Ha contribuito a fondare il PD: Roberto Fasoli

19-cartolina-civoti-fasoli-vertUn’illuminazione socra­ti­ca, mista ad un buon nume­ro di libri da leg­ge­re (pena un’interrogazione futu­ra, temo), è ciò che mi accom­pa­gna dopo i salu­ti fina­li sul­la stra­da del ritor­no: il non sape­re è spe­ran­za, soprat­tut­to per chi come me s’avvicina ora alla poli­ti­ca. Rober­to Faso­li, vero­ne­se con­si­glie­re regio­na­le dal 2010, ha la sere­na con­sa­pe­vo­lez­za che nul­la è per­du­to se ci sarà chi coglie­rà l’esperienza del­le gene­ra­zio­ni pas­sa­te: e lui, che ha vis­su­to tre diver­se car­rie­re, è pron­to a mostrarlo.

Tra i fon­da­to­ri del Cen­tro Cul­tu­ra Popo­la­re nel 1972 (luo­go di for­ma­zio­ne extra­sco­la­sti­ca per chi non pote­va segui­re la scuo­la obbli­ga­to­ria) da stu­den­te di filo­so­fia, ha lavo­ra­to nel­la CGIL Vero­na diven­tan­do­ne pri­ma Segre­ta­rio del­la Scuo­la e infi­ne Segre­ta­rio Gene­ra­le nel 1998 per poi appro­da­re pri­ma al Comu­ne di Vero­na come con­si­glie­re comu­na­le (2007) e infi­ne Con­si­glie­re Regio­na­le (2010): tre car­rie­re diver­se, tut­te con la costan­te indi­pen­den­za e autonomia.

Face­vo par­te del­la cd. ter­za com­po­nen­te del CGIL, quel­la che ave­va come padre nobi­le, Vit­to­rio Foa, e che non era lega­ta ai gran­di par­ti­ti di allo­ra” mi dice, “così come poi, in poli­ti­ca, non sono mai sta­to iscrit­to a par­ti­ti fino al Par­ti­to Demo­cra­ti­co” aggiun­ge, mostran­do come la sua “tota­le auto­no­mia mi abbia por­ta­to ad esse­re tra i fon­da­to­ri dell’Associazione per il Par­ti­to Demo­cra­ti­co pri­ma anco­ra che nasces­se l’attuale PD.”

Ma è sta­to anche inse­gnan­te, e quan­do gli chie­do cosa ci sia in comu­ne tra scuo­la e sin­da­ca­to rispon­de che “entram­bi ti obbli­ga­no ad una rela­zio­ne: esi­ste sem­pre un altro che è davan­ti a te, ti annu­sa, e con cui devi strin­ge­re un pat­to che signi­fi­ca tro­va­re un com­pro­mes­so, cioè la solu­zio­ne più alta per entram­bi. Gli stu­den­ti, come gli ope­rai, capi­sco­no se lavo­ri svo­glia­ta­men­te, ed è tuo dove­re dare il mas­si­mo.” Il con­fron­to col ter­zo ele­men­to, la poli­ti­ca, è però impie­to­so: “que­sta poli­ti­ca attua­le disprez­za l’interlocutore, non crea un costan­te rap­por­to ma chie­de la tua opi­nio­ne semel in anno. Una poli­ti­ca così è deva­stan­te”, dice.

Un paral­le­lo esi­ste anche tra cri­si del sin­da­ca­to e cri­si dei par­ti­ti: “il sin­da­ca­to è in cri­si glo­bal­men­te, logo­ra­to da una glo­ba­liz­za­zio­ne e un’economia post-for­di­sta che lo sta met­ten­do in gran­de dif­fi­col­tà. La demo­cra­zia rap­pre­sen­ta­ti­va stes­sa, lega­ta ad un’industria for­di­sta, è impre­pa­ra­ta ad un’economia di finan­za glo­ba­le esa­spe­ra­ta. Quan­do abbia­mo una tra­sfor­ma­zio­ne sog­get­ti­va dal­la col­let­ti­vi­tà all’individualità, van­no in cri­si tut­te le orga­niz­za­zio­ni del socia­le.”

Par­lan­do del PD, ritie­ne che “per usci­re da que­sta situa­zio­ne occor­ra doman­dar­si come sia­mo arri­va­ti ad una non-vit­to­ria: come quan­do in mac­chi­na guar­dia­mo die­tro per non inve­sti­re qual­cu­no, è neces­sa­rio ripen­sa­re ai nostri erro­ri, ma seria­men­te” dice, aggiun­gen­do che “è neces­sa­rio rileg­ge­re la real­tà, non arroc­car­si su un par­ti­to eli­ta­rio. Le pri­ma­rie non basta­no a ricon­giun­ger­si agli elet­to­ri, ma occor­re ripen­sa­re un par­ti­to come lo deli­nea ad esem­pio Fabri­zio Bar­ca.”

19-cartolina-civoti-fasoliIl pro­gram­ma? “Tre pun­ti fon­da­men­ta­li: svi­lup­pa­re una seria e sen­ti­ta discus­sio­ne poli­ti­ca e cul­tu­ra­le, attua­re una rifles­sio­ne inno­va­ti­va spe­ri­men­tan­do una nuo­va for­ma di par­ti­to e infi­ne ave­re una chia­ra ana­li­si del­la socie­tà, chie­den­do­ci a chi stia­mo par­lan­do: se tra Mar­chion­ne e Lan­di­ni scel­go Mar­chion­ne, devo doman­dar­mi se que­sto è il posto giu­sto per me.”

Alla doman­da sul per­ché ha scel­to Civa­ti, rispon­de dicen­do che “dopo il 19 Apri­le 2013 c’è da costrui­re un nuo­vo ini­zio, e Pip­po (con la sua squa­dra) incar­na esat­ta­men­te que­sto.”

Cre­de in una squa­dra in cui, come dice John Belu­shi, “quan­do il gio­co si fa duro, i duri ini­zia­no a gio­ca­re: è la col­let­ti­vi­tà a crea­re il lea­der, non può acca­de­re vice­ver­sa.”

Un uti­le memo­ran­dum per chi atten­de sola­men­te il lea­der carismatico.

#civo­ti 19: Rober­to Fasoli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.