La solidarietà può risollevare la Sardegna

pecoreGli even­ti meteo­ro­lo­gi­ci estre­mi sono sem­pre più fre­quen­ti e inten­si in mol­te regio­ni d’Europa a cau­sa dell’aumento del­le tem­pe­ra­tu­re. Nel­la gior­na­ta di Lune­dì, in Sar­de­gna, è cadu­ta la stes­sa quan­ti­tà d’acqua che nor­mal­men­te cadreb­be in sei mesi a Mila­no e in un anno in Sar­de­gna. Que­sta sem­bre­reb­be esse­re la cau­sa prin­ci­pa­le del disa­stro che por­ta il nome di Cleo­pa­tra e che ha por­ta­to mor­ti e distru­zio­ne in Sar­de­gna. Il bilan­cio è tra­gi­co: 18 mor­ti e 2700 sfol­la­ti. Men­tre i dan­ni non sono sta­ti anco­ra calcolati.

Il centro di Terralba.
Il cen­tro di Terralba.

Ma gli stes­si geo­lo­gi non attri­bui­sco­no solo al meteo la cau­sa di que­sta situa­zio­ne. È bene ricor­da­re che in Ita­lia la popo­la­zio­ne espo­sta a feno­me­ni fra­no­si ammon­ta a 987.650 abi­tan­ti, men­tre quel­la espo­sta alle allu­vio­ni rag­giun­ge 6.153.860. Come ricor­da il Pre­si­den­te del con­si­glio nazio­na­le dei geo­lo­gi Gian Vito Gra­zia­ni, “l’urbanizzazione sfre­na­ta ha ero­so dal 1985 ad oggi ben 160 km di lito­ra­le. I nume­ri recen­te­men­te pub­bli­ca­ti nell’Annuario dei Dati ambien­ta­li 2012 dell’ISPRA par­la­no chia­ro: se in Ita­lia per oltre 50 anni si sono con­su­ma­ti in media 7 mq al secon­do di suo­lo, oggi se ne con­su­ma­no addi­rit­tu­ra 8 mq al secon­do. Signi­fi­ca che ogni 5 mesi vie­ne cemen­ti­fi­ca­ta una super­fi­cie pari a quel­la del comu­ne di Napo­li e ogni anno una pari alla som­ma di quel­le dei comu­ni di Mila­no e di Firenze”.

La strada che collega Olbia e Tempio
La stra­da che col­le­ga Olbia e Tempio

Da anni chie­dia­mo a gran voce che si com­bat­ta lo spo­po­la­men­to del­le zone inter­ne che tra­dot­to signi­fi­ca abban­do­no del­le cam­pa­gne, e che si fac­cia più pre­ven­zio­ne. Ad un alle­va­to­re che vole­va puli­re un cana­le d’acqua vici­no al suo ter­re­no gli è sta­to rispo­sto che non gli avreb­be­ro dato il per­mes­so in quan­to in quel cana­le era­no pre­sen­ti pian­te pro­tet­te. La più gran­de indu­stria di que­sti tem­pi potreb­be esse­re la mes­sa in sicu­rez­za del ter­ri­to­rio, garan­ten­do il rispet­to dell’ambiente e la sicu­rez­za dei cittadini.

Que­sto non è il momen­to del­le pole­mi­che, que­sto è il momen­to del­la fra­tel­lan­za e del­la soli­da­rie­tà, ognu­no di noi può fare qual­co­sa (mi rac­co­man­do, rivol­ger­si alle isti­tu­zio­ni e a chi coor­di­na il lavo­ro di aiu­to): dare un let­to ad uno sfol­la­to, man­da­re vive­ri, spa­la­re fan­go o fare ani­ma­zio­ne per i bam­bi­ni. Pic­co­li gesti per esse­re gran­di e non lascia­re que­ste per­so­ne sfor­tu­na­te sole.

“Sia­mo spa­gno­li, afri­ca­ni, feni­ci, cartaginesi,
roma­ni, ara­bi, pisa­ni, bizan­ti­ni, piemontesi.
Sia­mo le gine­stre d’o­ro gial­lo che spio­vo­no sui sen­tie­ri rocciosi
come gran­di lam­pa­de accese.
Sia­mo la soli­tu­di­ne sel­vag­gia, il silen­zio immen­so e profondo,
lo splen­do­re del cie­lo, il bian­co fio­re del cisto.
Sia­mo il regno inin­ter­rot­to del lentisco,
del­le onde che ruscel­la­no i gra­ni­ti anti­chi, del­la rosa canina,
del ven­to, del­l’im­men­si­tà del mare.
Sia­mo una ter­ra anti­ca di lun­ghi silenzi,
di oriz­zon­ti ampi e puri, di pian­te fosche,
di mon­ta­gne bru­cia­te dal sole e dal­la vendetta.
Noi sia­mo sardi.”

Gra­zia Deledda

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.