Danimarca, dove il mondo dei diritti esiste

Tutto questo e molto altro, per dire che un altro mondo dei diritti è possibile. E da qualche parte esiste perfino. Basta volerlo fare.

I dirit­ti di lesbi­che, gay, bises­sua­li e tran­sgen­der (LGBT) nel Regno di Dani­mar­ca sono tra i più este­si al mondo.

In Dani­mar­ca, l’at­ti­vi­tà ses­sua­le tra per­so­ne del­lo stes­so ses­so è sta­ta lega­liz­za­ta nel 1933 e dal 1977 l’età del con­sen­so è sta­ta ugual­men­te fis­sa­ta a 15 anni, indi­pen­den­te­men­te dal­l’o­rien­ta­men­to ses­sua­le o dal gene­re. La Dani­mar­ca è sta­to il pri­mo pae­se al mon­do a con­ce­de­re il rico­no­sci­men­to giu­ri­di­co alle unio­ni omo­ses­sua­li sot­to for­ma di unio­ni civi­li nel 1989. Il 7 giu­gno 2012 la leg­ge è sta­ta sosti­tui­ta da una nuo­va leg­ge sul matri­mo­nio tra per­so­ne del­lo stes­so ses­so, entra­ta in vigo­re il 15 giu­gno 2012.

La discri­mi­na­zione sul­la base del­l’o­rien­ta­men­to ses­sua­le è sta­ta com­ple­ta­men­te vie­ta­ta nel 1996. La Dani­mar­ca ha con­sen­ti­to alle cop­pie del­lo stes­so ses­so di adot­ta­re con­giun­ta­men­te dal 2010, men­tre in pre­ce­den­za con­sen­ti­va l’a­do­zio­ne di figlia­stri e dirit­ti di cotu­te­la limi­ta­ti per i geni­to­ri non biologici.

Il 2 giu­gno 2006 la mag­gio­ran­za del Fol­ke­ting si è pro­nun­cia­ta con­tro la leg­ge, in vigo­re dal 1997, che vie­ta­va l’in­se­mi­na­zio­ne arti­fi­cia­le alle lesbi­che e ha per­mes­so così alle cop­pie lesbi­che l’ac­ces­so alle ban­che del seme.

Come gli altri Pae­si scan­di­na­vi, la Dani­mar­ca è oggi tra i pae­si social­men­te più libe­ra­li al mon­do, con recen­ti son­dag­gi che indi­ca­no che una gran­de mag­gio­ran­za di dane­si sostie­ne il matri­mo­nio tra per­so­ne del­lo stes­so ses­so e l’adozione per indi­vi­dui LGBT.

Secon­do un son­dag­gio di opi­nio­ne all’in­ter­no del­la UE, nel 2006 il 69% dei dane­si è favo­re­vo­le alle unio­ni civi­li tra per­so­ne del­lo stes­so ses­so; La Dani­mar­ca è al ter­zo posto dopo i Pae­si Bas­si (82%) e la Sve­zia (71%) [1]. Secon­do il son­dag­gio, il 44% dei dane­si sareb­be d’ac­cor­do con il dirit­to all’a­do­zio­ne. L’a­do­zio­ne con­giun­ta di figli ille­git­ti­mi da par­te del­le cop­pie part­ner è sta­ta auto­riz­za­ta dal par­la­men­to dane­se il 18 mar­zo 2009.

Cope­n­ha­gen è spes­so indi­ca­ta come una del­le cit­tà più gay-friend­ly del mon­do, famo­sa per la  annua­le para­ta del Pri­de. La più anti­ca orga­niz­za­zio­ne LGBT del­la Dani­mar­caLGBT Dan­mark , è sta­ta fon­da­ta nel 1948, con il nome di Kred­sen af 1948 (Il Cir­co­lo del 1948).

Le per­so­ne LGBT pos­so­no anche ser­vi­re nel­l’e­ser­ci­to danese.

La leg­ge dane­se vie­ta, tra le altre cate­go­rie, la discri­mi­na­zio­ne basa­ta sul­l’o­rien­ta­men­to ses­sua­le e sul­l’i­den­ti­tà o espres­sio­ne di gene­re. La leg­ge sul divie­to di dispa­ri­tà di trat­ta­men­to nel mer­ca­to del lavo­ro (Lov om for­bud mod for­skel­sbe­hand­ling på arbe­jd­smar­ke­det [2]), adot­ta­ta nel 1996, defi­ni­sce la “discri­mi­na­zio­ne” come segue:

discri­mi­na­zio­ne indi­ca qual­sia­si discri­mi­na­zio­ne diret­ta o indi­ret­ta basa­ta su raz­za, colo­re del­la pel­le, reli­gio­ne, opi­nio­ni poli­ti­che, orien­ta­men­to ses­sua­le o ori­gi­ne nazio­na­le, socia­le o etnica.

