Culle di cemento – La Pandemia non ferma il consumo di suolo

consumo suolo

La pandemia non ferma il consumo di suolo: questa è l’amarissima considerazione a fronte dei dati aggiornati al 2020. Qualora fossero mantenuti i ritmi di consumo monitorati dall’inizio degli anni 2000, le previsioni per i prossimi anni saranno ancora peggiori.

I numeri del consumo di suolo, drammatici dovrebbero come minimo obbligarci ad un’azione più incisiva per fermarlo: le nuove coperture su suolo vergine hanno riguardato altri 57,5 km2 nell’ultimo anno con una media di 16 ettari al giorno mentre l’impermeabilizzazione è cresciuta, complessivamente, di 22,1 km2.

Siamo purtroppo ben lontani dagli obiettivi europei, che prevedono l’azzeramento del consumo di suolo netto (ovvero il bilancio tra il consumo di suolo e l’aumento di quelle superfici che ritornano ad essere naturali) attraverso gli interventi di rinaturalizzazione, il desealing o le demolizioni.

E mentre nel resto d’Europa con la pandemia ancora in corso le considerazioni ambientali sono entrate di diritto nelle riflessioni per il futuro, da noi si passa il tempo a parlare e discutere senza una direttiva chiara e ben precisa da seguire.

Questo anche a fronte del fatto che il consumo di suolo in molti paesi europei è già stato affrontato con una normativa decisamente vincolante mentre da noi l’assoluta mancanza di una normativa seria e rigorosa sta favorendo un incremento che non mostra segnali di rallentamento e che, in linea con i rilevamenti del passato, conferma la perdita di quasi due metri quadrati di suolo al secondo.

Emerge inoltre che il consumo di suolo è maggiore nelle zone già fortemente compromesse, dove invece di limitare il consumo e incentivare la rinaturalizzazione si continua a costruire consumando suolo vergine: quasi la metà del suolo perso nel corso degli ultimi 12 mesi si trova nelle città, mentre un 12,5% in aree centrali o semicentrali e i restanti 32% nelle zone periferiche e meno dense.

Questo contribuisce a creare le cosiddette “isole di calore”, facendo diventare le nostre città sempre più calde. Durante il periodo estivo la differenza di temperatura tra un centro abitato e le zone rurali è di due gradi. E questa differenza contribuisce e si innesta all’interno dei meccanismi derivanti dai cambiamenti climatici.

La Regione con i numeri più preoccupanti è il Veneto, seguito dalla Lombardia, dalla Puglia, dalla Sicilia e dall’Emilia-Romagna. Alla Liguria purtroppo spetta il triste primato di essere la Regione con il valore più alto di suolo consumato tra le aree a pericolosità idraulica.

Come sempre i dati confermano che le prime ad essere “consumate” sono le aree naturali e quelle agricole: per le prime si registra un + 61,5 ettari consumati in calo rispetto all’anno precedente. Altri dati ulteriormente preoccupanti invece ci vengono dalle zone più a rischio del paese: quelle identificate a rischio idrogeologico e a pericolosità idraulica media o quelle a pericolosità franosa o a pericolosità sismica. Anche le coste non se la passano assolutamente bene.

Il consumo di suolo in queste aree, che meriterebbero ben altre tipologie di interventi, vanno ad aumentare i danni che si potrebbero verificare in caso di eventi meteorologici estremi, sempre più frequenti e in aumento per la quantità di acqua scaricata a terra.

Alle aree agricole perse corrisponde una ricaduta sui livelli di produzione. Nel periodo 2012 – 2019 sono stati persi 3.700.000 quintali di prodotti: 2 milioni e mezzo di quintali di prodotti da seminativi, 710.000 dalle foraggere, 266.000 dai frutteti, 200.000 dai vigneti e 90.000 dagli oliveti, con un danno economico di quasi 7 milioni di euro.

Qualche anno fa fece scalpore l’ammontare del debito pubblico che ogni neonata e ogni neonato si ritrovano in culla appena nati. Ecco, dobbiamo iniziare ad aggiungere anche 355 m2 di suolo che perde la sua funzione primaria per colpa di cemento e asfalto. A fronte della riduzione di natalità, è come se avessimo 135 m2 di suolo perso in culla per ogni nato nel 2019.

La radice di queste conseguenze è sia culturale che legislativa. Purtroppo con un ritmo di consumo ai livelli attuali si è portati a stimare il nuovo consumo di suolo in 1.556 km2 tra il 2020 e il 2050 mentre nella peggiore delle ipotesi, con i ritmi di consumo censiti agli inizi degli anni 2000, raggiungeremmo quasi 8.000 km2. Una vera e propria tragedia per il futuro del nostro paese.

Al consumo vero e proprio poi si aggiungono anche altri aspetti di cui preoccuparci e su cui concentrarci: il degrado del suolo dato dai cambiamenti del suolo, la frammentazione degli habitat, l’erosione, la perdita di produttività, fattori che compromettono anche i servizi ecosistemici.

Tutte questioni che oggi vengono ignorate dal cosiddetto Governo dei migliori, ma che torneranno ahinoi prepotentemente d’attualità al prossimo violento nubifragio che si abbatterà sul bel paese.

 

 

 

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati