Classi chiuse, classismo aperto

Un Governo che si dimentica di prendere in considerazione determinati parametri - come l’accesso al cibo quando decide di impedire ai bambini di andare a scuola - è un Governo che ha perso di vista l’unica bussola politica che vale la pena seguire: l’uguaglianza.

Il pro­ble­ma del­le scuo­le chiu­se non è solo la DaD.

Secon­do le sti­me di Save the Chil­dren, per più di 160.000 bam­bi­ni la chiu­su­ra del­le scuo­le ha signi­fi­ca­to un osta­co­lo all’accesso per alme­no due dirit­ti fon­da­men­ta­li: istru­zio­ne e sicu­rez­za ali­men­ta­re, quest’ultima lega­ta alla chiu­su­ra del­le men­se sco­la­sti­che. Ne abbia­mo già par­la­to con “Alla base la scuo­la”, la cam­pa­gna di Pos­si­bi­le sul­la Scuo­la.

Vive­re in situa­zio­ni di pover­tà tali dovreb­be esse­re rite­nu­to inac­cet­ta­bi­le per una demo­cra­zia occi­den­ta­le. Per un pae­se — così det­to — “svi­lup­pa­to”.

E non è un pro­ble­ma di soli­da­rie­tà, ma di pro­get­tua­li­tà politica.
Nel­la lista dei Sustai­na­ble Deve­lo­p­ment Goals, l’agenda del 2030 del­le Nazio­ne Uni­te met­te al pri­mo posto lo sra­di­ca­men­to del­la povertà.
Il pri­mo tar­get, in ter­mi­ni di prio­ri­tà di poli­cy, è pro­prio quel­lo di scon­fig­ge­re l’indigenza ovun­que e in ogni sua for­ma, al fine di garan­ti­re mag­gior benes­se­re ai bam­bi­ni e alle loro famiglie.

L’obbiettivo nume­ro due, inti­to­la­to “zero hun­ger”, pun­ta alla rea­liz­za­zio­ne di un mon­do sen­za fame e, va da sé, scon­fig­ge­re la mal­nu­tri­zio­ne signi­fi­ca popo­la­zio­ni più sane, rap­pre­sen­ta una for­ma di pre­ven­zio­ne nel­lo svi­lup­po e nel­la dif­fu­sio­ne di malat­tie e in una rispo­sta più for­te da par­te degli indi­vi­dui che ven­go­no colpiti.
Banal­men­te, una popo­la­zio­ne più sana rispon­de meglio alle infe­zio­ni vira­li, men­tre sog­get­ti mal­nu­tri­ti han­no mag­gio­ri pro­ba­bi­li­tà di mori­re per malat­tie che pos­so­no esse­re facil­men­te pre­ve­nu­te dai vac­ci­ni, e que­sto suc­ce­de soprat­tut­to ai bambini.

Que­ste con­di­zio­ni sono lar­ga­men­te dif­fu­se nel Sud del mon­do e, pur­trop­po, ci sia­mo abi­tua­ti a tali osce­ni­tà e qual­cu­no lo ritie­ne sop­por­ta­bi­le: ma solo quan­do suc­ce­de nei pae­si in via di svi­lup­po. Tan­to che ci invi­ta­no con­ti­nua­men­te ad aiu­tar­li a casa loro.
Quel­lo che sfug­ge, però, è che i pae­si svi­lup­pa­ti han­no pre­so una chi­na che va nel­la stes­sa dire­zio­ne. Per­ché un Gover­no che si dimen­ti­ca di pren­de­re in con­si­de­ra­zio­ne deter­mi­na­ti para­me­tri — come l’accesso al cibo quan­do deci­de di impe­di­re ai bam­bi­ni di anda­re a scuo­la — è un Gover­no che ha per­so di vista l’unica bus­so­la poli­ti­ca che vale la pena segui­re: l’uguaglianza.

E non è solo una que­stio­ne redi­stri­bu­ti­va, ma di visio­ne di insieme.

Se duran­te una pan­de­mia glo­ba­le, dopo 13 mesi di sospen­sio­ne dei dirit­ti per­so­na­li, il pro­ble­ma è garan­ti­re le vacan­ze di Pasqua all’estero o nel­le secon­de case, è chia­ro che non si sta facen­do nien­te per ridur­re quel­la dico­to­mia pira­mi­da­le che spac­ca la col­let­ti­vi­tà in due, con pesi deci­sa­men­te mal distri­bui­ti, e fa sal­ta­re qua­lun­que tipo di pat­to sociale.

For­se non va più di moda par­la­re di lot­ta di clas­se, ma sicu­ra­men­te dob­bia­mo ini­zia­re a ragio­na­re in ter­mi­ni di supe­ra­men­to di cer­te dif­fe­ren­ze che deter­mi­na­no sì uno sce­na­rio clas­si­sta e distrut­ti­vo del tes­su­to socio-eco­no­mi­co di un pae­se che, a que­ste con­di­zio­ni, non ce la può fare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.