Chi inquina paga ma non abbastanza

Nel complesso, le tasse ambientali valgono 50 miliardi di euro l’anno, una discreta somma, pensereste. Peccato che il gettito raccolto non abbia una destinazione congrua rispetto al principio che lo genera. L’ISTAT attesta che solo l’1% circa del gettito delle imposte ambientali è destinato a finanziare spese per la protezione dell’ambiente.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Il prin­ci­pio PPP, Pol­lu­ter pay prin­ci­ple, è una chi­me­ra se valu­ta­to in un qua­dro gene­ra­le dove il più fur­bo ha sem­pre la meglio. Qual­sia­si nuo­va strut­tu­ra fisca­le che sia orien­ta­ta a tale cri­te­rio deve con­fron­tar­si con un con­te­sto ove le mul­ti­na­zio­na­li appli­ca­no scien­te­men­te pro­fit shif­ting e altre stra­te­gie elu­si­ve, sen­za il ben­ché mini­mo con­tra­sto da par­te dei gover­ni nazio­na­li. In Ita­lia, inol­tre, l’insieme del­le ‘tas­se ambien­ta­li’ è for­te­men­te squi­li­bra­to in quan­to non pre­mia chi inqui­na poco e non col­pi­sce in misu­ra ade­gua­ta chi inqui­na mol­to. Secon­do uno stu­dio del Sena­to, nel 2013 le fami­glie han­no paga­to il 70% in più rispet­to ai dan­ni crea­ti, le impre­se il 26% in meno. Il record degli scon­ti, 93%, va all’agricoltura.

Il ruo­lo pre­do­mi­nan­te lo rive­sto­no le acci­se che però, solo quan­do sono appli­ca­te ai car­bu­ran­ti e ai vei­co­li «pos­so­no teo­ri­ca­men­te costi­tui­re uno stru­men­to per l’at­tua­zio­ne del prin­ci­pio ‘Chi inqui­na paga’», men­tre l’ac­ci­sa sul­l’e­ner­gia elet­tri­ca e gli one­ri di siste­ma «non rap­pre­sen­ta­no più tale prin­ci­pio, ma piut­to­sto quel­lo del “con­su­ma­to­re paga” (“User pays”), in quan­to non è diret­ta­men­te lui a pro­dur­re l’in­qui­na­men­to» (Andrea Moloc­chi, UVI — Uffi­cio Valu­ta­zio­ne Impat­to, Sena­to del­la Repub­bli­ca, Dicem­bre 2017).

Alme­no quat­tro set­to­ri dell’economia, tra i 64 esa­mi­na­ti dal­lo stu­dio, risul­ta­no col­pi­ti dal­la tas­sa­zio­ne in manie­ra del tut­to mar­gi­na­le rispet­to ai costi ambien­ta­li gene­ra­ti e sca­ri­ca­ti sul­la col­let­ti­vi­tà: tra­spor­to marit­ti­mo, 1%; tra­spor­to aereo, 6%; agri­col­tu­ra, 6,6%; elet­tri­ci­tà e gas, 16,9%. Allo stes­so tem­po, il set­to­re mani­fat­tu­rie­ro, che rispet­to ad altri è tas­sa­to in modo coe­ren­te con il prin­ci­pio PPP, mostra una for­te spe­re­qua­zio­ne fisca­le al suo inter­no, ovve­ro fra le sue dif­fe­ren­ti bran­che: sono quat­tro i set­to­ri che paga­no mol­to meno di quan­to dovreb­be­ro e sono coke e raf­fi­na­zio­ne; vetro, cera­mi­ca, cemen­to e altri mine­ra­li; metal­lur­gia; indu­stria del­la carta.

Nel com­ples­so, le tas­se ambien­ta­li val­go­no 50 miliar­di di euro l’anno, una discre­ta som­ma, pen­se­re­ste. Pec­ca­to che il get­ti­to rac­col­to non abbia una desti­na­zio­ne con­grua rispet­to al prin­ci­pio che lo gene­ra. L’ISTAT atte­sta che solo l’1% cir­ca del get­ti­to del­le impo­ste ambien­ta­li è desti­na­to a finan­zia­re spe­se per la pro­te­zio­ne dell’ambiente. Del resto non v’è cer­tez­za: nes­su­no sino­ra ha effet­ti­va­men­te map­pa­to la desti­na­zio­ne effet­ti­va di que­sti dena­ri. Entra­no nel cal­de­ro­ne del get­ti­to com­ples­si­vo, e basta. Tan­to più che spes­so, per far cas­sa velo­ce­men­te, i gover­ni ritoc­ca­no le acci­se sui car­bu­ran­ti: avvie­ne siste­ma­ti­ca­men­te in segui­to a even­ti cala­mi­to­si, anche di natu­ra atmo­sfe­ri­ca. Il para­dos­so è chia­ro, la leva del­la tas­sa­zio­ne ambien­ta­le non vie­ne usa­ta per pre­ve­ni­re ben­sì esclu­si­va­men­te per paga­re i dan­ni dell’emergenza cli­ma­ti­ca.

L’apice del­la schi­zo­fre­nia si rag­giun­ge però con l’abbinamento di tas­sa­zio­ne insuf­fi­cien­te e sus­si­di sta­ta­li. Secon­do il rap­por­to Pha­se-out 2020 — Moni­to­ring Europe’s fos­sil fuel sub­si­dies (set­tem­bre 2017),  i sus­si­di dei gover­ni euro­pei sono desti­na­ti in manie­ra spro­por­zio­na­ta ai pro­dot­ti ener­ge­ti­ci di ori­gi­ne fos­si­le. La mag­gior par­te di essi è indi­riz­za­ta al set­to­re dei tra­spor­ti (il 44% del tota­le). Secon­do lo stu­dio di Moloc­chi, «oltre il 97% dei sus­si­di dan­no­si per l’ambiente (SAD) è costi­tui­to da scon­ti fisca­li, mol­ti dei qua­li sono ero­ga­ti anche a bene­fi­cio del­le atti­vi­tà più inqui­nan­ti». Set­to­ri come il tra­spor­to aereo, il tra­spor­to marit­ti­mo, la pesca, la raf­fi­na­zio­ne, l’agricoltura e l’allevamento, che pre­sen­ta­no costi ambien­ta­li rela­ti­va­men­te alti,  rice­vo­no volu­mi altis­si­mi di sus­si­di.

La doman­da di equi­tà e di giu­sti­zia cli­ma­ti­ca dovreb­be quin­di inve­sti­re in pri­mo luo­go il modo con cui si defi­ni­sco­no le rego­le del­la tas­sa­zio­ne ambien­ta­le, la desti­na­zio­ne del suo get­ti­to e l’uso del­la leva di sus­si­di e incen­ti­vi per orien­ta­re la scel­ta del mer­ca­to ver­so un model­lo ‘car­bon zero’. Ma la cor­ni­ce di un siste­ma fisca­le regres­si­vo negli effet­ti, che rinun­cia al recu­pe­ro del man­ca­to get­ti­to, che tol­le­ra un’evasione altis­si­ma, non è un buon bigliet­to da visi­ta e rischia di esse­re il prin­ci­pa­le ambi­to di ripro­du­zio­ne del­le disu­gua­glian­ze sul qua­le si inse­ri­ran­no i fat­to­ri di rischio dell’emergenza cli­ma­ti­ca.  [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.