Fuori dalle balle (del referendum lombardo)

Il referendum è uno strumento che deve stare saldamente nelle mani del popolo, perché questo possa rivendicare la propria sovranità. Se diventa uno strumento nelle mani del potere, allora il fine diventa plebiscitario

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1508491778459{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Come abbia­mo già avu­to modo di spie­ga­re il refe­ren­dum lom­bar­do per l’au­to­no­mia è una gran far­sa, a par­ti­re dal que­si­to stes­so, col qua­le si chie­de ai lom­bar­di (e ai vene­ti) se voglio­no che la Regio­ne vada a Roma a con­trat­ta­re «ulte­rio­ri for­me e con­di­zio­ni par­ti­co­la­ri di auto­no­mia» su oltre ven­ti mate­rie, che van­no dai rap­por­ti con l’Ue all’i­stru­zio­ne, dal­l’a­li­men­ta­zio­ne alla giu­sti­zia di pace.

Si trat­ta pra­ti­ca­men­te di una dele­ga in bian­co, per con­trat­ta­re di tut­to e di più, tan­to che alla fine non si capi­sce nep­pu­re per che cosa si vada a vota­re. Potrei — ad esem­pio — esse­re d’ac­cor­do sul fat­to che la Regio­ne abbia mag­gio­ri com­pe­ten­ze sul­le «gran­di reti di tra­spor­to», così potran­no con­ti­nua­re a costrui­re gran­di auto­stra­de deser­te, o sul­la tute­la del­la salu­te, così potran­no por­ta­re a ter­mi­ne l’o­pe­ra di costru­zio­ne del­l’im­pe­ro pri­va­to del­la sani­tà lom­bar­da. Ma potrei non esse­re d’ac­cor­do su mag­gio­ri com­pe­ten­ze in altre materie.

Insom­ma, non si capi­sce su cosa si stia votan­do e vie­ne il sospet­to che non l’ab­bia capi­to nem­me­no la Regio­ne, dato che ha riem­pi­to il suo sito inter­net di vere e pro­prie bal­le galat­ti­che, che — nel­la loro testa — dovreb­be­ro chia­ri­re i dub­bi, e inve­ce sono sol­tan­to dei fake, cer­ti­fi­ca­ti da un’i­sti­tu­zio­ne. E han­no tan­to il sapo­re di cam­pa­gna elet­to­ra­le anti­ci­pa­ta. Vedia­mo­ne alcune.

«Già in pas­sa­to, infat­ti, il Gover­no lom­bar­do ha pro­va­to, sen­za suc­ces­so, la stra­da del­la trat­ta­ti­va con lo Sta­to […]. In par­ti­co­la­re, negli anni pas­sa­ti sono sta­te avan­za­te richie­ste al Gover­no nazio­na­le, che non han­no otte­nu­to rispo­ste sod­di­sfa­cen­ti. Per que­sto moti­vo si è deci­so di ricor­re­re alla legit­ti­ma­zio­ne popo­la­re e demo­cra­ti­ca, per poter ave­re più pote­re negoziale».

Sì, il Con­si­glio regio­na­le lom­bar­do ha già espres­so que­sta indi­ca­zio­ne die­ci (die­ci!) anni fa e basta­va quel­la, nel sen­so che non è neces­sa­rio alcun refe­ren­dum, se non per cele­bra­re il decen­na­le di quel­la scel­ta al costo di 50 milio­ni di euro. Il gover­no Pro­di accet­tò le richie­ste e avviò le trat­ta­ti­ve, che furo­no bru­sca­men­te inter­rot­te quan­do al gover­no, nel 2008, ci andò la Lega! Rac­con­ta Rober­to For­mi­go­ni: «ven­ni con­vo­ca­to ad Arco­re dove, pre­sen­ti gli allo­ra mini­stri Zaia e Maro­ni, mi ven­ne posto dal pre­mier il veto su que­sto argo­men­to». Capi­te? Le rispo­ste non sod­di­sfa­cen­ti se le sono date loro, e ora voglio­no la nostra “legit­ti­ma­zio­ne popo­la­re e demo­cra­ti­ca”, come se non bastas­se aver vin­to le regio­na­li pro­met­ten­do di man­te­ne­re il 75% del­le tas­se in Lom­bar­dia.

Se vin­ce il Sì, «Regio­ne Lom­bar­dia avvie­rà il per­cor­so isti­tu­zio­na­le per otte­ne­re mag­gio­re auto­no­mia, vale a dire più com­pe­ten­ze e più risor­se, nell’ambito del cosid­det­to RESIDUO FISCALE, ovve­ro la dif­fe­ren­za tra le tas­se paga­te allo Sta­to e quan­to lo Sta­to resti­tui­sce sul territorio».

Bal­le. La mate­ria fisca­le non è tra le com­pe­ten­ze ogget­to del refe­ren­dum e non può nep­pu­re esse­re ogget­to di refe­ren­dum. Bal­le al quadrato.

Col voto elet­tro­ni­co si ha «la garan­zia del­la segre­tez­za e del­la sicu­rez­za del voto».

Altra bal­la. Il voto elet­tro­ni­co offre scar­se garan­zie, che si ridu­co­no ai mini­mi ter­mi­ni se pen­sia­mo che la socie­tà che gesti­rà le ope­ra­zio­ni è la più scre­di­ta­ta del mon­do.

Sic­co­me oltre ven­ti mate­rie non sono abba­stan­za e sic­co­me — soprat­tut­to — biso­gna met­ter­ci un piz­zi­co di immi­gra­ti, «La Lom­bar­dia inten­de altre­sì eser­ci­ta­re un’energica azio­ne poli­ti­ca al fine di otte­ne­re un’ancora più ampia com­pe­ten­za da decli­na­re sul pro­prio ter­ri­to­rio in mate­ria di sicu­rez­za, immi­gra­zio­ne ed ordi­ne pubblico».

Fal­so. Sono com­pe­ten­ze esclu­si­ve del­lo Sta­to. Da segna­la­re che For­mi­go­ni (ci toc­ca cita­re For­mi­go­ni, pen­sa te…), nel 2007, indi­vi­duò dodi­ci mate­rie da por­ta­re al tavo­lo del­le contrattazioni.

Dopo aver­ci spie­ga­to che cos’è il «RESIDUO FISCALE» (lo scri­vo­no sem­pre in maiu­sco­lo), dico­no che «A segui­to dell’esito posi­ti­vo del refe­ren­dum la Regio­ne si pro­po­ne di trat­te­ne­re alme­no la metà del RESIDUO FISCALE (vale a dire 27 miliar­di) per finan­zia­re le nuo­ve com­pe­ten­ze ogget­to di trat­ta­ti­va con il Governo».

Il «RESIDUO FISCALE» non c’en­tra nul­la, l’ab­bia­mo già spie­ga­to. Altra bal­la al qua­dra­to.

Come si dice a que­ste lati­tu­di­ni «föra di ball», cara Regio­ne Lom­bar­dia. Il refe­ren­dum è uno stru­men­to che deve sta­re sal­da­men­te nel­le mani del popo­lo, per­ché que­sto pos­sa riven­di­ca­re la pro­pria sovra­ni­tà, tem­po­ra­nea­men­te dele­ga­ta. Se diven­ta uno stru­men­to nel­le mani del pote­re, allo­ra il fine diven­ta ple­bi­sci­ta­rio, sna­tu­ran­do la natu­ra stes­sa del­l’i­sti­tu­to e svi­len­do l’im­por­tan­za del voto.

Non par­te­ci­pia­mo alla far­sa, lascia­mo­li alle loro bal­le.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.