La manovra è un calcio al barattolo

Ubi con­do­num faciunt, pacem fisca­lem appellant

Non chia­ma­te­lo con­do­no! Guai a voi!

È pace fisca­le, la prag­ma­ti­ca pre­sa d’at­to di una situa­zio­ne trop­po ingar­bu­glia­ta per esse­re risol­ta. Di più, la giu­sta com­pen­sa­zio­ne per un siste­ma che non solo è trop­po dif­fi­ci­le, è ves­sa­to­rio nei con­fron­ti del con­tri­buen­te.

Que­sta la tesi del gover­no gial­lo­VER­DE, andan­do a rias­su­me­re, a sem­pli­fi­ca­re, come pia­ce a loro. Ragio­nia­mo­ci un momen­to, schiet­ti, pane al pane vino al vino, come pia­ce a loro.

La tesi del gover­no sareb­be discu­ti­bi­le per­si­no dal­le pre­mes­se, come in mol­ti han­no fat­to nota­re in que­sti gior­ni di discus­sio­ne del decre­to fisca­le. A par­ti­re dal fat­to che il gover­no più secu­ri­ta­rio e fau­to­re del­lo sta­to for­tis­si­mo, quel­li che pren­de­reb­be­ro le impron­te pure per entra­re nei bagni pub­bli­ci e che vor­reb­be­ro nazio­na­liz­za­re la qua­lun­que, ten­do­no a mostra­re una mor­bi­dez­za e una com­pren­sio­ne smi­su­ra­ta nei con­fron­ti di uno degli ille­ci­ti più dif­fu­si nel pae­se, che peral­tro por­ta ingen­ti dan­ni alle cas­se di quel­lo sta­to a cui loro sem­bra­no voler avo­ca­re tut­to (ora che sono al governo).

Per non par­la­re del fat­to che men­tre si par­la di un (timi­do, mode­stis­si­mo, mal con­ge­gna­to) inter­ven­to di soste­gno al red­di­to, che in qual­che modo andrà pure finan­zia­to, si abbas­sa­no le tas­se solo a una fet­ta del­la popo­la­zio­ne e si per­met­te a chi non le ha paga­te di far­lo solo in mini­ma par­te.

Ma la con­trad­di­zio­ne, a mio mode­sto avvi­so, è più pro­fon­da. Qua­li sono i pia­ni del nostro gover­no per il fisco? Cos’­han­no in men­te, dav­ve­ro? Che siste­ma imma­gi­na­no? Come pen­sa­no di finan­zia­re non dico le loro mira­bo­lan­ti pro­mes­se, ma per­si­no l’or­di­na­ria ammi­ni­stra­zio­ne del paese?

Non è una doman­da reto­ri­ca. Il sot­tin­te­so del­la “pace fisca­le”, è che il nostro fisco è sba­glia­to e ingiu­sto. Ves­sa­to­rio e trop­po com­ples­so. Un assun­to su cui, in par­te, si può esse­re per­si­no d’accordo.

Ma nel momen­to in cui un gover­no dice che per sana­re la situa­zio­ne ci vuo­le un con­do­no (dai, lo chia­mia­mo così, non ce la fac­cio più), vuol dire che su que­sto siste­ma vuo­le inter­ve­ni­re. Pesan­te­men­te, radicalmente.

Ecco, sarò io, ma non mi sem­bra di vede­re nul­la di tut­to que­sto. Non mi ver­re­te mica a dire che il gran­de pia­no per il fisco del gover­no gial­lo­VER­DE è quel­la roba che han­no chia­ma­to Flat Tax, vero?

Per cari­tà, io sono una Par­ti­ta Iva che ope­ra in regi­me for­fet­ta­rio, dovrei dire “lascia­te­li lavo­ra­re!”, visto che sono uno dei pochi for­tu­na­ti a cui han­no innal­za­to il tet­to del fat­tu­ra­to entro cui potrò resta­re nel mio regi­me (una deplo­re­vo­le inven­zio­ne del­l’in­no­mi­na­bi­le For­ne­ro, non so se lo sapete).

