Pubblica amministrazione: (forse) non tutto è perduto

PA1Lo sta­to dovreb­be esse­re al ser­vi­zio dei cit­ta­di­ni e faci­li­ta­re l’in­te­ra­zio­ne tra di loro e con le isti­tu­zio­ni. Pur­trop­po, vuoi per la pes­si­ma repu­ta­zio­ne che la clas­se poli­ti­ca si è gua­da­gna­ta pres­so i cit­ta­di­ni, vuoi per la buro­cra­zia che tan­to ci fa dan­na­re, pochi ormai rie­sco­no vede­re lo sta­to come un’en­ti­tà al loro ser­vi­zio. Impos­si­bi­le scor­po­ra­re infat­ti i luo­ghi comu­ni sul­la Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne dai nostri giu­di­zi, eppu­re anche su que­sto tema Giu­sep­pe Civa­ti nel suo docu­men­to con­gres­sua­le pro­va ad offrir­ci una visio­ne meno super­fi­cia­le, che vada oltre la dife­sa d’uf­fi­cio e la roz­za vena polemica.

Il pro­get­to è ambi­zio­so: “ren­de­re il dipen­den­te pub­bli­co il pro­ta­go­ni­sta di una sto­ria tut­ta da scri­ve­re, che abbia come fina­le una Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne qua­le eccel­len­za di un siste­ma Pae­se in rilan­cio”. Ma non potreb­be esse­re altri­men­ti visto che stia­mo par­lan­do di un’or­ga­niz­za­zio­ne varie­ga­ta e com­pli­ca­ta che occu­pa 3,3 milio­ni di cittadini.
Da dove par­ti­re? Rico­no­scen­do innan­zi­tut­to che all’in­gres­so nel­la Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne il dipen­den­te pub­bli­co non è per nul­la infe­rio­re al dipen­den­te pri­va­to per qua­li­fi­che e moti­va­zio­ni, che però crol­la­no in un perio­do che va dai 2 ai 3 anni deter­mi­nan­do un gros­so spre­co di ener­gie e capi­ta­le uma­no. La sto­ria di Valen­ti­na, che con un dot­to­ra­to in inge­gne­ria lavo­ra per la Regio­ne Lom­bar­dia, è infat­ti mol­to diver­sa da quel­la dei miei com­pa­gni di cor­so alla Lon­don School of Eco­no­mics che sono anda­ti a lavo­ra­re per il gover­no ingle­se, loro, con alti e bas­si, sono anco­ra entu­sia­sti di quel­lo che fan­no, Valen­ti­na mol­to meno purtroppo.
Inol­tre biso­gna ammo­der­na­re i mec­ca­ni­smi di sele­zio­ne evi­tan­do i con­cor­so­ni sul­lo sci­bi­le uma­no pri­vi­le­gian­do inve­ce le mate­rie e le com­pe­ten­ze che effet­ti­va­men­te ser­vi­ran­no nel­la man­sio­ne che si vuo­le riem­pi­re. Sem­bra ovvio, eppu­re non è così. Una con­se­guen­za di que­sto reclu­ta­men­to gene­ri­co è anche una man­can­za di cono­scen­za del­le pro­prie risor­se uma­ne, è neces­sa­ria una map­pa­tu­ra del­le com­pe­ten­ze che per­met­ta di indi­vi­dua­re di vol­ta in vol­ta le figu­re neces­sa­rie che sono già in orga­ni­co. La con­se­guen­za sareb­be una gestio­ne inno­va­ti­va del per­so­na­le, con pas­sag­gi (maga­ri solo tem­po­ra­nei e a pro­get­to) da un’am­mi­ni­stra­zio­ne all’altra.

Negli ulti­mi anni il bloc­co del­le assun­zio­ni, che è sta­to con­si­de­ra­to ine­vi­ta­bi­le per il risa­na­men­to del­le finan­ze pub­bli­che, ha ulte­rior­men­te aggra­va­to le con­di­zio­ni del­la già inef­fi­cien­te mac­chi­na pub­bli­ca che ha visto un invec­chia­men­to del pro­prio per­so­na­le che pone la Pub­bli­ca Ammi­ni­stra­zio­ne in posi­zio­ne di ancor mag­gior ina­de­gua­tez­za. Ad esem­pio, nell’università il ricam­bio fino a pochi mesi fa pre­ve­de­va che potes­se entra­re in orga­ni­co un nuo­vo docen­te quan­do cin­que se ne anda­va­no in pen­sio­ne: il risul­ta­to è che nei pros­si­mi anni i nostri stu­den­ti saran­no affi­da­ti a meno per­so­na­le, con meno com­pe­ten­ze e in gra­do di rea­liz­za­re meno innovazione.
È poi inne­ga­bi­le che i gan­gli del­l’e­nor­me mac­chi­na ammi­ni­stra­ti­va del­lo sta­to sia­no la cul­la idea­le per i fami­ge­ra­ti “fan­nul­lo­ni” ma sareb­be inge­ne­ro­so non sot­to­li­nea­re come ci sia chi lavo­ra nono­stan­te penu­ria di stru­men­ti, l’ir­ri­le­van­za degli sti­mo­li pro­fes­sio­na­li, la fati­scen­za del­le sedi, l’inadeguatezza degli sti­pen­di spin­to solo da moti­va­zio­ne intrin­se­ca. Il pro­ble­ma è che l’attuale gestio­ne dell’amministrazione anzi­ché soste­ne­re gli intra­pren­den­ti, favo­ri­sce chi non fa nul­la. Biso­gna quin­di cam­bia­re meto­di di gestio­ne del per­so­na­le , cam­bia­re gli sche­mi orga­niz­za­ti­vi e ave­re il corag­gio di valo­riz­za­re impe­gno e per­for­man­ce sia in ter­mi­ni eco­no­mi­ci che di pro­gres­sio­ne di car­rie­ra. Ad esem­pio dob­bia­mo sem­pli­fi­ca­re enor­me­men­te le pro­ce­du­re d’acquisto: oggi per acqui­sta­re un bene che vale 100 euro è neces­sa­rio pro­dur­re un lavo­ro buro­cra­ti­co che supe­ra il valo­re del bene acqui­sta­to. Chi svi­lup­pa un pro­get­to inno­va­ti­vo deve esse­re mag­gior­men­te respon­sa­bi­liz­za­to: deve ave­re mag­gio­re auto­no­mia di gestio­ne, mag­gio­re rico­no­sci­men­to quan­do il pro­get­to ha suc­ces­so ed even­tual­men­te esse­re pena­liz­za­to in caso di evi­den­ti erro­ri di gestio­ne. Non ci è più per­mes­so ambi­re ad ave­re un’am­mi­ni­stra­zio­ne che pos­sa alme­no esse­re com­pa­ra­ta con il civil ser­vi­ce ingle­se o l’admi­stra­tion d’ol­tral­pe e poi non accet­ta­re che l’im­pe­gno e il rag­giun­gi­men­to degli obiet­ti­vi (sia indi­vi­dua­li che di grup­po) deb­ba­no rice­ve­re un riconoscimento.

Pur­trop­po con l’av­ven­to del­le poli­ti­che di risa­na­men­to del debi­to pub­bli­co (tagli linea­ri e bloc­co degli sti­pen­di) i dipen­den­ti pub­bli­ci han­no cono­sciu­to solo il basto­ne, ovve­ro solo metà di una famo­sa teo­ria eco­no­mi­ca degli incen­ti­vi, for­se qual­che caro­ta tire­reb­be su il morale.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?