E quindi se ti licenziano perché sei gay va bene così?

philadelphia-tom-hanks

Scu­sa­te, for­se ci sia­mo fat­ti pren­de­re dai tec­ni­ci­smi. Per­ché vede­te, da una par­te abbia­mo il mago del­la disin­ter­me­dia­zio­ne, che si fa i sel­fie con Justin Bie­ber e che ha mes­so sul­la poli­ti­ca la sua per­so­na­le ver­sio­ne di “paro­la di Fran­ce­sco Ama­do­ri” (si trat­ta solo di capi­re chi è il pol­lo, quin­di). Dal­l’al­tra abbia­mo dei seri giu­sla­vo­ri­sti: benin­ten­zio­na­ti, ma già solo la paro­la, gius-la-vo e mol­ta gen­te a quel pun­to ha già cam­bia­to canale.

Allo­ra ripro­via­mo­ci, fac­cia­mo­la più sem­pli­ce, per­ché non può esse­re che obie­zio­ni alla posi­zio­ne di chi i dirit­ti li vuo­le con­ser­va­re ed esten­de­re ven­ga­no pro­prio da chi quei dirit­ti non li ha — e chi scri­ve entra in pie­no nel­la cate­go­ria, per capir­ci. Ora, lascia­te da par­te la pole­mi­ca su un arti­co­lo che non ave­te let­to, non si appli­ca al vostro lavo­ro, e rite­ne­te ideo­lo­gi­ca, rispon­de­te a una sem­pli­ce doman­da: veni­te licen­zia­ti per­ché sie­te gay, è una cosa giu­sta o no?
Mol­to semplice.
Il vostro dato­re di lavo­ro ha visto sul vostro pro­fi­lo Face­book una foto in cui bacia­te il/la vostro/a compagno/a, e insom­ma, lui vi odia per que­sto. E in con­di­zio­ni nor­ma­li dovreb­be ave­re una “giu­sta cau­sa” per cac­ciar­vi. Tipo che sie­te assen­ti ingiu­sti­fi­ca­ti, o che ave­te dan­neg­gia­to l’a­zien­da. Ma sic­co­me non c’è più una leg­ge che lo costrin­ga a tro­va­re la giu­sta cau­sa, sem­pli­ce­men­te una mat­ti­na arri­va­te e tro­va­te una let­te­ra di licen­zia­men­to sul­la scri­va­nia. Punto.

Ini­zia a sem­bra­re un po’ meno ideo­lo­gi­ca, così? Maga­ri non sie­te gay, eh. Maga­ri sie­te don­ne e vi sie­te appe­na spo­sa­te: non sia mai che vi ven­ga lo sghi­ri­biz­zo di resta­re incin­te, meglio pre­ve­ni­re che cura­re. Oppu­re, anco­ra, maga­ri sul quel pro­fi­lo Face­book il dato­re di lavo­ro ha visto una foto che ave­te fat­to a un con­cer­to di un can­tan­te di sini­stra, e ha con­clu­so che lo sie­te pure voi, brut­te zec­che comu­ni­ste che non sie­te altro. O maga­ri sie­te iscrit­ti a un sin­da­ca­to (bin­go!). O sem­pli­ce­men­te gli sta­te sul­le bal­le: e tan­to basta. E non fac­cio l’e­sem­pio del colo­re del­la pel­le solo per­ché mol­ti impren­di­to­ri han­no sugli immi­gra­ti un’in­so­li­ta aper­tu­ra men­ta­le, ovvia­men­te quan­do li pos­so­no sfrut­ta­re come bestie.

Che dite, va bene così? E’ un mon­do desi­de­ra­bi­le, oppu­re ini­zia a sem­bra­re una que­stio­ne un po’ meno ideo­lo­gi­ca? Lascia­mo lì la doman­da, anche a dispo­si­zio­ne, ches­sò, dei diri­gen­ti gay del Pd che sono entu­sia­sti alla prospettiva.
Poi c’è l’o­bie­zio­ne: ma noi que­sti dirit­ti non li abbia­mo mai cono­sciu­ti, che cam­bia per noi? Andia­mo avanti.
Mol­to triste.