L’i­den­ti­tà o l’e­spres­sio­ne di gene­re non è elen­ca­ta in modo espli­ci­to, ma una sen­ten­za del tri­bu­na­le del 2015, in cui una don­na tran­sgen­der ha inten­ta­to una cau­sa con­tro il suo ex dato­re di lavo­ro per pre­sun­ta discri­mi­na­zio­ne, ha affer­ma­to che l’i­den­ti­tà o l’e­spres­sio­ne di gene­re è inclu­sa nel­la leg­ge. [3]

Nel 2008 è sta­ta appro­va­ta la leg­ge sul­la com­mis­sio­ne per la pari­tà di trat­ta­men­to (Lov om Lige­be­hand­ling­snæ­v­net [4]) che isti­tui­sce la rela­ti­va com­mis­sio­ne. Ai sen­si del­la leg­ge, il con­si­glio “pren­de­rà in con­si­de­ra­zio­ne i recla­mi per dispa­ri­tà di trat­ta­men­to per moti­vi di gene­re, raz­za, colo­re del­la pel­le, reli­gio­ne o con­vin­zio­ni per­so­na­li, opi­nio­ni poli­ti­che, orien­ta­men­to ses­sua­le, età, disa­bi­li­tà o ori­gi­ne nazio­na­le, socia­le o etnica”.

Inol­tre, la Dani­mar­ca pos­sie­de una legi­sla­zio­ne sui cri­mi­ni d’o­dio, a segui­to del­le modi­fi­che al codi­ce pena­le nel 2004, che pre­ve­de san­zio­ni aggiun­ti­ve per i cri­mi­ni com­mes­si con­tro le per­so­ne a cau­sa del loro orien­ta­men­to ses­sua­le. [5]

La Chie­sa lute­ra­na dane­se per­met­te alle cop­pie di qua­lun­que ses­so di spo­sar­si in chie­sa, con i mede­si­mi dirit­ti. Tra que­sti, la pos­si­bi­li­tà di non dichia­ra­re il pro­prio orien­ta­men­to né la pro­pria iden­ti­tà sui docu­men­ti matri­mo­nia­li rila­scia­ti dopo la ceri­mo­nia. La chie­sa non ha osta­co­la­to la leg­ge sui matri­mo­ni omo­ses­sua­li (2012), e il gran­de ritar­do con cui essa ha segui­to la leg­ge sul­le unio­ni civi­li (1989) è dovu­to soprat­tut­to a disin­te­res­se da par­te del­la popo­la­zio­ne, quan­to al fat­to che la leg­ge del 1989 con­ce­de­va mol­ti dirit­ti alle cop­pie non ete­ro­ses­sua­li. Solo una mino­ran­za (che via via è cre­sciu­ta nume­ri­ca­men­te negli anni) si è bat­tu­ta per un ulte­rio­re allar­ga­men­to dei dirit­ti, a par­ti­re dagli anni ’90.

La Dani­mar­ca è un pae­se scar­sa­men­te reli­gio­so. Lo Sta­to fa poli­ti­ca atti­va sui temi ine­ren­ti al ses­so, per esem­pio l’a­bor­to: incen­ti­vi eco­no­mi­ci sono a dispo­si­zio­ne del­le don­ne che voglio­no abor­ti­re in caso di mal­for­ma­zio­ne del feto, in caso di gesta­zio­ne dovu­ta a stu­pro, e in caso di pro­ble­mi accla­ra­ti di salu­te men­ta­le del­la gestan­te, e la Chie­sa si alli­nea allo Sta­to anche in que­sto, e sostie­ne l’op­por­tu­ni­tà del­la libe­ra scel­ta. Non si trat­ta di euge­ne­ti­ca, ma di cura e atten­zio­ne ver­so il disa­gio sociale.

L’educazione ses­sua­le a scuo­la inclu­de infor­ma­zio­ni su ses­so sicu­ro, pre­ven­zio­ne con­tro le infe­zio­ni ses­sual­men­te tra­smis­si­bi­li, abor­to, con­trac­ce­zio­ne, puber­tà, rela­zio­ni ses­sua­li, vita fami­lia­re, gene­re e ses­sua­li­tà e diver­si­tà. Le lezio­ni di edu­ca­zio­ne ses­sua­le sono obbli­ga­to­rie in tut­te le scuo­le pub­bli­che pri­ma­rie e secon­da­rie e trat­ta­no anche altri pro­ble­mi di salu­te, tra cui l’u­so di dro­ghe e alcol.

Secon­do un rap­por­to pub­bli­ca­to nel­l’a­go­sto 2019, l’89% degli inter­vi­sta­ti LGBT ha rife­ri­to di non esse­re sta­to discri­mi­na­to o mole­sta­to sul posto di lavo­ro, il 78% è sta­to com­ples­si­va­men­te sod­di­sfat­to del pro­prio lavo­ro e il 69% ha dichia­ra­to di esse­re aper­to riguar­do al pro­prio orien­ta­men­to ses­sua­le con i col­le­ghi. Solo il 9% ritie­ne di non poter esse­re aper­to sul pro­prio orien­ta­men­to ses­sua­le e l’8% ha dichia­ra­to di esse­re sta­to vit­ti­ma di discri­mi­na­zio­ni e mole­stie. [6]

Tut­to que­sto e mol­to altro, per dire che un altro mon­do dei dirit­ti è pos­si­bi­le. E da qual­che par­te esi­ste per­fi­no. Basta voler­lo fare.

°°°°°

NOTE

1 365gay.com: Euro­pe Split On Gay Marriage

2 https://bm.dk/media/9577/vejledning-om-forskelsbehandlingsloven.pdf

3 https://panbloggen.wordpress.com/2015/07/29/michelle-var-udsat-for-diskrimination-som-transkvinde/

4 https://www.retsinformation.dk/eli/lta/2016/1230

5 https://www.retsinformation.dk/eli/lta/2020/349

6 https://www.alsresearch.dk/uploads/Rapport_LGBT%20Arbejdsmarkedet.pdf

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.