EARTH OVERSHOOT DAY – Le risorse finiscono se esageriamo. Ed esageriamo.

La natura si rigenera di continuo, ma di continuo i sapiens ne prelevano le risorse biologiche. A che ritmo? Con quale velocità? La natura fa in tempo a rigenerarsi? La risposta è no

di Chia­ra Bertogalli

La natu­ra si rige­ne­ra, di con­ti­nuo. È anche que­sto con­cet­to, pro­fon­da­men­te radi­ca­to in ognu­no, per­chè par­te del­la nostra bio­lo­gia, che non per­met­te di affer­ra­re dav­ve­ro il sen­so di “risor­se fini­te”. Eppu­re, occor­re intro­dur­re una pre­ci­sa­zio­ne non da poco: la natu­ra si rige­ne­ra di con­ti­nuo, ma di con­ti­nuo i sapiens ne pre­le­va­no le risor­se bio­lo­gi­che. A che rit­mo? Con qua­le velo­ci­tà? La natu­ra fa in tem­po a rige­ne­rar­si? La rispo­sta è no. Non fa in tem­po, sia­mo trop­po vora­ci. Ce lo ricor­da ogni anno il Glo­bal Foot­print Net­work, che ha impo­sta­to un cal­co­lo su base annua, decli­na­bi­le per ogni pae­se, che mostra l’im­pron­ta eco­lo­gi­ca del­la nostra spe­cie sul pia­ne­ta. Noi man­gia­mo, ci vestia­mo, usia­mo legna­me, acqua, peschia­mo, viag­gia­mo e fac­cia­mo viag­ga­re mer­ci, alle­via­mo gli ani­ma­li. Pro­du­cia­mo rifiu­ti e CO2 con il nostro sti­le di vita. Ed è pro­prio quel­lo sti­le di vita a sve­la­re quan­to impat­tia­mo sul­le risor­se neces­sa­rie per man­te­ner­lo, anco­ra e ancora. 

Si pro­du­ce e si con­su­ma in modi anco­ra trop­po dispen­dio­si in temi­ni ener­ge­ti­ci e di risor­se. Le mer­ci e gli ali­men­ti fan­no il giro del mon­do bru­cian­do com­bu­sti­bi­li fos­si­li. La ter­ra è sovra­sfrut­ta­ta: se il mon­do inte­ro man­te­nes­se lo sti­le di vita euro­peo, occor­re­reb­be­ro 2,8 pia­ne­ti per dar­ci le risor­se che con­su­mia­mo ogni anno. Le popo­la­zio­ni che anco­ra non han­no uno sti­le di vita basa­to sul con­su­mi­smo abbas­sa­no la media glo­ba­le, por­tan­do il con­teg­gio a 1,6 pia­ne­ti: uti­liz­zia­mo il 60% in più di quan­to si pos­sa rin­no­va­re. Un enor­me con­su­mo di risor­se natu­ra­li deri­va dal­la filie­ra del­la car­ne e del­l’al­le­va­men­to ani­ma­le inten­si­vo. Per fare spa­zio alla filie­ra del­la car­ne, si arri­va a bru­cia­re le fore­ste, la cui inte­gri­tà è una risor­sa fon­da­men­ta­le per la vita.

Gli ocea­ni sono sovra­sfrut­ta­ti per le risor­se itti­che, l’e­co­si­ste­ma mari­no vie­ne impo­ve­ri­to e l’ha­bi­tat degra­da­to: come in un impla­ca­bi­le cir­co­lo vizio­so, dimi­nui­sce la capa­ci­tà del­la bio­sfe­ra di rias­sor­bi­re la CO2, a cui gli ocea­ni con­tri­bui­sco­no per cir­ca il 40%.

