Droga e sfruttamento: un binomio illecito e immorale

164519815-08dd2606-37fe-4671-bf0c-079c1cd43fa4

Tra Sabaudia e Terracina, continua, stavolta con la complicità dei camici bianchi, la pratica illecita e immorale di dopaggio dei lavoratori al fine di annullare stanchezza e dolore per poterli sfruttare maggiormente e allungare i turni di lavoro nei campi fino a 16 ore al giorno.

 

Siamo nella provincia di Latina, un avvocato, un farmacista e un medico sono indagati per illecita prescrizione di sostanze stupefacenti, per finalità non terapeutiche, a danno di 222 indiani impiegati nel settore agricolo. Le quasi mille prescrizioni a carico del SSN riguardano 1500 confezioni di un farmaco al principio attivo di ossicodone, usato comunemente per alleviare il dolore oncologico con meno effetti collaterali della morfina, che induce tolleranza e dipendenza: virtù da schiavo modello. Questo è ciò che emerge dall’operazione ‘No pain’ del NOE dei carabinieri di Latina.

Avevamo già parlato di pratiche simili nel caso della yaba a Fincantieri, droga utilizzata come doping nelle competizioni equine e, negli ultimi anni, per ‘aiutare’ (sempre illecitamente e pericolosamente) nei lavori pesanti, con l’effetto di eliminare stanchezza fisica e psicologica e sostenere orari di lavoro massacranti senza aver bisogno di dormire o mangiare.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait