Culle di cemento — La Pandemia non ferma il consumo di suolo

La pan­de­mia non fer­ma il con­su­mo di suo­lo: que­sta è l’amarissima con­si­de­ra­zio­ne a fron­te dei dati aggior­na­ti al 2020. Qua­lo­ra fos­se­ro man­te­nu­ti i rit­mi di con­su­mo moni­to­ra­ti dall’inizio degli anni 2000, le pre­vi­sio­ni per i pros­si­mi anni saran­no anco­ra peggiori.

I nume­ri del con­su­mo di suo­lo, dram­ma­ti­ci dovreb­be­ro come mini­mo obbli­gar­ci ad un’azione più inci­si­va per fer­mar­lo: le nuo­ve coper­tu­re su suo­lo ver­gi­ne han­no riguar­da­to altri 57,5 km2 nell’ultimo anno con una media di 16 etta­ri al gior­no men­tre l’impermeabilizzazione è cre­sciu­ta, com­ples­si­va­men­te, di 22,1 km2.

Sia­mo pur­trop­po ben lon­ta­ni dagli obiet­ti­vi euro­pei, che pre­ve­do­no l’azzeramento del con­su­mo di suo­lo net­to (ovve­ro il bilan­cio tra il con­su­mo di suo­lo e l’aumento di quel­le super­fi­ci che ritor­na­no ad esse­re natu­ra­li) attra­ver­so gli inter­ven­ti di rina­tu­ra­liz­za­zio­ne, il desea­ling o le demolizioni.

E men­tre nel resto d’Europa con la pan­de­mia anco­ra in cor­so le con­si­de­ra­zio­ni ambien­ta­li sono entra­te di dirit­to nel­le rifles­sio­ni per il futu­ro, da noi si pas­sa il tem­po a par­la­re e discu­te­re sen­za una diret­ti­va chia­ra e ben pre­ci­sa da seguire.

Que­sto anche a fron­te del fat­to che il con­su­mo di suo­lo in mol­ti pae­si euro­pei è già sta­to affron­ta­to con una nor­ma­ti­va deci­sa­men­te vin­co­lan­te men­tre da noi l’assoluta man­can­za di una nor­ma­ti­va seria e rigo­ro­sa sta favo­ren­do un incre­men­to che non mostra segna­li di ral­len­ta­men­to e che, in linea con i rile­va­men­ti del pas­sa­to, con­fer­ma la per­di­ta di qua­si due metri qua­dra­ti di suo­lo al secondo.

Emer­ge inol­tre che il con­su­mo di suo­lo è mag­gio­re nel­le zone già for­te­men­te com­pro­mes­se, dove inve­ce di limi­ta­re il con­su­mo e incen­ti­va­re la rina­tu­ra­liz­za­zio­ne si con­ti­nua a costrui­re con­su­man­do suo­lo ver­gi­ne: qua­si la metà del suo­lo per­so nel cor­so degli ulti­mi 12 mesi si tro­va nel­le cit­tà, men­tre un 12,5% in aree cen­tra­li o semi­cen­tra­li e i restan­ti 32% nel­le zone peri­fe­ri­che e meno dense.

Que­sto con­tri­bui­sce a crea­re le cosid­det­te “iso­le di calo­re”, facen­do diven­ta­re le nostre cit­tà sem­pre più cal­de. Duran­te il perio­do esti­vo la dif­fe­ren­za di tem­pe­ra­tu­ra tra un cen­tro abi­ta­to e le zone rura­li è di due gra­di. E que­sta dif­fe­ren­za con­tri­bui­sce e si inne­sta all’interno dei mec­ca­ni­smi deri­van­ti dai cam­bia­men­ti climatici.

La Regio­ne con i nume­ri più pre­oc­cu­pan­ti è il Vene­to, segui­to dal­la Lom­bar­dia, dal­la Puglia, dal­la Sici­lia e dall’Emilia-Romagna. Alla Ligu­ria pur­trop­po spet­ta il tri­ste pri­ma­to di esse­re la Regio­ne con il valo­re più alto di suo­lo con­su­ma­to tra le aree a peri­co­lo­si­tà idraulica.

Come sem­pre i dati con­fer­ma­no che le pri­me ad esse­re “con­su­ma­te” sono le aree natu­ra­li e quel­le agri­co­le: per le pri­me si regi­stra un + 61,5 etta­ri con­su­ma­ti in calo rispet­to all’anno pre­ce­den­te. Altri dati ulte­rior­men­te pre­oc­cu­pan­ti inve­ce ci ven­go­no dal­le zone più a rischio del pae­se: quel­le iden­ti­fi­ca­te a rischio idro­geo­lo­gi­co e a peri­co­lo­si­tà idrau­li­ca media o quel­le a peri­co­lo­si­tà fra­no­sa o a peri­co­lo­si­tà sismi­ca. Anche le coste non se la pas­sa­no asso­lu­ta­men­te bene.

Il con­su­mo di suo­lo in que­ste aree, che meri­te­reb­be­ro ben altre tipo­lo­gie di inter­ven­ti, van­no ad aumen­ta­re i dan­ni che si potreb­be­ro veri­fi­ca­re in caso di even­ti meteo­ro­lo­gi­ci estre­mi, sem­pre più fre­quen­ti e in aumen­to per la quan­ti­tà di acqua sca­ri­ca­ta a terra.

Alle aree agri­co­le per­se cor­ri­spon­de una rica­du­ta sui livel­li di pro­du­zio­ne. Nel perio­do 2012 – 2019 sono sta­ti per­si 3.700.000 quin­ta­li di pro­dot­ti: 2 milio­ni e mez­zo di quin­ta­li di pro­dot­ti da semi­na­ti­vi, 710.000 dal­le forag­ge­re, 266.000 dai frut­te­ti, 200.000 dai vigne­ti e 90.000 dagli oli­ve­ti, con un dan­no eco­no­mi­co di qua­si 7 milio­ni di euro.

Qual­che anno fa fece scal­po­re l’ammontare del debi­to pub­bli­co che ogni neo­na­ta e ogni neo­na­to si ritro­va­no in cul­la appe­na nati. Ecco, dob­bia­mo ini­zia­re ad aggiun­ge­re anche 355 m2 di suo­lo che per­de la sua fun­zio­ne pri­ma­ria per col­pa di cemen­to e asfal­to. A fron­te del­la ridu­zio­ne di nata­li­tà, è come se aves­si­mo 135 m2 di suo­lo per­so in cul­la per ogni nato nel 2019.

La radi­ce di que­ste con­se­guen­ze è sia cul­tu­ra­le che legi­sla­ti­va. Pur­trop­po con un rit­mo di con­su­mo ai livel­li attua­li si è por­ta­ti a sti­ma­re il nuo­vo con­su­mo di suo­lo in 1.556 km2 tra il 2020 e il 2050 men­tre nel­la peg­gio­re del­le ipo­te­si, con i rit­mi di con­su­mo cen­si­ti agli ini­zi degli anni 2000, rag­giun­ge­rem­mo qua­si 8.000 km2. Una vera e pro­pria tra­ge­dia per il futu­ro del nostro paese.

Al con­su­mo vero e pro­prio poi si aggiun­go­no anche altri aspet­ti di cui pre­oc­cu­par­ci e su cui con­cen­trar­ci: il degra­do del suo­lo dato dai cam­bia­men­ti del suo­lo, la fram­men­ta­zio­ne degli habi­tat, l’erosione, la per­di­ta di pro­dut­ti­vi­tà, fat­to­ri che com­pro­met­to­no anche i ser­vi­zi ecosistemici.

Tut­te que­stio­ni che oggi ven­go­no igno­ra­te dal cosid­det­to Gover­no dei miglio­ri, ma che tor­ne­ran­no ahi­noi pre­po­ten­te­men­te d’attualità al pros­si­mo vio­len­to nubi­fra­gio che si abbat­te­rà sul bel paese.

 

 

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.