Prima gli italiani, se rimpatriano e (soprattutto) se ricchi

Questa norma sarebbe una ulteriore agevolazione per gli stranieri titolari di grandi patrimoni in cerca dello sconto giusto. Da un bel po' e con maggiore aggressività dopo la Brexit si stanno moltiplicando le misure degli altri Paesi per attirare aziende e residenti facoltosi, che in pratica si rubano contributi a vicenda

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Qualche gior­no fa anche ne La Gaz­zet­ta del­lo Sport si par­la­va del cosi­det­to decre­to Cre­sci­ta, n.34 del 30 apri­le scor­so. L’ar­ti­co­lo 5 ha mes­so in fibril­la­zio­ne il mon­do del cal­cio (e non solo). Si trat­ta del­la super-age­vo­la­zio­ne fisca­le per i lavo­ra­to­ri dal­l’e­ste­ro (anche ita­lia­ni). Con il tito­lo Rien­tro dei cer­vel­li l’ar­ti­co­lo 5 rivo­lu­zio­na la nor­ma­ti­va pre­ce­den­te (D.Lgs n.147 del 14 set­tem­bre 2015) sul regi­me fisca­le spe­cia­le per i lavo­ra­to­ri rim­pa­tria­ti. Pre­ve­de un abbat­ti­men­to del 70% del­l’im­po­ni­bi­le sui red­di­ti da lavo­ro dipen­den­te e i red­di­ti assi­mi­la­ti a quel­li di lavo­ro auto­no­mo pro­dot­ti in Ita­lia da lavo­ra­to­ri che tra­sfe­ri­sco­no qui la loro resi­den­za. Le con­di­zio­ni prin­ci­pa­li sono la resi­den­za all’e­ste­ro da alme­no due anni, l’im­pe­gno a tra­sfe­rir­si in Ita­lia per mini­mo due e che l’at­ti­vi­tà lavo­ra­ti­va sia svol­ta pre­va­len­te­men­te nel ter­ri­to­rio ita­lia­no. Lascian­do al con­cet­to di pre­va­len­za un ampio mar­gi­ne di inter­pre­ta­zio­ne. Si appli­ca anche ai red­di­ti d’im­pre­sa degli impa­tria­ti sen­za pre­ve­de­re alcun tipo di con­di­zio­ne cir­ca il ruo­lo, qua­li­fi­ca o spe­cia­liz­za­zio­ne. Con la pos­si­bi­li­tà di allun­ga­re il bene­fi­cio per altri cin­que anni (anche dimez­za­to) se se si acqui­sta una casa o si ha un figlio a cari­co. Se poi la resi­den­za la si tra­sfe­ri­sce in Abruz­zo, Cam­pa­nia, Cala­bria, Moli­se, Puglia, Basi­li­ca­ta, Sar­de­gna e Sici­lia lo scon­to sul­l’im­po­ni­bi­le diven­ta del 90%.

Su un red­di­to di 100 mila euro un cit­ta­di­no comu­ne paga 36.170 euro di Irpef, i rim­pa­tria­ti che si tra­sfe­ri­sco­no nel­le regio­ni cita­te paghe­reb­be­ro 2.300 euro.

Ben ven­ga­no nor­me per far tor­na­re i ‘cer­vel­li in fuga’, chi ha con­se­gui­to ele­va­ti tito­li di qua­li­fi­ca­zio­ne o spe­cia­liz­za­zio­ne che sono emi­gra­ti (la som­ma dei costi del­la sola istru­zio­ne dei nostri con­cit­ta­di­ni emi­gra­ti, che lo Sta­to ha soste­nu­to, è sti­ma­ta in 12 miliar­di) per ripor­ta­re a casa quel capi­ta­le uma­no, fat­to di talen­to, cono­scen­za e rela­zio­ni che con­tri­bui­sce ad arric­chi­re i Pae­si nei qua­li risie­do­no ora. Però que­sta nor­ma riguar­da un po’ tut­ti, sen­za distin­zio­ni, anche quel­li che han­no scel­to di risie­de­re all’e­ste­ro per soli moti­vi fisca­li. Inol­tre il testo del decre­to non spe­ci­fi­ca da nes­su­na par­te che riguar­da spe­ci­fi­ca­ta­men­te i cit­ta­di­ni ita­lia­ni (altro che pri­ma gli ita­lia­ni!). Pro­prio qui si inse­ri­sce l’ot­ti­ma inter­pre­ta­zio­ne che ne da Lau­di­sa in ambi­to calcistico:

