Consumo di zucchero: tutto il mondo ne parla (tranne noi)

C’è un dibattito in corso sullo zucchero, e noi non ne sappiamo niente. Se ne parla negli Stati Uniti, se ne parla nel Regno Unito, addirittura in Messico. Ne parlano i più rinomati chef. Il Parlamento Europeo discute di zucchero, e vota. O, più precisamente, discute del consumo di zucchero, individuato dall’Organizzazione mondiale della sanità tra le cause dell’obesità infantile, un fenomeno in preoccupante crescita, per contrastare il quale l’OMS richiede misure che incentivino il consumo di alimenti sani, anche attraverso una «reale tassazione delle bevande zuccherate».

C’è un dibat­ti­to in cor­so sul­lo zuc­che­ro, e noi non ne sap­pia­mo nien­te. Se ne par­la negli Sta­ti Uni­ti, se ne par­la nel Regno Uni­to, addi­rit­tu­ra in Mes­si­co. Ne par­la­no i più rino­ma­ti chef. Il Par­la­men­to Euro­peo discu­te di zuc­che­ro, e vota. O, più pre­ci­sa­men­te, discu­te del con­su­mo di zuc­che­ro, indi­vi­dua­to dall’Orga­niz­za­zio­ne mon­dia­le del­la sani­tà tra le cau­se dell’obe­si­tà infan­ti­le, un feno­me­no in pre­oc­cu­pan­te cre­sci­ta, per con­tra­sta­re il qua­le l’OMS richie­de misu­re che incen­ti­vi­no il con­su­mo di ali­men­ti sani, anche attra­ver­so una «rea­le tas­sa­zio­ne del­le bevan­de zuc­che­ra­te».

Due set­ti­ma­ne fa, come dice­va­mo, si è espres­so il Par­la­men­to euro­peo, attra­ver­so una riso­lu­zio­ne — rela­to­re Keith Tay­lor (Verdi/ALE, UK) — riguar­dan­te un pro­get­to di nor­me comu­ni­ta­rie, pro­po­sto dal­la Com­mis­sio­ne, «che per­met­te­reb­be agli ali­men­ti per i bam­bi­ni di con­ti­nua­re a con­te­ne­re fino a tre vol­te più zuc­che­ro di quan­to rac­co­man­da­to dal­l’Or­ga­niz­za­zio­ne mon­dia­le del­la sani­tà». Si leg­ge nel­la riso­lu­zio­ne che «il rego­la­men­to dele­ga­to pre­ve­de che il 30% del­l’e­ner­gia for­ni­ta dagli ali­men­ti per la pri­ma infan­zia pos­sa pro­ve­ni­re dal­lo zuc­che­ro». Una even­tua­li­tà del tut­to in con­tra­sto con «tut­ti i con­si­gli per la salu­te del­l’Or­ga­niz­za­zio­ne mon­dia­le del­la sani­tà – la qua­le rac­co­man­da di limi­ta­re l’ap­por­to di zuc­che­ri libe­ri affin­ché sia infe­rio­re al 10% del­l’ap­por­to ener­ge­ti­co com­ples­si­vo, e di ridur­lo ulte­rior­men­te a meno del 5% del­l’ap­por­to ener­ge­ti­co com­ples­si­vo per otte­ne­re ulte­rio­ri van­tag­gi in ter­mi­ni di salu­te – e dei comi­ta­ti scien­ti­fi­ci degli Sta­ti mem­bri, che rac­co­man­da­no una signi­fi­ca­ti­va ridu­zio­ne del­l’ap­por­to tota­le di zuc­che­ro». Tra le moti­va­zio­ni, l’accusa più espli­ci­ta è quel­la, quin­di, di non con­te­ne­re «suf­fi­cien­ti misu­re per pro­teg­ge­re i lat­tan­ti e i bam­bi­ni nel­la pri­ma infan­zia dal­l’o­be­si­tà», anche attra­ver­so un siste­ma di eti­chet­ta­tu­ra suf­fi­cien­te­men­te trasparente.

