Concorso polizia, Civati: Parole di Gabrielli riaprono il caso

L'articolo de Il Fatto Quotidiano, che riporta l'intervento del capo della Polizia Franco Gabrielli in un incontro a Nettuno, conferma la versione del nostro deputato Andrea Maestri e smentisce la ricostruzione dello stesso Gabrielli

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1507189419880{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]“L’articolo de Il Fat­to Quo­ti­dia­no, che ripor­ta l’in­ter­ven­to del capo del­la Poli­zia Fran­co Gabriel­li in un incon­tro a Net­tu­no, con­fer­ma la ver­sio­ne del nostro depu­ta­to Andrea Mae­stri e smen­ti­sce la rico­stru­zio­ne del­lo stes­so Gabriel­li sul con­cor­so per ispet­to­re di Poli­zia fini­to nel­la bufe­ra per le accu­se di irre­go­la­ri­tà”. Lo dichia­ra il depu­ta­to e segre­ta­rio di Pos­si­bi­le, Pip­po Civa­ti, sul­la vicen­da sol­le­va­ta ieri duran­te il que­stion time alla Camera.

“La discre­pan­za del­le posi­zio­ni tra Min­ni­ti e Gabriel­li — aggiun­ge Civa­ti — è evi­den­te nel­l’ar­ti­co­lo del Fat­to: per il mini­stro del­l’In­ter­no va tut­to bene, per il capo del­la Poli­zia è un pastroc­chio, pro­prio come ave­va spie­ga­to Mae­stri in Aula a Mon­te­ci­to­rio. La smen­ti­ta di Gabriel­li, fat­ta attra­ver­so una nota, vie­ne a sua vol­ta smen­ti­ta dai fat­ti e dal­le paro­le. E in mez­zo ci sono fini­ti cen­ti­na­ia di agen­ti che chie­do­no solo un con­cor­so sen­za ombre”.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.