Costruire relazioni, dentro e fuori dall’Italia

giovani_servizio_civile2Che ne dite di comin­cia­re da “la pace nel mon­do” per rac­con­ta­re i con­tri­bu­ti che abbia­mo rice­vu­to fino­ra? Ho rice­vu­to diver­se mail che han­no come filo con­dut­to­re un tema che, det­to così, rischia di risul­ta­re bana­le, per­ché la pace è sta­ta bana­liz­za­ta, in que­sti anni. È sta­ta vis­su­ta o come argo­men­to radi­cal chic, o come capric­cio da gio­va­ni che fre­quen­ta­no i cen­tri socia­li, o è sta­ta mes­sa sem­pre all’ultimo pun­to dell’agenda, appe­na pri­ma o appe­na dopo l’ambiente.

Le pro­po­ste che ci sono arri­va­te han­no, al con­tra­rio, un gran­de pre­gio: guar­da­no alla pace e all’armonia – nel­la nostra socie­tà e nel­le rela­zio­ni inter­na­zio­na­li – par­ten­do dal­le espe­rien­ze vis­su­te e cer­can­do stru­men­ti per miglio­rar­le. Dal par­ti­co­la­re al generale.

Samue­le da Rimi­ni, ad esem­pio, pro­po­ne una rifles­sio­ne par­ten­do dal ruo­lo che rico­pre il Ser­vi­zio civi­le, che “ha cono­sciu­to una cre­sci­ta rile­van­te tra il 2002 e il 2007 quan­do il nume­ro di posti dispo­ni­bi­li arri­va­va a toc­ca­re quo­ta 51.273. I tagli dra­sti­ci han­no però ridot­to i posti dispo­ni­bi­li fino agli appe­na 20.157 del 2011, a fron­te di una richie­sta sta­bi­le che si atte­sta sopra le 80.000 doman­de. Il bien­nio 2012–2013 ha peg­gio­ra­to ancor di più la situa­zio­ne: un’ulteriore decur­ta­zio­ne dei fon­di dipo­ni­bi­li ha por­ta­to al bloc­co ope­ra­ti­vo, lascian­do un anno di vuo­to del Ser­vi­zio Civi­le, con­sen­ten­do l’avvio di appe­na 15.000 gio­va­ni in Ita­lia e 450 all’estero”. Per­ché tor­na­re a inve­sti­re nel Ser­vi­zio civi­le? In pri­mo luo­go per ragio­ni mera­men­te eco­no­mi­che, dato che “per cia­scun volon­ta­rio impie­ga­to, a fron­te di un inve­sti­men­to medio pari a 3.236 €, si riscon­tra­no bene­fi­ci pari a 19.863 €”. In secon­do luo­go per ragio­ni che non sono quan­ti­fi­ca­bi­li in euro, per­ché “i gio­va­ni, uni­ver­sal­men­te, dovreb­be­ro ave­re la pos­si­bi­li­tà e lo sti­mo­lo ad assu­me­re volon­ta­ria­men­te, e con orgo­glio, l’impegno civi­co di dedi­ca­re un perio­do del­la pro­pria vita a bene­fi­cio del­la col­let­ti­vi­tà, per poter con­tri­bui­re, indi­pen­den­te­men­te dal­le pro­prie capa­ci­tà e con azio­ni con­cre­te, ad una moda­li­tà di dife­sa del­la patria ‘vita­le’, che si fon­da sul­la con­di­vi­sio­ne di valo­ri uni­ver­sa­li e fon­dan­ti dell’ordinamento demo­cra­ti­co, che costrui­sce coe­sio­ne socia­le e si pone ‘a dife­sa atti­va’ di quan­to è più debo­le, fra­gi­le e a rischio. Sen­za con­fi­ni e sen­za ban­die­re”. Di qua­li cifre par­lia­mo, per soste­ne­re un inve­sti­men­to di que­sto tipo? “Sareb­be già estre­ma­men­te rile­van­te – pro­se­gue Samue­le — garan­ti­re alme­no un con­tin­gen­te mini­mo di 40.000 avvii annua­li, con un costo annuo di cir­ca 240 milio­ni di euro. Sareb­be meno di un quin­to di quel­lo che l’Italia spen­de per le sole mis­sio­ni “di pace” all’estero tenen­do impe­gna­ti poco più di 7.000 mili­ta­ri effettivi”.

