Cannabis: rispondiamo ancora a Gratteri e lo invitiamo a un confronto

Di fronte agli argomenti ancora una volta molto imprecisi del dott. Gratteri rispondiamo punto per punto. E lo invitiamo a un confronto di persona.
Cannabis_Legale

Il pro­cu­ra­to­re Grat­te­ri ormai ha una vera e pro­pria osses­sio­ne per la lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis. Ieri è inter­ve­nu­to duran­te il forum a San Patri­gna­no, espri­men­do­si anco­ra una vol­ta in manie­ra net­ta­men­te contraria.

E anco­ra una vol­ta, però, il pro­ble­ma non risie­de nel­la sua asso­lu­ta con­tra­rie­tà, ma nel­le moti­va­zio­ni che porta.

Risul­ta deci­sa­men­te spia­ce­vo­le con­dur­re que­sto dibat­ti­to, tra noi e il pro­cu­ra­to­re, a distan­za: per que­sto moti­vo ci fareb­be mol­to pia­ce­re poter­ci con­fron­ta­re diret­ta­men­te, in manie­ra civi­le e secon­do rego­le con­di­vi­se. Dimen­ti­can­do qual­sia­si approc­cio ideo­lo­gi­co e restan­do sui dati e sui fatti.

Per il momen­to, ci accon­ten­tia­mo di ribat­te­re pun­to per pun­to a quan­to dichia­ra­to ieri.

«La dif­fe­ren­za con l’al­col e il fumo, a cui spes­so si fa rife­ri­men­to per giu­sti­fi­ca­re la richie­sta di lega­liz­za­zio­ne, è che chi si avvi­ci­na alle sostan­ze lo fa sicu­ra­men­te per sbal­la­re e fini­rà nel­la dipen­den­za, men­tre si può per esem­pio bere mode­ra­ta­men­te», dice Gratteri.

Secon­do il pro­cu­ra­to­re quin­di non può esi­ste­re il con­su­ma­to­re mode­ra­to di can­na­bis. Ver­reb­be da chie­der­si dove il pro­cu­ra­to­re tro­vi ele­men­ti che pos­sa­no con­fer­ma­re que­sta sua affer­ma­zio­ne, visto che la per­cen­tua­le di adul­ti tra i 16 e i 65 anni che han­no pro­va­to la can­na­bis è supe­rio­re al 30% dei nostri con­cit­ta­di­ni. One­sta­men­te non mi sem­bra che una per­so­na su tre tra quel­le che incon­tro sia­no sot­to l’effetto di can­na­bis. Cono­sco per­so­nal­men­te deci­ne se non cen­ti­na­ia di per­so­ne che svol­go­no pro­fes­sio­ni anche di alto livel­lo (medi­ci, avvo­ca­ti, pro­fes­so­ri uni­ver­si­ta­ri) e che usa­no la can­na­bis per rilas­sar­si alla sera o nei momen­ti di sva­go, e mai si sogne­reb­be­ro di fumar­si una can­na pri­ma di un’attività pro­fes­sio­na­le. Se Grat­te­ri vuo­le sono dispo­sto a pre­sen­tar­glie­ne alcu­ni (a pat­to che non poi non li por­ti in tri­bu­na­le per chie­de­re le san­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve per il consumo).

«Que­sto è anco­ra più vero con­si­de­ran­do che il prin­ci­pio atti­vo del­la can­na­bis oggi è aumen­ta­to mol­tis­si­mo rispet­to al pas­sa­to, ed è dive­nu­to qua­si ugua­le a quel­lo del­la cocai­na», dice Gratteri.

Que­sta affer­ma­zio­ne è qua­si comi­ca dal pun­to di vista scien­ti­fi­co. Pra­ti­ca­men­te sostie­ne che aumen­tan­do la dose di un prin­ci­pio atti­vo que­sto si tra­sfor­ma in un altro prin­ci­pio atti­vo. Un po’ come se dices­si che quan­do il caf­fè è trop­po for­te (prin­ci­pio atti­vo: caf­fei­na) que­sto si tra­sfor­ma qua­si in un’a­spi­ri­na (prin­ci­pio atti­vo: aci­do ace­til­sa­li­ci­li­co). Avrei potu­to capi­re l’errore se aves­se par­la­to di effet­ti del prin­ci­pio (ma anche in quel caso sareb­be sta­to facil­men­te smen­ti­bi­le), ma non del prin­ci­pio stesso.

«Non è una que­stio­ne ideo­lo­gi­ca ma eti­ca, com­mer­cia­le e scien­ti­fi­ca», dice Gratteri.

Sul­la “que­stio­ne scien­ti­fi­ca” riman­do alla rispo­sta pre­ce­den­te, per capi­re come il pro­cu­ra­to­re sia pre­pa­ra­to sul tema. Sull’etica ovvia­men­te non pos­so dir nien­te non cono­scen­do fino in fon­do l’etica di Grat­te­ri. Sul­la par­te com­mer­cia­le non si capi­sce bene cosa inten­da, visto che nel­le inten­zio­ni del legi­sla­to­re c’è la volon­tà di sot­trar­re il com­mer­cio di can­na­bis alle orga­niz­za­zio­ni ille­ga­li e por­tar­le sot­to un cap­pel­lo di legalità.

