Vedi Napoli e poi vinci

Multi-Humped-Camel-77936Alla fine dovreb­be atte­star­si più o meno al 9 per cen­to, è il risul­ta­to di Napo­li ed è in asso­lu­to quel­lo più impor­tan­te che regi­stria­mo per la nostra cam­pa­gna (non ce ne voglia­no i comi­ta­ti che han­no otte­nu­to per­cen­tua­li mol­to più alte, in mol­ti altri ter­ri­to­ri) in que­sta pri­ma fase tra gli iscrit­ti. Per­ché è così che stan­no le cose: in una fede­ra­zio­ne in cui nel giro di poche set­ti­ma­ne le tes­se­re si quin­tu­pli­ca­no, in cui con­si­glie­ri del cen­tro­de­stra cer­ca­no di iscri­ve­re gen­te a pac­chet­ti (per non dire a pac­chi), in cui a un cer­to pun­to si supe­ra­no le due­mi­la nuo­ve tes­se­re al gior­no, fare qua­si il 10 per cen­to è una gran­dis­si­ma vit­to­ria. E ades­so, per cor­te­sia, dimen­ti­chia­mo­ci in fret­ta di que­sta pagliac­cia­ta igno­bi­le e pen­sia­mo all’8 dicembre.

Sì, una pagliac­cia­ta, una sce­neg­gia­ta, uno scem­pio: fate voi. Pen­sa­te alla mili­tan­za, come con­cet­to. Nobi­le, por­ta­to d’i­dea­li, d’im­pe­gno, di sacri­fi­cio. Pen­sa­te a come vie­ne rovi­na­to, umi­lia­to, deri­so, da chi iscri­ve inte­re ana­gra­fi a loro insa­pu­ta, da chi sfrut­ta la pover­tà per cam­mel­la­re il voto a paga­men­to, da chi sput­ta­na il con­cet­to stes­so e l’in­te­ro mec­ca­ni­smo di un congresso.

Quel­li che a vota­re si pre­sen­ta­no con il fogliet­to, per­ché il nome del tal can­di­da­to non l’han­no mai sen­ti­to nomi­na­re, e fati­ca­no a ricor­dar­se­lo. Quel­li che arri­va­no tra­fe­la­ti, vota­no e van­no via subi­to. Quel­li che li fer­ma una trou­pe tele­vi­si­va e non san­no bene cosa rispon­de­re. E meno male il voto inqui­na­to è quel­lo del­le pri­ma­rie aper­te. Beh, anche basta, davvero.
Il par­ti­to che fare­mo è diver­so da così, i mili­tan­ti sono diver­si da que­sta roba qui. I mili­tan­ti par­te­ci­pa­no, come dice Fabri­zio Bar­ca: che è una cosa un po’ diver­sa e un po’ più impor­tan­te del pos­ses­so di una sem­pli­ce tes­se­ra. E biso­gna dav­ve­ro voler male a que­sto Pd, già così poco attrat­ti­vo e in tra­gi­co calo di tes­se­ra­ti, per affos­sar­lo ulte­rior­men­te con que­ste pra­ti­che scandalose.

Viva Napo­li, quin­di, viva i mili­tan­ti di tut­ta Ita­lia che si iscri­vo­no, quel­li veri, quel­li che par­te­ci­pa­no mal­gra­do tut­to, mal­gra­do la schi­fez­za in cui i capi­ba­sto­ne vor­reb­be­ro tra­sfor­ma­re il PD: gli eroi sono loro, sono loro i sin­ce­ri demo­cra­ti­ci, sono loro l’an­ti­do­to, il vac­ci­no che scon­fig­ge il male, per quan­to gran­de ed este­so sia.
Chiu­dia­mo que­sta pagliac­cia­ta e andia­mo dai nostri elet­to­ri, andia­mo ai seg­gi dell’8 dicem­bre, andia­mo a vin­ce­re. Ridia­mo un sen­so al con­cet­to di mili­tan­za, ma soprat­tut­to ridia­mo un sen­so a que­sto partito.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.