“Diciotti”, ma quali scuse

Viste le diret­te face­book alla Maria De Filip­pi con pli­chi ria­per­ti ad uso dei fans e let­ti i toni trion­fa­li­sti­ci del­la stam­pa di destra dopo la fake news del­la avve­nu­ta archi­via­zio­ne del pro­ce­di­men­to rela­ti­vo al trat­ta­men­to riser­va­to dal mini­stro a migran­ti del­la Diciot­ti, è oppor­tu­no, come sem­pre, fare chia­rez­za.

Anzi­tut­to occor­re tene­re bene a men­te il pro­ce­di­men­to per i rea­ti mini­ste­ria­li come pre­vi­sto dal­l’at­tua­le nor­ma­ti­va, e come ripor­ta­to da un arti­co­lo di Agi del­l’e­sta­te scor­sa.

“Le denun­ce per i rea­ti mini­ste­ria­li sono tra­smes­se al pro­cu­ra­to­re del­la Repub­bli­ca pres­so il tri­bu­na­le del capo­luo­go del distret­to di cor­te d’ap­pel­lo com­pe­ten­te per il ter­ri­to­rio, che, sen­za com­pie­re nes­sun tipo di inda­gi­ne, deve entro quin­di­ci gior­ni tra­smet­te­re gli atti al tri­bu­na­le dei mini­stri e dar­ne imme­dia­ta comu­ni­ca­zio­ne ai sog­get­ti interessati.

Dopo aver rice­vu­to gli atti, il tri­bu­na­le dei mini­stri ha novan­ta gior­ni per deci­de­re di archi­via­re il caso oppu­re chie­de­re al pro­cu­ra­to­re del­la Repub­bli­ca di chie­de­re alla came­ra di appar­te­nen­za l’autorizzazione a pro­ce­de­re, nel caso di Sal­vi­ni il Senato.

La came­ra com­pe­ten­te può nega­re l’au­to­riz­za­zio­ne qua­lo­ra repu­ti, insin­da­ca­bil­men­te, che l’in­qui­si­to abbia agi­to per la tute­la di un inte­res­se del­lo Sta­to. Nel frat­tem­po i mini­stri inqui­si­ti non pos­so­no esse­re sot­to­po­sti a misu­re limi­ta­ti­ve del­la liber­tà per­so­na­le, a inter­cet­ta­zio­ni tele­fo­ni­che, a per­qui­si­zio­ni per­so­na­li o domi­ci­lia­ri sen­za l’au­to­riz­za­zio­ne del­la came­ra com­pe­ten­te. Una vol­ta otte­nu­ta l’au­to­riz­za­zio­ne a pro­ce­de­re, il giu­di­zio di pri­mo gra­do spet­ta al tri­bu­na­le ordi­na­rio del capo­luo­go del distret­to di cor­te d’ap­pel­lo com­pe­ten­te per il ter­ri­to­rio. Ma non al tri­bu­na­le dei mini­stri; anzi una vol­ta svol­te le inda­gi­ni, i mem­bri del tri­bu­na­le dei mini­stri non pos­so­no par­te­ci­pa­re alle ulte­rio­ri fasi del procedimento.”

Rivi­sta la nor­ma­ti­va, appa­re evi­den­te come non ci fos­se mol­to da aspet­tar­si su que­sto pro­ce­di­men­to, visto il dirit­to insin­da­ca­bi­le del Par­la­men­to di affer­ma­re che il mini­stro ha agi­to per la tute­la di un inte­res­se del­lo Sta­to.

È pur sem­pre il par­la­men­to che, pur con diver­sa com­po­si­zio­ne, ha attri­bui­to alla nota Ruby una paren­te­la con Mubarak.

Non è pen­sa­bi­le che l’at­tua­le mag­gio­ran­za non difen­da il vero pri­mo mini­stro del­l’at­tua­le com­pa­gi­ne, maga­ri con l’a­iu­to del­la destra che ne è (per ora) fuo­ri.

Det­to que­sto, il pro­ce­di­men­to tut­ta­via inqua­dra chia­ra­men­te il ruo­lo del­la pro­cu­ra come un sem­pli­ce sog­get­to che agi­sce in via mera­men­te for­ma­le, e il Tri­bu­na­le dei Mini­stri come depo­si­ta­rio di una valu­ta­zio­ne stret­ta­men­te giu­ri­di­ca del fat­to reato.

Cioè a dire, la pro­cu­ra dove­va sem­pli­ce­men­te valu­ta­re una non mani­fe­sta infon­da­tez­za del­la noti­zia di rea­to e girar­la com’e­ra al Tri­bu­na­le dei Ministri.

Poi sareb­be spet­ta­to a que­st’ul­ti­mo chie­de­re l’ar­chi­via­zio­ne se la noti­zia fos­se sta­ta giu­ri­di­ca­men­te infon­da­ta oppu­re, in caso con­tra­rio, l’au­to­riz­za­zio­ne a pro­ce­de­re al parlamento.

Inve­ce la pro­cu­ra di Cata­nia ha fat­to le veci non solo del tri­bu­na­le ma anche del par­la­men­to pre­scin­den­do dal­la valu­ta­zio­ne giu­ri­di­ca del fat­to, che però vie­ne dato impli­ci­ta­men­te per avve­nu­to, e ha addot­to la cau­sa di giu­sti­fi­ca­zio­ne di com­pe­ten­za del pote­re politico.

Ora, que­sto voler fare tut­te le par­ti in com­me­dia ha avu­to una for­te eco media­ti­ca ma non ha alcun valo­re giu­ri­di­co, per­ché è il Tri­bu­na­le dei Mini­stri l’u­ni­co orga­no depu­ta­to a chie­de­re l’ar­chi­via­zio­ne e il par­la­men­to quel­lo che even­tual­men­te può oppor­re la tute­la del­l’in­te­res­se del­lo stato.

Una moti­va­zio­ne giu­ri­di­ca­men­te inu­ti­le di un atto dovu­to, se non per ave­re anco­ra una vol­ta a dispo­si­zio­ne le pri­me pagi­ne dei gior­na­li, come per le inglo­rio­se inchie­ste sul­le ONG.

In atte­sa di sape­re cosa deci­de­rà in pie­na auto­no­mia il Tri­bu­na­le dei Mini­stri, non si capi­sce per­ché qual­cu­no dovreb­be chie­de­re scu­sa a Sal­vi­ni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.