Se pen­sa­te che la mate­ria sia stra­va­gan­te, sap­pia­te che il Par­la­men­to euro­peo è in buo­na com­pa­gnia. Negli Sta­ti Uni­ti, in par­ti­co­la­re, il dibat­ti­to sul con­su­mo di zuc­che­ro – e sull’etichettatura dei pro­dot­ti – è viva­ce come non mai. Nel luglio scor­so fu la stes­sa Food and Drug Admi­ni­stra­tion (F.D.A., l’ente gover­na­ti­vo che si occu­pa del­la rego­la­men­ta­zio­ne di pro­dot­ti ali­men­ta­ri e far­ma­ceu­ti­ci) a pro­por­re che le eti­chet­te sugli ali­men­ti ripor­tas­se­ro la quan­ti­tà di zuc­che­ri aggiun­ti (gli zuc­che­ri che ven­go­no aggiun­ti – appun­to – ai cibi duran­te il loro trat­ta­men­to o la loro pre­pa­ra­zio­ne) come per­cen­tua­le rispet­to alla dose gior­na­lie­ra rac­co­man­da­ta. La que­stio­ne, negli Sta­ti Uni­ti, non è nuo­va al dibat­ti­to pub­bli­co: nel feb­bra­io 2014 la F.D.A. ave­va già avan­za­to una pro­po­sta simi­le, sup­por­ta­ta tra l’altro dal­le dichia­ra­zio­ni di Michel­le Oba­ma: «Il nostro prin­ci­pio gui­da è sem­pli­ce – dichia­rò -: cia­scu­no di noi, in qua­li­tà di geni­to­re e di con­su­ma­to­re, dovreb­be esse­re in gra­do di entra­re in un nego­zio di ali­men­ta­ri e di sce­glie­re un pro­dot­to dal­lo scaf­fa­le, e dovreb­be esse­re in gra­do di valu­ta­re se que­sto è buo­no per la pro­pria fami­glia. Dovrem­mo anche sape­re da dove pro­vie­ne lo zuc­che­ro con­te­nu­to negli ali­men­ti: se lo zuc­che­ro con­te­nu­to nel­lo yogurt è sta­to aggiun­to duran­te la lavo­ra­zio­ne o pro­vie­ne dal­la frut­ta. Si trat­ta di un affa­re enor­me». Tan­to enor­me che «la pro­po­sta – scri­ve il NY Times — ha incon­tra­to imme­dia­ta­men­te le cri­ti­che dei pro­dut­to­ri di ali­men­ti e bevan­de, che soste­ne­va­no che le eti­chet­te potreb­be­ro con­fon­de­re i clien­ti e che i limi­ti die­te­ti­ci sugli zuc­che­ri aggiun­ti non fos­se­ro scien­ti­fi­ca­men­te giu­sti­fi­ca­ti». Tra i cri­ti­ci figu­ra Paul Pol­man, CEO di Uni­le­ver, la mul­ti­na­zio­na­le pro­prie­ta­ria di mol­ti tra i mar­chi più dif­fu­si nel cam­po dell’alimentazione: «non c’è nul­la di sba­glia­to nel con­su­ma­re zuc­che­ro, ma tut­to dipen­de dal­la pro­pria die­ta. Per­so­nal­men­te sono mol­to atten­to alla quan­ti­tà di zuc­che­ro che assu­mo, ma non ho biso­gno di una tas­sa per far­lo, e nem­me­no le altre per­so­ne ne han­no biso­gno».

I timo­ri dei pro­dut­to­ri, quel­li sì, sem­bra­no inve­ce giu­sti­fi­ca­ti. Secon­do un son­dag­gio onli­ne rea­liz­za­to dal­la rivi­sta Pedia­trics, ci sareb­be­ro 20 pun­ti per­cen­tua­li di dif­fe­ren­za tra la pro­pen­sio­ne di un geni­to­re nell’acquistare una bevan­da sen­za eti­chet­ta e una bevan­da con eti­chet­ta “Safe­ty war­ning”, che citi i rischi con­nes­si al con­su­mo di zuc­che­ri aggiun­ti (obe­si­tà, dia­be­te tipo 2, pro­ble­mi per i denti).

Altri Pae­si si stan­no spin­gen­do addi­rit­tu­ra oltre l’etichettatura. Il Mes­si­co – pae­se dell’OCSE col più ele­va­to tas­so di adul­ti sovrap­pre­so o obe­si, e di per­so­ne che sof­fro­no di dia­be­te tipo 2 — , ad esem­pio, dove l’intro­du­zio­ne del­la «Sugar­tax» nel 2014 ha cau­sa­to in un anno una dimu­ni­zio­ne del­le ven­di­te di bevan­de zuc­che­ra­te pari al 12% (e paral­le­la­men­te un aumen­to del 4% del­le ven­di­te di acqua in bot­ti­glia). «Ci sono mol­ti pae­si, in quel­la regio­ne e in altre par­ti del mon­do, che sta­va­no atten­den­do evi­den­ze empi­ri­che del­la misu­ra intro­dot­ta dal Mes­si­co, per valu­ta­re se intro­dur­ne di simi­li», ha dichia­ra­to Fran­co Sas­si, a capo del pro­gram­ma per la salu­te pub­bli­ca dell’OCSE. «Pen­so che sia inco­rag­gian­te per tut­ti i pae­si che stan­no valu­tan­do que­ste misu­re. È la dimo­stra­zio­ne che fun­zio­na­no». E infat­ti il dibat­ti­to è appro­da­to anche al Par­la­men­to bri­tan­ni­co, dove il 13 gen­na­io scor­so Lord Clin­ton-Davis ha inter­ro­ga­to il gover­no: «Non mol­to tem­po fa, il pri­mo mini­stro ha dichia­ra­to che una tas­sa sul­lo zuc­che­ro non fos­se neces­sa­ria. Ora, sol­le­ci­ta­to da esper­ti e da par­la­men­ta­ri di tut­ti i par­ti­ti, ha dichia­ra­to che non è una così cat­ti­va idea. Cosa dovrem­mo fare? La mia idea è che dovrem­mo segui­re l’esempio del Mes­si­co».

E sem­pre dal Regno Uni­to è arri­va­ta l’autorevole opi­nio­ne del­la rivi­sta scien­ti­fi­ca The Lan­cet, secon­do la qua­le «l’obesità neces­si­ta di mol­ta più atten­zio­ne di quel­la che pae­si e orga­niz­za­zio­ni inter­na­zio­na­li le stan­no dedi­can­do. L’obiettivo di ridur­re il con­su­mo di zuc­che­ro intro­du­cen­do una sugar tax è un pic­co­lo pas­so nel­la giu­sta dire­zio­ne. Tut­ta­via, non ci deve distrar­re dal biso­gno di misu­re più pro­fon­de e più ampie».

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.