Diritto alla città

Venezia, Barcellona, Berlino, Parigi nell’epoca del turismo globale. Ne parliamo sabato 17 giugno, a Venezia.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Venezia, Barcellona, Berlino, Parigi nell’epoca del turismo globale

Venezia, Sala San Leonardo, Cannaregio
Sabato 17 giugno dalle ore 16 sino alle 19

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=“1/2”][vc_btn title=“Partecipa all’e­ven­to Face­book” color=“blue” align=“center” i_icon_fontawesome=“fa fa-calen­dar-chec­k‑o” css_animation=“fadeInLeft” add_icon=“true” link=“url:https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fevents%2F1878373685757154|||”][/vc_column][vc_column width=“1/2”][vc_btn title=“Contribuisci all’e­ven­to” color=“juicy-pink” align=“center” i_icon_fontawesome=“fa fa-eur” css_animation=“fadeInRight” add_icon=“true” link=“url:%23dona|||”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]Venezia vie­ne visi­ta­ta in un anno da un nume­ro mol­to alto di per­so­ne. Si sti­ma che nel cor­so dell’anno i visi­ta­to­ri vada­no dai 25 ai 30 milio­ni (som­ma del­le visi­te in tut­te le gior­na­te), di cui cir­ca 9 milio­ni turi­sti e 16–21 milio­ni escur­sio­ni­sti. Que­sta mas­sa di visi­ta­to­ri inva­de una cit­tà di dimen­sio­ni mode­ste: la cit­tà d’ac­qua con­ta una popo­la­zio­ne resi­den­te di meno di 60mila di per­so­ne e quin­di una pre­sen­za di turi­sti (per­not­tan­ti in alber­ghi, appar­ta­men­ti e B&B e escur­sio­ni­sti) supe­rio­re al nume­ro degli abi­tan­ti resi­den­ti.

Que­sto dete­rio­ra la vita del­la cit­tà, ele­va i costi degli allog­gi, fa chiu­de­re i nego­zi di vici­na­to, impo­ve­ri­sce i ser­vi­zi per i resi­den­ti e sem­pre di più abbas­sa la qua­li­tà del­le offer­te di lavoro.

Nell’iniziativa di Pos­si­bi­le che si svol­ge­rà a Vene­zia il pros­si­mo 17 giu­gno inten­dia­mo pre­sen­ta­re l’idea del­la Vene­zia che abbia­mo a cuo­re, dove il vive­re in cit­tà pos­sa esse­re meglio del vive­re nel­le peri­fe­rie o nel­le new town, dove la cit­tà sia un bene comu­ne ai suoi resi­den­ti e ai suoi ospi­ti per stu­dio o lavo­ro, dove i beni cul­tu­ra­li e ambien­ta­li sia­no fau­to­ri di lavo­ro, di mestie­ri, di pro­fes­sio­na­li­tà, di eccellenze.

Sen­tia­mo neces­sa­rio un nuo­vo pro­get­to urba­no per il XXI seco­lo. Non vi  è futu­ro se lavo­ro e ambien­te van­no in con­trap­po­si­zio­ne, que­sto vale per la por­tua­li­tà che muo­re se con­ti­nua a vio­len­ta­re l’ambiente natu­ra­le, per la chi­mi­ca che deve libe­rar­si dall’ossessione di sfrut­ta­re all’infinito le risor­se fos­si­li e attua­re una ricon­ver­sio­ne green, vale anco­ra di più per il turi­smo che può cre­sce­re in qua­li­tà inve­ce che in quan­ti­tà entran­do in sin­to­nia con il deli­ca­tis­si­mo eco­to­no (l’am­bien­te di tran­si­zio­ne tra due eco­si­ste­mi) del­la cit­tà lagu­na­re fon­da­to su una seco­la­re con­vi­ven­za tra  ambien­te natu­ra­le e atti­vi­tà umana.

Un tas­sel­lo di que­sto pro­get­to è quel­lo che pre­sen­te­re­mo il 17 giu­gno, insie­me ad una ric­ca rete di asso­cia­zio­ni, comi­ta­ti, ope­ra­to­ri cul­tu­ra­li, ricer­ca­to­ri e docen­ti, discu­ten­do di dirit­to alla cit­tà e con­fron­tan­do le nostre pro­po­ste per il nuo­vo pro­get­to urba­no con situa­zio­ni e azio­ni in atto in altre cit­tà europee.

