Diritto alla città

Venezia, Barcellona, Berlino, Parigi nell’epoca del turismo globale. Ne parliamo sabato 17 giugno, a Venezia con la nostra europarlamentare Elly Schlein, l'assessora all’urbanistica, ecologia e mobilità della città di Barcellona Janet Sanz e tanti altri docenti e studiosi delle più importanti città europee.
#

Venezia, Barcellona, Berlino, Parigi nell’epoca del turismo globale

Venezia, Sala San Leonardo, Cannaregio
Sabato 17 giugno dalle ore 16 sino alle 19

Venezia viene visitata in un anno da un numero molto alto di persone. Si stima che nel corso dell’anno i visitatori vadano dai 25 ai 30 milioni (somma delle visite in tutte le giornate), di cui circa 9 milioni turisti e 16-21 milioni escursionisti. Questa massa di visitatori invade una città di dimensioni modeste: la città d’acqua conta una popolazione residente di meno di 60mila di persone e quindi una presenza di turisti (pernottanti in alberghi, appartamenti e B&B e escursionisti) superiore al numero degli abitanti residenti.

Questo deteriora la vita della città, eleva i costi degli alloggi, fa chiudere i negozi di vicinato, impoverisce i servizi per i residenti e sempre di più abbassa la qualità delle offerte di lavoro.

Nell’iniziativa di Possibile che si svolgerà a Venezia il prossimo 17 giugno intendiamo presentare l’idea della Venezia che abbiamo a cuore, dove il vivere in città possa essere meglio del vivere nelle periferie o nelle new town, dove la città sia un bene comune ai suoi residenti e ai suoi ospiti per studio o lavoro, dove i beni culturali e ambientali siano fautori di lavoro, di mestieri, di professionalità, di eccellenze.

Sentiamo necessario un nuovo progetto urbano per il XXI secolo. Non vi  è futuro se lavoro e ambiente vanno in contrapposizione, questo vale per la portualità che muore se continua a violentare l’ambiente naturale, per la chimica che deve liberarsi dall’ossessione di sfruttare all’infinito le risorse fossili e attuare una riconversione green, vale ancora di più per il turismo che può crescere in qualità invece che in quantità entrando in sintonia con il delicatissimo ecotono (l’ambiente di transizione tra due ecosistemi) della città lagunare fondato su una secolare convivenza tra  ambiente naturale e attività umana.

Un tassello di questo progetto è quello che presenteremo il 17 giugno, insieme ad una ricca rete di associazioni, comitati, operatori culturali, ricercatori e docenti, discutendo di diritto alla città e confrontando le nostre proposte per il nuovo progetto urbano con situazioni e azioni in atto in altre città europee.

Per la parte che riguarda Venezia chiediamo di stabilire una soglia massima di ricettività turistica, di  pianificare, verificare e gestire i flussi pur nel rispetto dei diritti di tutti i visitatori, garantendo a tutti la libertà di accesso. L’esatto opposto delle proposte fatte e smentite a giorni alterni dal Sindaco Brugnaro sui “tornelli” e i i biglietti di ingresso per la Piazza San Marco e, chissà, domani magari anche per la Basilica.

E insieme una nuova politica abitativa capace di contendere il terreno al turismo. E interventi straordinari finalizzati a arricchire qualitativamente le offerte di lavoro poiché nulla si salva se le possibilità di lavoro si fermano nei settori della ristorazione e del turismo.

Insieme alla nostra eurodeputata Elly Schlein abbiamo invitato Janet Sanz, assessora all’urbanistica, ecologia e mobilità della città di Barcellona, di Antonio Paolo Russo, docente all’università di Terragona, di Caterina Borelli, antropologa “pendolare” tra Venezia e Barcellona, della ricercatrice veneziana Roberta Bartoloni, di Giuseppe Tattara, e Jan van der Borg, docenti a Cà Foscari, di  Johannes Novy, di Berlino, che ci fornirà un quadro  sulla dimensione turistica della gentrificazione a Berlino. e di Sebastien Jacquot che ci informerebbe sulla medesima problematica a Parigi.E ci confronteremo con Anna Messinis (Sinistra Italiana, vice presidente della Municipalità di Venezia), Chiara Buratti (Assemblea Sociale per la Casa), Paolo Lanapoppi (Italia Nostra), Emanuele De Carlo (Reset), Marco Gasparinetti  (gruppo 25 Aprile), Silvia Regonelli  (gruppo “Mi riconosci? Sono un professionista dei beni culturali”). Ambiente Venezia parteciperà all’iniziativa con un banchetto informativo sul referendum popolare sulla presenza delle grandi navi nella Laguna di Venezia.

Pier Paolo Scelsi, portavoce comitato Possibile Venezia Mestre

Le iniziative di Possibile sono sempre autofinanziate, anche questo appuntamento non farà eccezione. Prevediamo di spendere circa 800 € tra affitto dei locali, promozione dell’evento e spostamenti degli ospiti che ci raggiungeranno da tutta Europa.Chiediamo a chi vorrà partecipare, o vorrà comunque vedere la videoregistrazione, di fare una piccola donazione così che potremo continuare a fare politica con il contributo di tutti, per non dipendere da nessuno.

Diritto alla città – Venezia 17/06/2017

Informazioni Personali

Totale Donazione: €10,00

  • 213
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati