Dal cratere sismico, un appello per rimettere in piedi il paese

Sono tra­scor­si due anni.
Due anni da quan­do una lun­ga feri­ta sul­la cro­sta ter­re­stre ha por­ta­to deva­sta­zio­ne e mor­te in 140 Comu­ni del Cen­tro Ita­lia.
Due anni di paro­le, di pro­mes­se, di passerelle.
Due anni di tan­ta gene­ro­si­tà e soli­da­rie­tà, alle qua­li però non ha sapu­to cor­ri­spon­de­re un’azione isti­tu­zio­na­le all’altezza.

In que­sti due anni Pos­si­bi­le ha pro­va­to sem­pre a fare la sua par­te, por­tan­do aiu­ti, atten­zio­ne, lavo­ro poli­ti­co e uma­ni­ta­rio. Quel­lo che un par­ti­to dovreb­be fare, quel­lo che sap­pia­mo fare. Ma dopo due anni le paro­le che più ci ripe­to­no quan­do andia­mo in quei luo­ghi sono anco­ra: “deso­la­zio­ne e abban­do­no”.
È sot­to gli occhi di tut­ti come, in due anni, i pas­si avan­ti sia­no sta­ti mini­mi. Se qual­cu­no è riu­sci­to a rial­zar­si l’ha fat­to da solo con i pro­pri mez­zi, ma tan­ti, tan­tis­si­mi non ce l’hanno fat­ta. Mol­ti comin­cia­no a cede­re e tut­ti guar­da­no al futu­ro con angoscia.

Dopo due anni, è incre­di­bi­le dir­lo, non è anco­ra ter­mi­na­ta la fase di emergenza.
In un momen­to in cui ogni gior­no ci si inven­ta una nuo­va emer­gen­za fin­ta, l’emergenza vera non l’affronta nes­su­no.
Dopo due anni ci sono anco­ra mol­te per­so­ne che vivo­no in roulotte.
Dopo due anni sono anco­ra miglia­ia gli sfollati.

Dopo due anni è del tut­to evi­den­te che que­sto Pae­se non è sta­to e non è all’altezza di quel­lo che è suc­ces­so, che non c’è una visio­ne di insie­me e di pro­spet­ti­va, che for­se non c’è una rea­le volon­tà di rico­stru­zio­ne, che l’abbandono e lo spo­po­la­men­to di lar­ga par­te dell’Appennino sono ogni gior­no di più dram­ma­ti­che real­tà e il malaf­fa­re tro­va uno spa­zio di azio­ne sem­pre più ampio.

E tut­to que­sto, secon­do noi, non riguar­da “sol­tan­to” i 140 comu­ni del cra­te­re, ma ha a che vede­re con l’intero Pae­se e tut­ti noi. Per­ché è l’Italia tut­ta ad esse­re spa­ven­ta­ta e bloc­ca­ta dal­la pau­ra. Per­ché è tut­to il Pae­se che ha biso­gno di una radi­ca­le ricostruzione.

E allo­ra, sic­co­me tra un dibat­ti­to sull’inesistenza del­la sini­stra e l’altro da qual­che par­te biso­gna rico­min­cia­re, noi rico­min­cia­mo da qui.
Non tra altri due anni, ma a fine set­tem­bre. Nel­le Mar­che, nel cuo­re del cra­te­re che con­ta il mag­gior nume­ro dei comu­ni col­pi­ti e di cui non si par­la mai, che qua­si nes­su­no cono­sce. Non fare­mo una pas­se­rel­la, non ci lasce­re­mo anda­re alla con­tem­pla­zio­ne del dolo­re, non fare­mo acco­ra­ti appel­li, ma comin­ce­re­mo a rico­strui­re sul serio. Un mat­to­ne per vol­ta. Non sarà un even­to fine a se stes­so ma una vera e pro­pria comu­ni­ca­zio­ne di ini­zio lavo­ri. Sarà l’occasione per dare un appun­ta­men­to a tut­ti quel­li che han­no voglia di rim­boc­car­si le mani­che e fare la pro­pria par­te, a chi ha una pro­po­sta rima­sta ina­scol­ta­ta, a chi ha qual­co­sa da dire, a chi vuo­le ascol­ta­re, a chi ha un pro­get­to da rea­liz­za­re, a chi ha una sto­ria da far cono­sce­re, una visio­ne da con­di­vi­de­re, un esem­pio da dif­fon­de­re, un’esperienza da mutuare.

Stia­mo coin­vol­gen­do le isti­tu­zio­ni loca­li e un grup­po di pri­va­ti dispo­sti dar­ci una mano. Abbia­mo un pro­get­to con­cre­to e lo por­te­re­mo avan­ti dal­le fon­da­men­ta al tet­to per dimo­stra­re che la pau­ra si bat­te sol­tan­to con il corag­gio, che la sta­si si vin­ce con l’azione e che la sini­stra avrà un futu­ro sol­tan­to se smet­te­rà di chiac­chie­ra­re e comin­ce­rà a fare sul serio.

Que­sto è un appel­lo a chi vuo­le par­te­ci­pa­re con noi a rimet­te­re in pie­di que­sto Pae­se. Mol­to pre­sto vi fare­mo sape­re il luo­go e la data di ini­zio lavo­ri. Ci tro­ve­re­te lì, sarà faci­le rico­no­scer­ci, sia­mo quel­li che han­no ini­zia­to a fare ciò che non si può più rimandare.
Vi aspet­tia­mo, per­ché c’è biso­gno di teste e di brac­cia per tira­re fuo­ri l’Italia dal­la deso­la­zio­ne e dall’abbandono.

 

 

 

 

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.