Gli oppressi e gli oppressori

In un paese che tollera forme di schiavismo diffuse da nord a sud, la politica trova nello straniero la causa di tutti i mali

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1501675643375{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Nel­le cam­pa­gne attor­no a Lati­na e nel­le cam­pa­gne di mez­za Ita­lia ven­go­no sfrut­ta­te miglia­ia di per­so­ne, ogni gior­no, per tut­to l’an­no. Non esi­sto­no dirit­ti, non esi­sto­no tute­le, non esi­ste lo sta­to socia­le, e figu­ria­mo­ci se pos­so­no esi­ste­re le dome­ni­che. Esi­sto­no le migra­zio­ni inter­ne, di lavo­ra­to­ri che si spo­sta­no da sud a nord, e da est a ove­st, seguen­do il ciclo del­le sta­gio­ni e inse­guen­do il dena­ro. Il pochis­si­mo dena­ro con cui ven­go­no paga­ti e il mol­tis­si­mo dena­ro che il loro lavo­ro gene­ra e che fini­sce nel­le tasche dei loro sfruttatori.

Lo chia­ma­no capo­ra­la­to, ma è schia­vi­smo. Gli schia­vi sono negri e gial­li e alle vol­te vesto­no in modo stra­no e han­no mani gran­di e dita rovi­na­te. Sol­le­va­no le angu­rie e spo­sta­no cas­set­te di pomo­do­ri. «Non san­no nep­pu­re di esi­ste­re, di ave­re degli inte­res­si comu­ni. Sono una gran­de for­za che non si espri­me, che non par­la». Però a vol­te capi­ta. Capi­ta che gli schia­vi del­le cam­pa­gne di Lati­na di ori­gi­ne Sikh, affian­ca­ti da quel resi­duo del ‘900 che por­ta il nome di sin­da­ca­to, rie­sca­no a par­lar­si, a met­ter­si d’ac­cor­do: a sin­da­ca­liz­zar­si. E se pri­ma non sape­va­no nep­pu­re di esi­ste­re, ora lo san­no. E san­no che ogni Lui­gi­no che li schia­viz­za «ha biso­gno di un Con­ta­di­no per vive­re, per suc­chiar­lo e nutrir­se­ne», e che «per­ciò non può per­met­te­re che la stir­pe con­ta­di­na si assot­ti­gli trop­po. […] I Lui­gi­ni han­no il nume­ro, han­no lo Sta­to, la Chie­sa, i Par­ti­ti, il lin­guag­gio poli­ti­co, l’esercito, la Giu­sti­zia e le paro­le».

La stir­pe con­ta­di­na, però, non è mai sta­ta tan­to nume­ro­sa. E’ il 99%, alme­no. E così il capo­ra­le-schia­vi­sta-padro­ne-lui­gi­no può sfrut­ta­re e oppri­me­re — come sem­pre ha fat­to — chi non sa anco­ra di esi­ste­re. Sfrut­ta i richie­den­ti asi­lo ospi­ti di un cen­tro di acco­glien­za straor­di­na­ria e sfrut­ta «don­ne ita­lia­ne che ven­go­no dai pae­si dei mon­ti Lepi­ni, alle spal­le del­la pia­nu­ra Pon­ti­na. Don­ne di mez­za età, che lavo­ra­no più ‘in gri­gio’ che ‘in nero’, accet­tan­do un par­zia­le sfrut­ta­men­to. […] Il risul­ta­to è che ora “lavo­ria­mo meno oppu­re dob­bia­mo accet­ta­re le con­di­zio­ni dei pro­prie­ta­ri”, è il com­men­to di Gur­mu­kh Sin­gh, pre­si­den­te del­la Comu­ni­tà india­na del Lazio, da 26 anni in Ita­lia, dal 1996 regolare».

E’ quel­lo che suc­ce­de oggi in pro­vin­cia di Lati­na. E’ quel­lo che è sem­pre suc­ces­so, se avre­mo «dise­re­da­ti e oppres­si da un lato, pri­vi­le­gia­ti e oppres­so­ri dal­l’al­tro». A pre­scin­de­re dal colo­re del­la pel­le, come dimo­stra­no le don­ne che discen­do­no dai mon­ti Lepi­ni, tan­to rea­li da richia­ma­re i più clas­si­ci bra­ni del­la let­te­ra­tu­ra ita­lia­na.

Ci si aspet­te­reb­be un decre­to regio ema­na­to d’ur­gen­za, che com­bat­ta e vin­ca lo sfrut­ta­to­re, che sguin­za­gli ovun­que ispet­to­ri del lavo­ro incor­rut­ti­bi­li, al ter­mi­ne di que­sta sto­ria. O ci si aspet­te­reb­be una rivol­ta del pane che pren­da d’as­sal­to il Palaz­zo. La sto­ria fini­sce inve­ce con un altro decre­to regio, ema­na­to d’ur­gen­za anche que­sto, per fare la guer­ra alle per­so­ne che scap­pa­no da luo­ghi dove si sta enor­me­men­te peg­gio che nel­le cam­pa­gne in pro­vin­cia di Lati­na. E con un codi­ce per disci­pli­na­re colo­ro che vor­reb­be­ro sal­var­li. Un decre­to e un codi­ce che muo­vo­no dal­l’in­vio­la­bi­le «dirit­to di divi­de­re il mon­do in ita­lia­ni e stra­nie­ri» e non in oppres­si e oppres­so­ri. Lo stra­nie­ro sarà respin­to e tor­tu­ra­to in Libia, gli sbar­chi dimi­nui­ran­no. Esul­te­ran­no tut­ti, tran­ne gli oppres­si del­le cam­pa­gne di Lati­na e il restan­te 99%.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.