Per la par­te che riguar­da Vene­zia chie­dia­mo di sta­bi­li­re una soglia mas­si­ma di ricet­ti­vi­tà turi­sti­ca, di  pia­ni­fi­ca­re, veri­fi­ca­re e gesti­re i flus­si pur nel rispet­to dei dirit­ti di tut­ti i visi­ta­to­ri, garan­ten­do a tut­ti la liber­tà di acces­so. L’esatto oppo­sto del­le pro­po­ste fat­te e smen­ti­te a gior­ni alter­ni dal Sin­da­co Bru­gna­ro sui “tor­nel­li” e i i bigliet­ti di ingres­so per la Piaz­za San Mar­co e, chis­sà, doma­ni maga­ri anche per la Basilica.

E insie­me una nuo­va poli­ti­ca abi­ta­ti­va capa­ce di con­ten­de­re il ter­re­no al turi­smo. E inter­ven­ti straor­di­na­ri fina­liz­za­ti a arric­chi­re qua­li­ta­ti­va­men­te le offer­te di lavo­ro poi­ché nul­la si sal­va se le pos­si­bi­li­tà di lavo­ro si fer­ma­no nei set­to­ri del­la risto­ra­zio­ne e del turismo.

Insie­me alla nostra euro­de­pu­ta­ta Elly Schlein abbia­mo invi­ta­to Janet Sanz, asses­so­ra all’urbanistica, eco­lo­gia e mobi­li­tà del­la cit­tà di Bar­cel­lo­na, di Anto­nio Pao­lo Rus­so, docen­te all’u­ni­ver­si­tà di Ter­ra­go­na, di Cate­ri­na Borel­li, antro­po­lo­ga “pen­do­la­re” tra Vene­zia e Bar­cel­lo­na, del­la ricer­ca­tri­ce vene­zia­na Rober­ta Bar­to­lo­ni, di Giu­sep­pe Tat­ta­ra, e Jan van der Borg, docen­ti a Cà Fosca­ri, di  Johan­nes Novy, di Ber­li­no, che ci for­ni­rà un qua­dro  sul­la dimen­sio­ne turi­sti­ca del­la gen­tri­fi­ca­zio­ne a Ber­li­no. e di Seba­stien Jac­quot che ci infor­me­reb­be sul­la mede­si­ma pro­ble­ma­ti­ca a Parigi.E ci con­fron­te­re­mo con Anna Mes­si­nis (Sini­stra Ita­lia­na, vice pre­si­den­te del­la Muni­ci­pa­li­tà di Vene­zia), Chia­ra Burat­ti (Assem­blea Socia­le per la Casa), Pao­lo Lana­pop­pi (Ita­lia Nostra), Ema­nue­le De Car­lo (Reset), Mar­co Gaspa­ri­net­ti  (grup­po 25 Apri­le), Sil­via Rego­nel­li  (grup­po “Mi rico­no­sci? Sono un pro­fes­sio­ni­sta dei beni cul­tu­ra­li”). Ambien­te Vene­zia par­te­ci­pe­rà all’iniziativa con un ban­chet­to infor­ma­ti­vo sul refe­ren­dum popo­la­re sul­la pre­sen­za del­le gran­di navi nel­la Lagu­na di Venezia.

Pier Pao­lo Scel­si, por­ta­vo­ce comi­ta­to Pos­si­bi­le Vene­zia Mestre

Le ini­zia­ti­ve di Pos­si­bi­le sono sem­pre auto­fi­nan­zia­te, anche que­sto appun­ta­men­to non farà ecce­zio­ne. Pre­ve­dia­mo di spen­de­re cir­ca 800 € tra affit­to dei loca­li, pro­mo­zio­ne dell’evento e spo­sta­men­ti degli ospi­ti che ci rag­giun­ge­ran­no da tut­ta Europa.Chiediamo a chi vor­rà par­te­ci­pa­re, o vor­rà comun­que vede­re la video­re­gi­stra­zio­ne, di fare una pic­co­la dona­zio­ne così che potre­mo con­ti­nua­re a fare poli­ti­ca con il con­tri­bu­to di tut­ti, per non dipen­de­re da nessuno.

[/vc_column_text][vc_btn title=“Partecipa all’e­ven­to Face­book” color=“blue” align=“center” i_icon_fontawesome=“fa fa-calen­dar-chec­k‑o” css_animation=“fadeInUp” add_icon=“true” link=“url:https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fevents%2F1878373685757154|||”][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.