Costruisce un altro modello di sviluppo: Marco Boschini

17-cartolina-civoti-boschini-vert Far di vir­tù, neces­si­tà. Ormai inde­ro­ga­bi­le, nel­l’I­ta­lia del­le cen­to cit­tà, met­te­re in comu­ne le buo­ne pra­ti­che loca­li, far sì che non sia­no casi iso­la­ti di cui par­lar bene nel­le occa­sio­ni pub­bli­che, ma un model­lo che pos­sa dif­fon­der­si a mac­chia d’o­lio e capil­lar­men­te, dal­l’ec­ce­zio­ne alla rego­la, ver­so un nuo­vo model­lo di svi­lup­po. Di que­sto ‑soprat­tut­to- si occu­pa l’as­so­cia­zio­ne dei Comu­ni Vir­tuo­si, fon­da­ta nel 2005 a Mon­sa­no nel­le Mar­che, e coor­di­na­ta fin da allo­ra da Mar­co Boschi­ni, asses­so­re all’am­bien­te nel Comu­ne di Color­no (Par­ma): assom­ma oltre set­tan­ta real­tà, che del buon vive­re assie­me han­no fat­to un para­dig­ma comu­ni­ta­rio. Qua­si tut­te di dimen­sio­ni medio-pic­co­le, però, al momen­to: «L’e­spe­rien­za dei Comu­ni Vir­tuo­si — dice Boschi­ni — dimo­stra che si può cam­bia­re ovun­que, che le azio­ni ambien­tal­men­te soste­ni­bi­li si pos­so­no per­se­gui­re al nord come al sud, in tut­te le situa­zio­ni mor­fo­lo­gi­che e con­di­zio­ni socia­li. Se que­sti pro­get­ti non si rie­sco­no a fare nel­le gran­di cit­tà ita­lia­ne è per un ritar­do pri­ma di tut­to cul­tu­ra­le di gran par­te del­la nostra clas­se diri­gen­te loca­le. In giro per l’Eu­ro­pa ci sono gran­di cen­tri che han­no mes­so al cen­tro poli­ti­che di mobi­li­tà soste­ni­bi­le (Amster­dam, Pari­gi, Lon­dra solo per citar­ne alcu­ne), la stra­te­gia rifiu­ti zero par­te da San Fran­ci­sco dove già oggi sono all’80% di rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta, si taglia­no i con­su­mi ener­ge­ti­ci e si fer­ma la cemen­ti­fi­ca­zio­ne sel­vag­gia del ter­ri­to­rio. In Ita­lia i sin­da­ci del­le metro­po­li sono spes­so “distrat­ti” dal­le loro legit­ti­me aspi­ra­zio­ni poli­ti­che: fan­no cose in fret­ta e mol­to visi­bi­li per crea­re con­sen­so ed esse­re rie­let­ti, o sali­re un gra­di­no nel­la sca­la del­le isti­tu­zio­ni. Que­ste scel­te, appli­ca­te ai gran­di cen­tri, richie­do­no neces­sa­ria­men­te tem­pi e stra­te­gie più lun­ghi rispet­to alla sca­den­za di un man­da­to ammi­ni­stra­ti­vo».

Logo-Comuni-Virtuosi Mar­co, uno dei tuoi libri si inti­to­la “Nes­su­no lo farà al posto tuo”: inten­di che le solu­zio­ni spes­so pos­so­no veni­re non dal­la poli­ti­ca e dal­l’am­mi­ni­stra­zio­ne, ma del sin­go­lo cit­ta­di­no? «Pen­so innan­zi­tut­to che ognu­no deb­ba fare la pro­pria par­te, qual­sia­si ruo­lo stia rico­pren­do nel­la comu­ni­tà: sin­da­co, cit­ta­di­no, impren­di­to­re, inse­gnan­te, geni­to­re. Dob­bia­mo sot­trar­ci dal ricat­to di un model­lo di svi­lup­po che non sta più in pie­di, e costrui­re, pri­ma di tut­to per noi stes­si, un altro para­dig­ma cul­tu­ra­le che pas­sa dal­le nostre scel­te quo­ti­dia­ne e dal nostro sti­le di vita. Poi, evi­den­te­men­te, dob­bia­mo pre­ten­de­re che la poli­ti­ca e le isti­tu­zio­ni nazio­na­li fac­cia­no del pro­prio meglio per imma­gi­na­re e rea­liz­za­re un pro­get­to com­ples­si­vo, che si tra­du­ca in leg­gi, incen­ti­vi, nor­me che val­ga­no per tut­ti».

 