Oggi fa cal­do, cal­dis­si­mo, in tan­tis­si­mi han­no il con­di­zio­na­to­re acce­so: farà sem­pre più cal­do, e lo si accen­de­rà sem­pre pri­ma e per più tem­po. Fuo­ri dal­la fine­stra, la cit­tà sigil­la­ta da coper­tu­re di asfal­to e cemen­to diven­ta ogni anno più cal­da, poi­chè la man­can­za di suo­lo libe­ro da asfal­to trat­tie­ne mag­gio­re calo­re e ne ral­len­ta la dis­si­pa­zio­ne nel­le ore notturne.

Que­st’an­no il Covid19 ha deter­mi­na­to una ridu­zio­ne del­l’im­pron­ta eco­lo­gi­ca: per far­ci un’i­dea, ha spo­sta­to avan­ti di cir­ca tre set­ti­ma­ne l’o­ver­shoot day. Se i sapiens si fer­ma­no, la natu­ra ha il tem­po di rige­ne­rar­si. Pur­trop­po quin­di la noti­zia posi­ti­va non deri­va da un miglio­ra­men­to sostan­zia­le del­l’u­ti­liz­zo del­le risor­se, ma da una situa­zio­ne di cri­si che ha impo­sto uno stop. Assi­stia­mo già da ora alla ripre­sa anco­ra più affa­ma­ta di quel capi­ta­li­smo pre­da­to­rio che non sem­bra voler­si evol­ve­re davan­ti a nulla.

Nono­stan­te ciò, le solu­zio­ni van­no cer­ca­te con for­za, volu­te dal­la poli­ti­ca su spin­ta dei cit­ta­di­ni, adot­ta­te dal mon­do del­l’in­no­va­zio­ne e del­le impre­se lun­gi­mi­ran­ti ed inco­rag­gia­te in modo con­cer­ta­to e con­cre­to dal­le isti­tu­zio­ni nazio­na­li ed internazionali.

Enor­mi cam­bia­men­ti posi­ti­vi pos­so­no avve­ni­re nel­l’a­groin­du­stria, nel­l’u­so del­le ener­gie rin­no­va­bi­li, dei tra­spor­ti, nel­le scel­te che fac­cia­mo al super­mer­ca­to (inclu­sa quel­la di andar­ci sem­pre meno, al super­mer­ca­to, maga­ri per favo­ri­re il com­mer­cio di pros­si­mi­tà, le filie­re cor­tis­si­me, il km zero).

Enor­mi cam­bia­men­ti pos­so­no avve­ni­re nel­le cit­tà, dove può esse­re rivo­lu­zio­na­to il modo di spo­star­si attra­ver­so la cicla­bi­li­tà e i mez­zi pub­bli­ci su rota­ia, urba­ni ed inte­rur­ba­ni. Cit­tà dove si può ripen­sa­re ed inte­gra­re il ver­de e le rin­no­va­bi­li per accre­sce­re le fun­zio­ni eco­si­ste­mi­che neces­sa­rie a ridur­re l’im­pat­to e il con­to ener­ge­ti­co, crea­re nuo­vi spa­zi per incon­trar­si e vive­re a diver­se velo­ci­tà, nuo­vi per­cor­si di scam­bio com­mer­cia­le e di socia­li­tà, strut­tu­ra­re uno smart­wor­king soste­ni­bi­le anche a livel­lo fami­lia­re. Le abi­ta­zio­ni pos­so­no esse­re rese più effi­cien­ti in ter­mi­ni ener­ge­ti­ci. Tut­to que­sto men­tre si crea­no nuo­vi posti di lavoro.

È il momen­to di inter­ve­ni­re per gesti­re i pro­ble­mi che sono sta­ti crea­ti, con la soste­ni­bi­li­tà e la rige­ne­ra­zio­ne in testa, smet­ten­do di vive­re alle spal­le del­le pros­si­me gene­ra­zio­ni. I dati del­l’o­ver­shoot day e del col­las­so cli­ma­ti­co par­la­no chia­ro: noi voglia­mo ascoltare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.