Ma Civati sbaglia: la fiducia sul Rosatellum è un atto degno. Degno di loro

Gli stessi parlamentari eletti e divenuti maggioranza in virtù di una legge incostituzionale, approvarono un’altra legge elettorale con la forza dei numeri, prima di vedersela, come la precedente, cassata dalla Consulta.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1507640315121{margin-top: 20px !important;}”]«Dopo la riu­nio­ne di mag­gio­ran­za ho tele­fo­na­to al pre­mier Pao­lo Gen­ti­lo­ni rife­ren­do che la valu­ta­zio­ne del­la mag­gio­ran­za sareb­be che è oppor­tu­na la fidu­cia per­ché il testo è frut­to di un fati­co­so equi­li­brio tra mag­gio­ran­za e oppo­si­zio­ne e sot­to­por­lo ai voti segre­ti met­te­reb­be in dif­fi­col­tà il com­ples­so del testo». Così il capo­grup­po Pd alla Came­ra, Etto­re Rosa­to.

Le paro­le del depu­ta­to che dà il nome alla pro­po­sta di leg­ge elet­to­ra­le sono un con­cen­tra­to di con­fu­sio­ne. Dice che il testo è il frut­to di un fati­co­so equi­li­brio fra mag­gio­ran­za e mino­ran­za, però dimen­ti­ca di dire che la par­te più gros­sa di que­sta, il M5S, non è ricom­pre­so nel pat­to, anzi, pare volu­ta­men­te esclu­so. Inol­tre, quel­lo stes­so equi­li­brio fra chi sostie­ne il gover­no e chi, alme­no a paro­le, vi si oppo­ne, lo si vuol far pas­sa­re con un atto d’imperio dei soli pri­mi, a meno di non imma­gi­na­re che pure i secon­di voti­no la fidu­cia, smet­ten­do così, anche nel­la for­ma, di esse­re oppo­si­zio­ne. Infi­ne, chie­de la que­stio­ne di fidu­cia alla Came­ra, dove il par­ti­to del cui grup­po è egli stes­so pre­si­den­te è mag­gio­ran­za pra­ti­ca­men­te da solo, temen­do il voto segre­to, nei fat­ti, dan­do per scon­ta­to che nem­me­no i suoi la vote­reb­be­ro, sen­za il ricat­to del­la cadu­ta del Gover­no. Nul­la di nuo­vo, ver­reb­be da dire: la fidu­cia sul­la leg­ge elet­to­ra­le l’abbiamo già vista. E non sto par­lan­do del Ven­ten­nio o degli albo­ri del­la Repub­bli­ca, sto par­lan­do di un paio di anni fa, quan­do gli stes­si par­la­men­ta­ri elet­ti e dive­nu­ti mag­gio­ran­za in vir­tù di una leg­ge inco­sti­tu­zio­na­le, ne appro­va­ro­no un’altra con la for­za dei nume­ri, pri­ma di veder­se­la, come la pre­ce­den­te, cas­sa­ta dal­la Con­sul­ta.

Ecco per­ché Civa­ti sba­glia nel defi­ni­re la richie­sta e la pro­ba­bi­le con­ces­sio­ne del voto di fidu­cia sul Rosa­tel­lum «una ver­go­gna, un atto inde­gno». Dopo­tut­to, lo ammet­te lo stes­so segre­ta­rio di Pos­si­bi­le, quan­do spie­ga che, così facen­do, Gen­ti­lo­ni fareb­be «come Ren­zi con l’Ita­li­cum; met­te­re la fidu­cia su una leg­ge elet­to­ra­le con evi­den­ti pro­fi­li di incostituzionalità».

No, Pip­po: la fidu­cia sul­la leg­ge elet­to­ra­le è pur­trop­po un atto degno. Degno di loro, ovvia­men­te.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.