Monsano01 Ammi­ni­stri una cit­tà in una zona anco­ra tut­to som­ma­to soli­da del­l’E­mi­lia. Come influi­sce il pat­to di sta­bi­li­tà a quei livel­li? «Ho ini­zia­to a fare l’as­ses­so­re nove anni fa, negli ulti­mi anni lo sce­na­rio è muta­to pro­fon­da­men­te per gli enti loca­li, in peg­gio. Ci han­no rac­con­ta­to per ven­t’an­ni la favo­la del fede­ra­li­smo, ti ricor­di quel movi­men­to vesti­to di ver­de che anda­va in giro a sof­fia­re livo­re sul­le isti­tu­zio­ni cen­tra­li dicen­do che le risor­se avreb­be­ro dovu­to esse­re gesti­te e con­trol­la­te a livel­lo loca­le? Bene, il fede­ra­li­smo è sta­to mes­so in pra­ti­ca, solo al con­tra­rio. I sin­da­ci oggi met­to­no le mani nel­le tasche dei cit­ta­di­ni e tra­sfe­ri­sco­no gran par­te del­le risor­se a Roma. E’ avve­nu­to un pro­gres­si­vo e costan­te svuo­ta­men­to di pote­re gestio­na­le dei beni e ser­vi­zi pub­bli­ci (acqua e rifiu­ti, solo per citar­ne due) e con il pat­to di sta­bi­li­tà si è, nel­la sostan­za, bloc­ca­ta ogni atti­vi­tà degli enti loca­li. Il tut­to sen­za fare distin­zio­ni. Io riten­go sacro­san­to impor­re un taglio net­to del­le spe­se inu­ti­li e degli spre­chi, ma cre­do sia giu­sto inse­ri­re cri­te­ri che pre­mi­no chi è vir­tuo­so anche da un pun­to di vista del­la gestio­ne finan­zia­ria. Se un comu­ne è in atti­vo e ha fer­me risor­se che non può spen­de­re non ha sen­so. Così come non ha sen­so che un comu­ne che vuo­le spen­de­re per risa­na­re da un pun­to di vista ener­ge­ti­co una scuo­la non può far­lo, sal­vo poi spen­de­re di più per la bol­let­ta ener­ge­ti­ca. In tut­to que­sto noi sia­mo in pri­ma linea per rispon­de­re alle esi­gen­ze ‑che sono spes­so emer­gen­ze- dei cit­ta­di­ni, ai qua­li non è dato sape­re di chi è la col­pa di una cri­si che sta met­ten­do mol­te comu­ni­tà con le spal­le al muro. Vedo­no aumen­ta­re le tas­se al pari del­le buche per le stra­de, ed è dif­fi­ci­le spie­ga­re loro i mec­ca­ni­smi per­ver­si del­la buro­cra­zia roma­na che con­ge­la le isti­tu­zio­ni loca­li a tut­to disca­pi­to dei ter­ri­to­ri».

AVaziende_Dismeco A bru­cia­pe­lo: ma se mol­te di que­ste scel­te era­no a por­ta­ta di mano, come mai gli altri enti e impre­se non le han­no mes­se in pra­ti­ca? Costi ecces­si­vi, pigri­zia o volon­tà di non ave­re nemi­ci? «A livel­lo loca­le l’o­sta­co­lo più gros­so che per espe­rien­za ho sem­pre incon­tra­to è pro­prio la pigri­zia. Man­ca la voglia, e la curio­si­tà, di usci­re dal­la rou­ti­ne ammi­ni­stra­ti­va e di pro­va­re altre stra­de, spe­ri­men­ta­re, inven­tar­si solu­zio­ni a pro­ble­mi nuo­vi. Abbia­mo dimo­stra­to in que­sti anni come que­ste buo­ne pra­ti­che stia­no in pie­di anche da un pun­to di vista del­la soste­ni­bi­li­tà eco­no­mi­ca. Inol­tre crea­no posti di lavo­ro, anche meglio distri­bui­ti per­ché capil­la­ri, e miglio­ra­no con­cre­ta­men­te la qua­li­tà del­la vita del­le per­so­ne coin­vol­te. Le impre­se, da que­sto pun­to di vista, sono mol­to più avan­ti del­le isti­tu­zio­ni. Ti fac­cio un esem­pio per tut­ti. A Mar­za­bot­to c’è un’a­zien­da che rici­cla i RAEE, i rifiu­ti tec­no­lo­gi­ci (moni­tor dei com­pu­ter, tele­vi­so­ri, neon). Sono lea­der mon­dia­li nel rici­clo del­le lava­tri­ci: rie­sco­no a recu­pe­ra­re fino al 98% dei com­po­nen­ti. L’a­zien­da è sta­ta rea­liz­za­ta su un’a­rea indu­stria­le dismes­sa, ed è pra­ti­ca­men­te auto­suf­fi­cien­te da un pun­to di vista ener­ge­ti­co. Tute­la del ter­ri­to­rio, occu­pa­zio­ne per 40 dipen­den­ti, soste­ni­bi­li­tà, e un bilan­cio in atti­vo gra­zie ai riu­so dei cosid­det­ti rifiu­ti. Cam­bia­re è dav­ve­ro pos­si­bi­le».

17-cartolina-civoti-boschini Cosa ti con­vin­ce di più, nel docu­men­to con­gres­sua­le che sostie­ne la can­di­da­tu­ra di Giu­sep­pe Civa­ti a segre­ta­rio nazio­na­le del Par­ti­to Demo­cra­ti­co? «Tut­te le buo­ne pra­ti­che loca­li che si spe­ri­men­ta­no in modo fram­men­ta­rio in giro per l’I­ta­lia da un decen­nio, tro­va­no nel­la mozio­ne di Pip­po una sin­te­si nazio­na­le, e pos­so­no diven­ta­re dav­ve­ro il nuo­vo para­dig­ma attra­ver­so il qua­le pro­va­re a decli­na­re l’i­dea di un Pae­se diver­so. Sobrio e soste­ni­bi­le, inclu­si­vo e acco­glien­te. Un posto miglio­re, per tut­ti, in cui val­ga la pena vive­re».

#Civo­ti 17: Mar­co Boschini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.