Inve­ce no. Sarà per­ché sono un gufo sini­stro, un a‑sociale, o una di quel­le robe da cre­ti­net­ti del­le medie che scri­ve il (vice)premier Sal­vi­ni ogni tre minu­ti su Twit­ter inve­ce di anda­re a lavo­ra­re, ma mi sem­bra una mez­za pre­sa per il culo per me, e un gigan­te­sco dito medio a tut­ti gli altri.

Io, oltre alla tas­sa più o meno flat, con­ti­nue­rò a dare il 27% di tut­to quel­lo che fat­tu­ro all’INPS per una pen­sio­ne che sareb­be ridi­co­la di per sé e che for­se non rice­ve­rò nep­pu­re, nel frat­tem­po finan­zie­rò alle­gra­men­te quel­le di tut­ti i for­tu­na­ti con il siste­ma retri­bu­ti­vo (e maga­ri con le baby pen­sio­ni) che rom­po­no i coglio­ni sui gio­va­ni sfa­ti­ca­ti e sui neri che stan­no in giro a far nulla.
Non mi pare che al gover­no su que­sto abbia­no inten­zio­ne di sem­pli­fi­ca­re o di risol­ve­re un bel nul­la, ammes­so che que­sti gran­di lavo­ra­to­ri sap­pia­no per­si­no cosa sia la gestio­ne sepa­ra­ta e quan­to sareb­be com­ples­so e uti­lis­si­mo inter­ve­ni­re una vol­ta per tut­te sul nostro siste­ma pre­vi­den­zia­le, di cui han­no man­da­to a memo­ria solo “abo­li­zio­ne del­la Fornero”.

Non mi pare ci sia alcu­na volon­tà di inter­ven­to sul lavo­ro dipen­den­te, a cui toglie­ran­no per­si­no la man­cet­ta ren­zia­na degli 80 euro, ma non solo: io sono for­fet­ta­rio e non pos­so detrar­re nul­la, ma con la revi­sio­ne del siste­ma di detra­zio­ni e dedu­zio­ni, per gli altri con­tri­buen­ti arri­ve­rà una bel­la sor­pre­so­na, altro che meno tasse.

Nel frat­tem­po, il gran­de inter­ven­to sul­la enor­me tas­sa­zio­ne indi­ret­ta che schiac­cia in par­ti­co­la­re le fasce più debo­li, è sva­ni­to nel nul­la. Ad esem­pio, Sal­vi­ni ave­va pro­mes­so di por­ta­re la ben­zi­na a costa­re meno del vino del­la casa nel­le oste­rie del tri­ve­ne­to, ma dice che non gover­na da solo e quin­di nisba. Ave­te sen­ti­to par­la­re di altri inter­ven­ti? Ve ne dico io uno: con la revi­sio­ne del­le assi­cu­ra­zio­ni auto che han­no in men­te, io che vivo nel Friu­li Vene­zia Giu­lia paghe­rò fino al 30% in più la mia RCAu­to, e così sarà nel­la mag­gior par­te del­le regio­ni del nord. Grazie.

Nel frat­tem­po, tagli su tagli ai tra­sfe­ri­men­ti alle regio­ni, che già sono qua­si tut­te gover­na­te dal­la destra se non pro­prio dai leghi­sti, e che si stan­no ado­pe­ran­do a sman­tel­la­re i ser­vi­zi pub­bli­ci (lad­do­ve ne fos­se­ro rima­sti), per evi­ta­re di far sen­ti­re in col­pa quel­li che li usa­no sen­za paga­re le tas­se, immagino.

Quin­di, rias­su­men­do, la poli­ti­ca fisca­le del gover­no è: c’è da sana­re un siste­ma di mer­da, che però voglia­mo in lar­ghis­si­ma par­te tene­re com’è. Per­met­te­re­mo a un po’ di azien­de e di par­ti­te iva di fat­tu­ra­re di più pagan­do meno, fare­mo un bel con­do­no, e via un cal­cio al barat­to­lo ver­so il 2019, che tan­to poi si vota di nuo­vo e si ripar­te con le promesse.

Dav­ve­ro non vi sen­ti­te, anco­ra una vol­ta, pre­si in giro?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.