sio­ne di car­rie­ra. Ad esem­pio dob­bia­mo sem­pli­fi­ca­re enor­me­men­te le pro­ce­du­re d’acquisto: oggi per acqui­sta­re un bene che vale 100 euro è neces­sa­rio pro­dur­re un lavo­ro buro­cra­ti­co che supe­ra il valo­re del bene acqui­sta­to. Chi svi­lup­pa un pro­get­to inno­va­ti­vo deve esse­re mag­gior­men­te respon­sa­bi­liz­za­to: deve ave­re mag­gio­re auto­no­mia di gestio­ne, mag­gio­re rico­no­sci­men­to quan­do il pro­get­to ha suc­ces­so ed even­tual­men­te esse­re pena­liz­za­to in caso di evi­den­ti erro­ri di gestio­ne. Non ci è più per­mes­so ambi­re ad ave­re un’am­mi­ni­stra­zio­ne che pos­sa alme­no esse­re com­pa­ra­ta con il civil ser­vi­ce ingle­se o l’admi­stra­tion d’ol­tral­pe e poi non accet­ta­re che l’im­pe­gno e il rag­giun­gi­men­to degli obiet­ti­vi (sia indi­vi­dua­li che di grup­po) deb­ba­no rice­ve­re un riconoscimento.

Pur­trop­po con l’av­ven­to del­le poli­ti­che di risa­na­men­to del debi­to pub­bli­co (tagli linea­ri e bloc­co degli sti­pen­di) i dipen­den­ti pub­bli­ci han­no cono­sciu­to solo il basto­ne, ovve­ro solo metà di una famo­sa teo­ria eco­no­mi­ca degli incen­ti­vi, for­se qual­che caro­ta tire­reb­be su il morale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.