Sil­va­no, Segre­ta­rio Regio­na­le Vene­to del Siulp, insi­ste sul­l’at­tua­li­tà, sot­to­li­nean­do come “la Leg­ge di sta­bi­li­tà in discus­sio­ne pre­ve­da una enne­si­ma serie di tagli linea­ri al bilan­cio del Mini­ste­ro dell’Interno. Una scu­re che, per con­ver­so, non col­pi­sce le spe­se mili­ta­ri: la pres­sio­ne dei poten­ta­ti mili­ta­ri ha fat­to in modo che per la fami­ge­ra­ta ope­ra­zio­ne ‘Stra­de Sicu­re’ sia sta­to pre­vi­sto un rifi­nan­zia­men­to di 40 milio­ni di euro”. Come ricor­de­re­te, “si trat­ta dell’impiego del­le pat­tu­glie dell’Esercito nel con­trol­lo del ter­ri­to­rio in affian­ca­men­to alle For­ze di Poli­zia, una tra le tan­te fal­li­men­ta­ri ini­zia­ti­ve adot­ta­te dal Mini­stro Maro­ni e soste­nu­ta dal suo col­le­ga La Rus­sa che in ter­mi­ni di con­tra­sto alla cri­mi­na­li­tà si è rive­la­ta poco più che un pla­ce­bo”. Allo stes­so modo “si potreb­be por­re in rilie­vo il con­si­sten­te stan­zia­men­to che pre­ve­de per l’acquisto di nuo­vi navi da guer­ra con mutui ven­ten­na­li, mal­ce­la­ti nel­le pie­ghe del bilan­cio del Mini­ste­ro del­le Atti­vi­tà Pro­dut­ti­ve, per non par­la­re poi degli F35: con il costo neces­sa­rio per com­pe­ra­re uno di que­sti aerei sareb­be pos­si­bi­le acqui­sta­re ben 5.000 nuo­ve Volan­ti equi­pag­gia­te per  il con­trol­lo del ter­ri­to­rio. E quin­di, in buo­na sostan­za, in un col­po solo si potreb­be rin­no­va­re l’intero par­co auto del­la Poli­zia di Sta­to, oggi in con­di­zio­ni peno­se”. In con­clu­sio­ne, quan­do si par­la di sicu­rez­za, irri­ta “la cie­ca insi­sten­za sui tagli linea­ri, sen­za che mai si sia in alcun modo com­piu­to il mini­mo sfor­zo per indi­vi­dua­re pos­si­bi­li rispar­mi. E da rispar­mia­re ce ne sareb­be parec­chio, se è vero che per la Sicu­rez­za l’Italia spen­de qua­si 3 pun­ti di PIL in più del­la mag­gior par­te dei part­ner euro­pei, otte­nen­do risul­ta­ti nem­me­no lon­ta­na­men­te comparabili”.

cooperazione-internazionale“Qual è l’approdo del nostro agi­re?”, si chie­de poi Raf­fae­le da For­lì, che imma­gi­na “il supe­ra­men­to dell’esercito attra­ver­so la sua tra­sfor­ma­zio­ne in un cor­po di pro­te­zio­ne civi­le per inter­ve­ni­re sul­le vere emer­gen­ze uma­ni­ta­rie; la gestio­ne, tra­sfor­ma­zio­ne e solu­zio­ne dei con­flit­ti attra­ver­so l’utilizzo dei Cor­pi Civi­li di Pace, for­ma­ti alle meto­do­lo­gie di azio­ne non arma­ta e non­vio­len­ta; un Cor­po di poli­zia inter­na­zio­na­le arma­ta per inter­ven­ti mira­ti nel tem­po e con obiet­ti­vi e pote­ri ben defi­ni­ti che si muo­va sot­to l’egida dell’ONU, svin­co­la­to dal dirit­to di veto”. Sia­mo sogna­to­ri, ed è bene esser­lo, ma sia­mo anche rea­li­sti, e per­ciò “come pri­mo pas­so per rag­giun­ge­re que­sto tra­guar­do sono neces­sa­rie diver­se tap­pe, come ave­re una poli­ti­ca este­ra e di dife­sa ‘tra­di­zio­na­le’ a livel­lo di Unio­ne Euro­pea, e dotar­si di arma­men­ti che non abbia­no carat­te­ri­sti­che pret­ta­men­te offen­si­ve, così come inco­min­cia­re a strut­tu­ra­re l’operatività di Cor­pi Civi­li di Pace”.

Andrea da Vare­se ci ricor­da che abbia­mo in noi tut­te le carat­te­ri­sti­che per,  “attra­ver­so il con­so­li­da­men­to del­le espe­rien­ze e le capa­ci­tà esi­sten­ti, rin­no­va­re l’identità, il ruo­lo e le moda­li­tà del­la Coo­pe­ra­zio­ne allo Svi­lup­po e Inter­ven­to Uma­ni­ta­rio dell’Italia”. Si trat­ta di una sto­ria che ben cono­scia­mo, che va indie­tro negli anni, anche a cau­sa del­la posi­zio­ne geo­gra­gi­ca che occu­pia­mo e che ha fat­to sedi­men­ta­re in noi una “pro­fon­da dimen­sio­ne mul­ti­cul­tu­ra­le, tol­le­ran­te e soli­da­le. Nel cor­so degli anni, con corag­gio e volon­tà le isti­tu­zio­ni ita­lia­ne, la socie­tà civi­le, i suoi coo­pe­ran­ti e ope­ra­to­ri uma­ni­ta­ri han­no sapu­to tro­va­re solu­zio­ni per inter­ven­ti uma­ni­ta­ri e la riso­lu­zio­ne dei con­flit­ti che han­no avu­to gran­de impat­to per alle­via­re le sof­fe­ren­ze di milio­ni di per­so­ne. Dopo anni di insab­bia­men­to poli­ti­co e buro­cra­ti­co que­ste capa­ci­tà, eti­ca e corag­gio devo­no nuo­va­men­te esse­re il moto­re dell’azione Ita­lia­na”.  Al con­tra­rio, al momen­to, “mal­gra­do la fir­ma di trat­ta­ti inter­na­zio­na­li, gli stan­zia­men­ti dell’Italia per inter­ven­ti uma­ni­ta­ri e di coo­pe­ra­zio­ni han­no rag­giun­to livel­li bas­sis­si­mi, met­ten­do a repen­ta­glio la vita di milio­ni di per­so­ne che ne bene­fi­cia­va­no. Biso­gna quin­di, attra­ver­so misu­re corag­gio­se, len­ta­men­te ripri­sti­na­re gli stan­zia­men­ti per dare un sen­so sostan­zia­le alla poli­ti­ca di coo­pe­ra­zio­ne, miglio­ra­re le con­di­zio­ni nei Pae­si in via di svi­lup­po ed acqui­sta­re un ruo­lo miglio­re nel­lo scac­chie­re inter­na­zio­na­le”.

Cato­ne rispon­de #1

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.