Gli oppressi e gli oppressori

In un paese che tollera forme di schiavismo diffuse da nord a sud, la politica trova nello straniero la causa di tutti i mali

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1501675643375{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Nel­le cam­pa­gne attor­no a Lati­na e nel­le cam­pa­gne di mez­za Ita­lia ven­go­no sfrut­ta­te miglia­ia di per­so­ne, ogni gior­no, per tut­to l’an­no. Non esi­sto­no dirit­ti, non esi­sto­no tute­le, non esi­ste lo sta­to socia­le, e figu­ria­mo­ci se pos­so­no esi­ste­re le dome­ni­che. Esi­sto­no le migra­zio­ni inter­ne, di lavo­ra­to­ri che si spo­sta­no da sud a nord, e da est a ove­st, seguen­do il ciclo del­le sta­gio­ni e inse­guen­do il dena­ro. Il pochis­si­mo dena­ro con cui ven­go­no paga­ti e il mol­tis­si­mo dena­ro che il loro lavo­ro gene­ra e che fini­sce nel­le tasche dei loro sfruttatori.

Lo chia­ma­no capo­ra­la­to, ma è schia­vi­smo. Gli schia­vi sono negri e gial­li e alle vol­te vesto­no in modo stra­no e han­no mani gran­di e dita rovi­na­te. Sol­le­va­no le angu­rie e spo­sta­no cas­set­te di pomo­do­ri. «Non san­no nep­pu­re di esi­ste­re, di ave­re degli inte­res­si comu­ni. Sono una gran­de for­za che non si espri­me, che non par­la». Però a vol­te capi­ta. Capi­ta che gli schia­vi del­le cam­pa­gne di Lati­na di ori­gi­ne Sikh, affian­ca­ti da quel resi­duo del ‘900 che por­ta il nome di sin­da­ca­to, rie­sca­no a par­lar­si, a met­ter­si d’ac­cor­do: a sin­da­ca­liz­zar­si. E se pri­ma non sape­va­no nep­pu­re di esi­ste­re, ora lo san­no. E san­no che ogni Lui­gi­no che li schia­viz­za «ha biso­gno di un Con­ta­di­no per vive­re, per suc­chiar­lo e nutrir­se­ne», e che «per­ciò non può per­met­te­re che la stir­pe con­ta­di­na si assot­ti­gli trop­po. […] I Lui­gi­ni han­no il nume­ro, han­no lo Sta­to, la Chie­sa, i Par­ti­ti, il lin­guag­gio poli­ti­co, l’esercito, la Giu­sti­zia e le paro­le».

La stir­pe con­ta­di­na, però, non è mai sta­ta tan­to nume­ro­sa. E’ il 99%, alme­no. E così il capo­ra­le-schia­vi­sta-padro­ne-lui­gi­no può sfrut­ta­re e oppri­me­re — come sem­pre ha fat­to — chi non sa anco­ra di esi­ste­re. Sfrut­ta i richie­den­ti asi­lo ospi­ti di un cen­tro di acco­glien­za straor­di­na­ria e sfrut­ta «don­ne ita­lia­ne che ven­go­no dai pae­si dei mon­ti Lepi­ni, alle spal­le del­la pia­nu­ra Pon­ti­na. Don­ne di mez­za età, che lavo­ra­no più ‘in gri­gio’ che ‘in nero’, accet­tan­do un par­zia­le sfrut­ta­men­to. […] Il risul­ta­to è che ora “lavo­ria­mo meno oppu­re dob­bia­mo accet­ta­re le con­di­zio­ni dei pro­prie­ta­ri”, è il com­men­to di Gur­mu­kh Sin­gh, pre­si­den­te del­la Comu­ni­tà india­na del Lazio, da 26 anni in Ita­lia, dal 1996 regolare».

E’ quel­lo che suc­ce­de oggi in pro­vin­cia di Lati­na. E’ quel­lo che è sem­pre suc­ces­so, se avre­mo «dise­re­da­ti e oppres­si da un lato, pri­vi­le­gia­ti e oppres­so­ri dal­l’al­tro». A pre­scin­de­re dal colo­re del­la pel­le, come dimo­stra­no le don­ne che discen­do­no dai mon­ti Lepi­ni, tan­to rea­li da richia­ma­re i più clas­si­ci bra­ni del­la let­te­ra­tu­ra ita­lia­na.

Ci si aspet­te­reb­be un decre­to regio ema­na­to d’ur­gen­za, che com­bat­ta e vin­ca lo sfrut­ta­to­re, che sguin­za­gli ovun­que ispet­to­ri del lavo­ro incor­rut­ti­bi­li, al ter­mi­ne di que­sta sto­ria. O ci si aspet­te­reb­be una rivol­ta del pane che pren­da d’as­sal­to il Palaz­zo. La sto­ria fini­sce inve­ce con un altro decre­to regio, ema­na­to d’ur­gen­za anche que­sto, per fare la guer­ra alle per­so­ne che scap­pa­no da luo­ghi dove si sta enor­me­men­te peg­gio che nel­le cam­pa­gne in pro­vin­cia di Lati­na. E con un codi­ce per disci­pli­na­re colo­ro che vor­reb­be­ro sal­var­li. Un decre­to e un codi­ce che muo­vo­no dal­l’in­vio­la­bi­le «dirit­to di divi­de­re il mon­do in ita­lia­ni e stra­nie­ri» e non in oppres­si e oppres­so­ri. Lo stra­nie­ro sarà respin­to e tor­tu­ra­to in Libia, gli sbar­chi dimi­nui­ran­no. Esul­te­ran­no tut­ti, tran­ne gli oppres­si del­le cam­pa­gne di Lati­na e il restan­te 99%.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.