Con questo governo la scuola cambia in peggio, mobilitiamoci tutti

“Seguire i soldi” è sempre la via maestra, nella lotta alla mafia come in politica o nella vita quotidiana, per capire quali sono i veri scopi delle persone. Per questo governo, i soldi si spostano non verso la scuola, ma lontano da essa: nei prossimi 3 anni ci saranno 4 miliardi di euro in meno per l’istruzione e – cosa più grave – 1,3 miliardi di essi verranno tolti ai fondi per il sostegno ed il supporto agli alunni con Bisogni Educativi Speciali.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]“Seguire i sol­di” è sem­pre la via mae­stra, nel­la lot­ta alla mafia come in poli­ti­ca o nel­la vita quo­ti­dia­na, per capi­re qua­li sono i veri sco­pi del­le per­so­ne. Per que­sto gover­no, i sol­di si spo­sta­no non ver­so la scuo­la, ma lon­ta­no da essa: nei pros­si­mi 3 anni ci saran­no 4 miliar­di di euro in meno per l’istruzione e – cosa più gra­ve – 1,3 miliar­di di essi ver­ran­no tol­ti ai fon­di per il soste­gno ed il sup­por­to agli alun­ni con Biso­gni Edu­ca­ti­vi Speciali.

Non ser­ve nean­che sta­re ad elen­ca­re le con­se­guen­ze nefa­ste di scel­te come que­ste, per­ché chiun­que può imma­gi­nar­le, a par­ti­re dai geni­to­ri dei ragaz­zi diver­sa­men­te abi­li (che quo­ti­dia­na­men­te invo­ca­no – al con­tra­rio – aiu­to, tute­la e mag­gio­ri inve­sti­men­ti) pas­san­do per tut­ti colo­ro che lavo­ra­no nel­la scuo­la e anche per qua­lun­que per­so­na di buon senso.

Que­sta scel­ta si inse­ri­sce in una poli­ti­ca che non da ora, ben­sì da anni, è ter­ri­bil­men­te mio­pe, da anni sot­trae risor­se all’istruzione e alla ricer­ca — ma anche alla sani­tà pub­bli­ca – per con­cen­trar­si su man­cet­te elet­to­ra­li e rega­lie ad ami­ci pri­va­ti, sven­den­do di fat­to il futu­ro del Pae­se e di que­gli stes­si gio­va­ni che oggi fre­quen­ta­no le nostre scuole.

La finan­zia­ria appe­na appro­va­ta costi­tui­sce, dun­que, un ulte­rio­re pas­so ver­so la distru­zio­ne del­la scuo­la pub­bli­ca, ver­so l’esclusione dei ragaz­zi che andreb­be­ro inclu­si, ver­so la dif­fu­sio­ne dell’ignoranza che gene­ra pover­tà e non ric­chez­za in un Pae­se. Qua­lun­que docen­te lo sa. E chiun­que sa che seguen­do i sol­di non si arri­va mai agli inse­gnan­ti, anche per­ché gli inse­gnan­ti non inse­guo­no i soldi.

Noi sia­mo una cate­go­ria stra­na, for­se non sia­mo nean­che una cate­go­ria. Con­si­de­ria­mo que­sta pro­fes­sio­ne una vera e pro­pria “mis­sio­ne” a cui dedi­ca­re tut­te le nostre risor­se per­so­na­li, sba­glian­do, per­ché sia­mo innan­zi­tut­to dei pro­fes­sio­ni­sti che van­no retri­bui­ti degna­men­te per quel­lo che fan­no e per l’importanza stra­te­gi­ca del pro­prio lavo­ro. Anzi, pro­prio il nostro sen­tir­ci “mis­sio­na­ri” è sta­to da sem­pre – e soprat­tut­to ulti­ma­men­te, viste le recen­ti dichia­ra­zio­ni del mini­stro Bus­set­ti – lo stru­men­to gra­zie al qua­le i gover­ni non ci han­no mai rico­no­sciu­to aumen­ti sala­ria­li degni di que­sto nome e, soprat­tut­to, han­no sem­pre più dimi­nui­to le risor­se com­ples­si­va­men­te desti­na­te all’istruzione, spo­stan­do i sol­di – sem­pre meno – come al gio­co del­le tre car­te, da una voce all’altra: toglie­re fon­di al per­so­na­le e spo­star­ne (un po’ di meno) sul fun­zio­na­men­to e poi da qui all’edilizia per spo­star­ne di nuo­vo. Per­ché aumen­ta­re i fon­di alla scuo­la, quan­do nes­sun isti­tu­to si fer­me­rà mai, dal momen­to che inse­gnan­ti e per­so­na­le ATA sono pron­ti a rimet­ter­ci del loro, pur di far­lo funzionare?

E inve­ce no. Inve­ce per la scuo­la e per i suoi lavo­ra­to­ri occor­ro­no risor­se, tan­te. La buo­na volon­tà e la voca­zio­ne non basta­no, da sole, a fare un’istruzione che sia dav­ve­ro di qualità.