”Una nor­ma pre­vi­sta dal decre­to Cre­sci­ta ‘aper­ta’ a ogni gene­re di lavo­ra­to­re potreb­be dare una gros­sa mano al cal­cio ita­lia­no. Come? Con una tas­sa­zio­ne mol­to con­ve­nien­te per chi deci­de di lavo­ra­re in Ita­lia, per alme­no due anni, dopo esse­re sta­to all’e­ste­ro per alme­no altri due. Rien­tra in que­sta cate­go­ria, ad esem­pio, Aaron Ram­sey appe­na com­pra­to dal­la Juve, ma non Mau­ri­zio Sar­ri che è sta­to a Lon­dra sol­tan­to una sta­gio­ne. E non è tut­to: il decre­to pre­ve­de una age­vo­la­zio­ne anco­ra mag­gio­re per le regio­ni del Sud Ita­lia, dove le impo­ste si paga­no non sul 30%, ma solo sul 10% del­l’im­po­ni­bi­le. Ecco per­chè il Napo­li può fare una supe­rof­fer­ta allo Uni­ted per Lukaku..”

Para­dos­sal­men­te Cri­stia­no Ronal­do, che usu­frui­sce del­le nor­ma sui Pape­ro­ni, con­te­nu­ta nel­la leg­ge di Bilan­cio 2017 (ne abbia­mo già par­la­to qui) sui gua­da­gni in Ita­lia con­ti­nue­reb­be a paga­re un’a­li­quo­ta del 43%. Que­sta nor­ma sareb­be una ulte­rio­re age­vo­la­zio­ne per gli stra­nie­ri tito­la­ri di gran­di patri­mo­ni in cer­ca del­lo scon­to giu­sto. Da un bel po’ e con mag­gio­re aggres­si­vi­tà dopo la Bre­xit si stan­no mol­ti­pli­can­do le misu­re degli altri Pae­si per atti­ra­re azien­de e resi­den­ti facol­to­si, che in pra­ti­ca si ruba­no con­tri­bu­ti a vicen­da (risul­tan­do in gran par­te dan­neg­gia­ti da que­ste poli­ti­che fisca­li, pic­co­li para­di­si a par­te). Come ha scrit­to anche De Bor­to­li ”la rispo­sta ita­lia­na è sta­ta mode­sta, se non nul­la, nel ver­san­te socie­ta­rio e con­trad­di­to­ria per quan­to riguar­da il trat­ta­men­to del­le per­so­ne fisi­che”, insom­ma a que­sta nor­ma sul rien­tro dei cer­vel­li (tut­ti sen­za distin­zio­ne) fan­no da con­tral­ta­re gli ita­lia­ni che paga­no tut­to fino in fon­do (e lo stes­so vale per gli scu­di, i con­do­ni e gli scon­ti vari visti negli ulti­mi anni) e che sono pena­liz­za­ti dal sem­pli­ce fat­to di resta­re in Italia.

Il decre­to deve esse­re con­ver­ti­to in leg­ge entro il 29 giu­gno. Ci sarà un rav­ve­di­men­to del Governo?

Ver­ran­no inse­ri­te nuo­ve e più strin­gen­ti con­di­zio­ni? Oppu­re lasce­ran­no col fia­to sospe­so i pro­ta­go­ni­sti del cal­cio mer­ca­to e i con­tri­buen­ti così a lun­go cer­can­do di distrar­ci tut­ti coi mini­bot?[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.