«L’al­ta quan­ti­tà di dete­nu­ti tos­si­co­di­pen­den­ti non è lega­ta al con­su­mo (“per il qua­le non esi­ste alcu­na pras­si di arre­sto”), ma a rea­ti con­nes­si o indi­pen­den­ti che reste­reb­be­ro tali: quin­di la lega­liz­za­zio­ne non svuo­te­reb­be le car­ce­ri», dice Gratteri.

Il pro­cu­ra­to­re anco­ra una vol­ta sem­bra dimen­ti­ca­re, e a que­sto pun­to ci vie­ne il dub­bio che lo fac­cia dav­ve­ro con dolo, che nel­la nor­ma­ti­va in discus­sio­ne non si vuo­le nor­ma­re sol­tan­to il com­mer­cio, ma anche l’autoproduzione del­le pian­te di can­na­bis, quin­di la pos­si­bi­li­tà di col­ti­var­si auto­no­ma­men­te quel­lo che si vuol con­su­ma­re. Ogni gior­no nel­le cro­na­che loca­li dei quo­ti­dia­ni si pos­so­no tro­va­re noti­zie di arre­sti di per­so­ne che in casa ave­va­no una o due pian­te, e che quin­di per que­sto subi­ran­no un pro­ces­so, e maga­ri anche una pena deten­ti­va, il che dipen­de qua­si esclu­si­va­men­te dal giu­di­ce che si tro­ve­ran­no davan­ti. Ovvia­men­te se il giu­di­ce fos­se Grat­te­ri sareb­be­ro tut­ti con­dan­na­ti, sem­pre, alla pena mas­si­ma. Per faci­li­ta­re la ricer­ca a Grat­te­ri ho pre­pa­ra­to una ricer­ca su Goo­gle: per la fra­se “arre­sta­to per poche pian­te mari­jua­na” i risul­ta­ti sono cir­ca 6,5 milio­ni di pagi­ne.

Per il magi­stra­to non è nep­pu­re vero che si libe­re­reb­be­ro risor­se di poli­zia, «le qua­li dovreb­be­ro comun­que con­trol­la­re il traf­fi­co del­le altre sostanze».

Vedi la rispo­sta precedente.

La dro­ga «è un mer­ca­to e quel­la pro­dot­ta dai cri­mi­na­li ha un costo che reste­reb­be mol­to infe­rio­re a quel­lo del­la sostan­za even­tual­men­te lega­liz­za­ta dal­lo Sta­to», dice Gratteri.

Un’altra affer­ma­zio­ne tut­ta da dimo­stra­re, visto che è ampia­men­te docu­men­ta­to che nel mer­ca­to ille­ga­le il prez­zo rad­dop­pia ad ogni pas­sag­gio. Quin­di, con­si­de­ran­do che ci sono sem­pre alme­no tre step (Pro­dut­to­re-gros­si­sta-spac­cia­to­re, ma spes­so parec­chi di più), quel­lo che ha costo di pro­du­zio­ne pari a uno si tro­va sul mer­ca­to a un prez­zo supe­rio­re di tre o quat­tro vol­te. E’ inve­ce ovvia­men­te tut­to da dimo­stra­re che il nuo­vo mer­ca­to lega­liz­za­to pos­sa ave­re prez­zi supe­rio­ri, men­tre è asso­lu­ta­men­te dimo­stra­bi­le che l’autocoltivazione sareb­be per il con­su­ma­to­re una solu­zio­ne mol­to più economica.

Infi­ne, Grat­te­ri ha ricor­da­to che resta il tema dei mino­ri: «Lega­liz­zia­mo anche per loro? Se non fac­cia­mo così reste­reb­be­ro comun­que lega­ti alle narcomafie».

Spia­ce anche qui ricor­da­re al pro­cu­ra­to­re che lo stes­so pro­ble­ma esi­ste per alcol e tabac­co, dro­ghe già lega­liz­za­te e proi­bi­te per i mino­ren­ni, a cui però con­ti­nua­no ad ave­re ampio acces­so tra­mi­te un mer­ca­to lega­le non ben con­trol­la­to, oppu­re tra­mi­te com­por­ta­men­ti ille­ga­li da par­te di com­mer­cian­ti sen­za scru­po­li. Il con­su­mo dei mino­ren­ni è pur­trop­po in for­te aumen­to nono­stan­te (o per meglio dire, gra­zie alle) poli­ti­che proi­bi­zio­ni­sti­che che negli ulti­mi 50 anni han­no carat­te­riz­za­to tut­ti gli sta­ti occidentali.

Restia­mo in atte­sa di poter­ci con­fron­ta­re con il pro­cu­ra­to­re Grat­te­ri di per­so­na, per­so­nal­men­te. Altri­men­ti non ci reste­rà che aspet­ta­re le nuo­ve affer­ma­zio­ni “fan­ta­sio­se” nel­la pros­si­ma inter­vi­sta, per poter smen­ti­re pun­to su pun­to anche quelle.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.