Tri­sti, ras­se­gna­ti: ci han­no inse­gna­to che per lavo­ra­re dob­bia­mo adat­tar­ci a qual­sia­si con­di­zio­ne, per­ché c’è la cri­si, c’è sem­pre la cri­si, e non solo la dob­bia­mo paga­re noi, ma dob­bia­mo anzi esser gra­ti se e quan­do dopo­tut­to un qual­che lavo­ro ce l’ab­bia­mo. E la cri­si c’è dav­ve­ro, inten­dia­mo­ci, e for­se dav­ve­ro la sto­ria va come un pen­do­lo, per cui ci sono perio­di di con­tra­zio­ne in cui arri­va una come la That­cher che leva tut­ti i dirit­ti, poi si lot­ta e si ripar­te con le con­qui­ste. Solo, ecco, mi sfug­ge per­ché in que­sto pro­ces­so sto­ri­co dovrem­mo esse­re noi a inter­pre­ta­re la That­cher e non que­gli altri. Chiedo.

Come se ne esce? Tut­ti si sciac­qua­no la boc­ca con il con­trat­to uni­co a tute­le cre­scen­ti. Bene, pare bana­le ma va riba­di­to: è uni­co se è uni­co. Signi­fi­ca che me lo fai, ed entro un perio­do ragio­ne­vo­le (tre anni) o mi assu­mi o ci salu­tia­mo. E ci salu­tia­mo, non è che me ne puoi fare uno sce­glien­do­lo tra i 46 attual­men­te in vigo­re. Altri­men­ti non è più uni­co, lo dice la paro­la stessa.
A tute­le cre­scen­ti: per esem­pio, dopo un anno ho dirit­to a una pic­co­la liqui­da­zio­ne, dopo due ho la mater­ni­tà, dopo tre ho tut­ti i dirit­ti che han­no gli altri. Se dopo tre anni sono pre­ca­rio quan­to pri­ma e pos­so veni­re sbat­tu­to a casa a cal­ci nel sede­re le “tute­le” non sono “cre­sciu­te”: non è nem­me­no dirit­to del lavo­ro, è semantica.

Si può fare, e si può fare domattina.

E ades­so scu­sa­te­mi, vado a rive­der­mi Phi­la­del­phia. Se non lo cono­sce­te, ve lo con­si­glio. E’ un film con Tom Hanks in cui un avvo­ca­to di gri­do vie­ne licen­zia­to, e lui sospet­ta di esser sta­to cac­cia­to in quan­to mala­to di Aids. Fa cau­sa ai suoi dato­ri di lavo­ro e, guar­da­te un po’, la vin­ce. Per­ché nean­che nel pae­se più libe­ri­sta del mon­do puoi discri­mi­na­re le per­so­ne in base a cre­do, etnia, ses­so, ecce­te­ra. Con tut­to che ovvia­men­te è un film, che Tom Hanks acce­de a mez­zi pro­ba­bil­men­te più sofi­sti­ca­ti di un ragaz­zo che frig­ge pata­te in un fast food (e que­sto sareb­be il pun­to, per inci­so), in Ita­lia, se que­sto jobs act andrà avan­ti sen­za cor­re­zio­ni, il dato­re di lavo­ro del­la ver­sio­ne ita­lia­na di Tom potrà sem­pli­ce­men­te dire: pote­vo cac­ciar­lo e l’ho fat­to, che vole­te da me?
Non si può vive­re nel­la fic­tion, ma anche ras­se­gnar­si a vive­re in un mon­do così non mi sem­bra bel­lo. Di cer­to non è per que­sto che fac­cia­mo politica.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?