Tut­ta­via, nono­stan­te gli sti­pen­di abbon­dan­te­men­te sot­to la media UE, a cau­sa del nostro pecu­lia­re sen­tir­ci “voca­ti”, è dif­fi­ci­le por­ta­re in piaz­za noi docen­ti per­ché non voglia­mo far per­de­re il gior­no di lezio­ne agli stu­den­ti, per non “resta­re indie­tro”. Sem­bra che ormai i sin­da­ca­ti lo sap­pia­no e infat­ti ci mobi­li­ta­no sem­pre meno (e se ne com­pren­de la ragione).

Per que­sto, con la for­za del­la nostra pas­sio­ne e del­la nostra “voca­zio­ne”, ci rivol­gia­mo pro­prio ai sin­da­ca­ti, tut­ti, con­fe­de­ra­ti e non: dove­te, dob­bia­mo mobi­li­ta­ci tut­te e tut­ti; dob­bia­mo mobi­li­tar­ci quan­do ci tol­go­no anche un solo cen­te­si­mo per il soste­gno e per l’assistenza ai ragaz­zi con BES (e ci han­no tol­to 1,3 miliar­di!), quan­do gli USR ci costrin­go­no a fare clas­si di 28 alun­ni anche in pre­sen­za di alun­ni diver­sa­men­te abi­li “per­ché i sol­di non ci sono”, quan­do la poli­ti­ca attac­ca la nostra liber­tà di inse­gna­men­to cer­can­do di costrin­ger­ci a dare o non dare i com­pi­ti, a par­la­re o non par­la­re di Dio in clas­se, addi­rit­tu­ra – come avvie­ne con lo scan­da­lo­so caso del sin­da­co di Fro­si­no­ne — a fare la set­ti­ma­na cor­ta per ordi­nan­za, in vir­tù di ragio­ni ambien­ta­li, sen­za discu­te­re affat­to del­le esi­gen­ze didat­ti­che. Dove­te, dob­bia­mo mobi­li­tar­ci quan­do la poli­ti­ca pro­get­ta di spac­ca­re il mon­do del­la scuo­la, inse­ren­do­la nel pia­no di auto­no­mia dif­fe­ren­zia­ta regio­na­le con l’intento di distrug­ge­re il prin­ci­pa­le col­lan­te isti­tu­zio­na­le del Pae­se, crean­do dispa­ri­tà tra le scuo­le del­le regio­ni “ric­che” e di quel­le che potran­no stan­zia­re meno fondi.

Per un docen­te, com­bat­te­re per que­sti temi signi­fi­ca dare un mes­sag­gio dav­ve­ro edu­ca­ti­vo e civi­co agli stu­den­ti e que­ste sono bat­ta­glie che gli inse­gnan­ti pos­so­no com­bat­te­re insie­me ai geni­to­ri, al per­so­na­le ATA, agli assi­sten­ti spe­cia­li­sti­ci, insom­ma insie­me a tut­ti colo­ro che costi­tui­sco­no la comu­ni­tà edu­can­te dei nostri giovani.

I tagli pre­vi­sti dal­la leg­ge di bilan­cio saran­no a pie­no regi­me dal 2020. Abbia­mo anco­ra un anno davan­ti a noi: que­sto 2019 che è appe­na ini­zia­to. Per que­sto lo chie­dia­mo for­te ai sin­da­ca­ti: mobi­li­tia­mo­ci! Mobi­li­tia­mo­ci tutti!

Come Comi­ta­to Scuo­la di Pos­si­bi­le chie­dia­mo che ci si uni­sca final­men­te in piaz­za per difen­de­re ciò che del­la scuo­la più ci inte­res­sa: la didat­ti­ca e l’unità del­la scuo­la sta­ta­le. Chie­dia­mo che sin­da­ca­ti e poli­ti­ca si uni­sca­no, nel rispet­to reci­pro­co dei ruo­li, in que­sta bat­ta­glia final­men­te lungimirante.

E che sia un 2019 che abbia alla base la scuo­la, che intor­no ad essa ci veda atti­vi tut­ti, lavo­ra­to­ri, geni­to­ri e stu­den­ti, in una comu­ne bat­ta­glia per il futu­ro dei nostri ragaz­zi e dun­que del nostro Paese.

San­dra Pen­ge[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Il governo è allergico al dissenso. Ma manifestare è un diritto

In que­sto caso la leg­ge non è “ad per­so­nam” ma let­te­ral­men­te “ad pro­te­stam”: ina­spri­men­to del­le pene per chi vie­ne accu­sa­to di resi­sten­za a un pub­bli­co uffi­cia­le se sta cer­can­do di impe­di­re la rea­liz­za­zio­ne di un’opera pub­bli­ca o di un’infrastruttura strategica.

A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si