Decreti sicurezza: non c’è bis senza ter

Allo stato, queste annunciate “modifiche” cambiano poco o nulla, confermano l’impianto politico dei provvedimenti precedenti, e mettono la maggioranza “giallorossa” in piena continuità con quella “gialloverde”.
luciana-lamorgese-ministra

[vc_row][vc_column][vc_column_text]La Repub­bli­ca elen­ca nell’edizione odier­na qua­li sareb­be­ro i cam­bia­men­ti che la mini­stra Lamor­ge­se inten­de por­ta­re ai decre­ti sicu­rez­za, a suo tem­po volu­ti da Sal­vi­ni e con­ver­ti­ti in leg­ge dal­la pre­ce­den­te mag­gio­ran­za gialloverde.

L’intento dichia­ra­to sareb­be quel­lo di rece­pi­re le “osser­va­zio­ni” del Pre­si­den­te Mat­ta­rel­la all’atto del­la fir­ma del decre­to sicu­rez­za bis in data 8 ago­sto 2019. Il Pre­si­den­te, a quel­le osser­va­zio­ni cri­ti­che, ave­va tut­ta­via pre­mes­so: “Al di là del­le valu­ta­zio­ni nel meri­to del­le nor­me, che non com­pe­to­no al Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca…”, pre­ci­san­do così come le sue valu­ta­zio­ni fos­se­ro di carat­te­re pura­men­te tec­ni­co, lega­te alla coe­ren­za costi­tu­zio­na­le, a cri­te­ri di ragio­ne­vo­lez­za igno­ra­ti, al rischio di intro­dur­ne altri del tut­to discre­zio­na­li, in un’ottica di com­pa­ti­bi­li­tà del­le nor­me fra loro. Ma in osse­quio al suo ruo­lo alcu­na cri­ti­ca poli­ti­ca era sta­ta sol­le­va­ta sull’impianto nor­ma­ti­vo.

Per­tan­to, pri­ma anco­ra di esa­mi­na­re le pos­si­bi­li modi­fi­che, la stes­sa pre­mes­sa del­la mini­stra infor­ma che l’impianto nor­ma­ti­vo, e quin­di la filo­so­fia poli­ti­ca, la ratio legis, dei due decre­ti Sal­vi­ni riman­go­no immu­ta­ti, sia nel pre­sup­po­sto, pro­teg­ge­re il Pae­se da un’invasione che non esi­ste, che nel­le con­se­guen­ze, limi­ta­re a prio­ri e in varie moda­li­tà i dirit­ti costi­tu­zio­na­li di esse­ri uma­ni che arri­va­no in Ita­lia, non­ché dei cit­ta­di­ni ita­lia­ni, nel­la par­te che li riguar­da, lega­ta a tute­la del “deco­ro” urba­no e dirit­to di manifestare.

Le anti­ci­pa­zio­ni con­fer­ma­no la premessa.

Ridur­re arit­me­ti­ca­men­te l’importo del­le mul­te alle navi del­le ONG, sen­za eli­mi­na­re il pote­re di impe­di­re discre­zio­nal­men­te lo sbar­co di nau­fra­ghi rac­col­ti in mare nel por­to sicu­ro più vici­no, secon­do le con­ven­zio­ni inter­na­zio­na­li, di ran­go supe­rio­re alla leg­ge ordi­na­ria, signi­fi­ca con­fer­ma­re l’illegalità e l’arbitrarietà. Mul­te che riman­go­no ille­git­ti­me indi­pen­den­te­men­te dal­la som­ma richie­sta, come con­fer­ma­to dai prov­ve­di­men­ti giudiziari.

Par­la­re di rispri­sti­no del­la cor­ni­ce nor­ma­ti­va che affer­ma come impre­scin­di­bi­li gli obbli­ghi costi­tu­zio­na­li e inter­na­zio­na­li anche nel­la valu­ta­zio­ne del­le richie­ste di pro­te­zio­ne da par­te dei migran­ti, è una tau­to­lo­gia che non signi­fi­ca nul­la, poi­ché que­gli obbli­ghi non sono sta­ti scal­fi­ti, né potreb­be­ro esser­lo, data la loro natu­ra di nor­ma di ran­go supe­rio­re, dai “decre­ti sicurezza”.

L’unico aspet­to posi­ti­vo potreb­be esse­re rela­ti­vo ai modi e tem­pi di esa­me del­le doman­de, ma è pre­ma­tu­ro valu­ta­re come ciò pos­sa avve­ni­re in un con­te­sto nor­ma­ti­vo in cui tut­ta la pro­ce­du­ra lega­ta alle istan­ze del migran­te è osta­co­la­ta dal pun­to di vista giu­di­zia­rio, ivi com­pre­sa la com­pres­sio­ne pro­ces­sua­le dei suoi dirit­ti con l’eliminazione dell’appello.

Irri­le­van­te anche la que­stio­ne lega­ta alla distin­zio­ne, quan­to ai pub­bli­ci uffi­cia­li, fra tuto­ri dell’ordine pub­bli­co, magi­stra­ti e sem­pli­ci fun­zio­na­ri, come le mae­stre ele­men­ta­ri, segno tan­gi­bi­le dell’ignoranza legi­sla­ti­va gialloverde.

Allo sta­to, quin­di, que­ste annun­cia­te “modi­fi­che” cam­bia­no poco o nul­la, con­fer­ma­no l’impianto poli­ti­co dei prov­ve­di­men­ti pre­ce­den­ti, e met­to­no la mag­gio­ran­za “gial­lo­ros­sa” in pie­na con­ti­nui­tà con quel­la “gial­lo­ver­de”.

Del resto sia un colo­re che il pre­mier sono rima­sti ugua­li, lo stu­po­re dovreb­be arri­va­re osser­van­do chi pri­ma ha cri­ti­ca­to dura­men­te que­ste nor­me, e ora, a quan­to pare, si pre­pa­ra a rati­fi­car­le con un po’ di cipria e belletto.

Ma ormai, dopo la con­fer­ma dei trat­ta­ti con la Libia e quel­la più recen­te sull’acquisto dei cac­cia F35, non ci si stu­pi­sce più di nulla.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.